domenica 19 novembre 2017

Noel Gallagher: "Mia moglie mi ha detto: 'Sei un femminista!'. Don't Look Back in Anger? Ormai ha preso vita a sé e questo mi affascina"

Ai microfoni di Virgin Radio UK Noel Gallagher ha raccontato come la moglie Sara McDonald gli abbia dato del "femminista", con grande stupore di Noel, e come Don't Look Back in Anger, pezzo ormai divenuto inno di pace contro il terrorismo, abbia assunto vita propria, lasciandolo a bocca aperta. L'audio della chiacchierata è alla fine di questo post.

"Molte delle canzoni di questo album", ha detto l'ex Oasis, "sono partite come strumentali. Le ho portate con me quando ero nell’ultimo tour e le ho ascoltate molto e le idee si proponevano da sole. E le canzoni mi hanno suggerito la gioia e la bellezza delle donne suppongo, non lo so. Ovviamente se dovessi fare dei progetti con una donna, sarebbe quella con cui trascorro ogni giorno. Una sera a casa io e mia moglie abbiamo discusso. Lei era con una sua amica, io ero al piano di sopra a guardare la TV e mi sono fatto trascinare in cucina e ho finito per ubriacarmi con loro. C’era questa conversazione sul femminismo. E io ho fatto: 'Femminismo? Pff, non mi importa'.  E mia moglie mi fa: 'Ma tu sei un femminista'. E non l’avevo mai vista in questi termini. E lei mi ha elencato tutte le ragioni per cui io ero un femminista. Quali? Perché io vedo le donne alla pari e non vedo differenze con gli uomini. Io non mi ero reso conto di essere un femminista fino a che non mi hanno dato questo distintivo sei donne ubriache sedute ad un tavolo che mi hanno detto: 'Tu sei uno di loro'. E io ho fatto: 'OK!' ...".

A proposito di Don't Look Back in Anger Noel dice: "Sono affascinato dal fatto che la gente prenda le canzoni, le inserisca nella propria vita e che per loro significhino tutto, capisci? Il primo esempio di questo è Don’t Look Back in Anger. Il suo significato è cambiato nell’ultima ventina d’anni, fino a essere diventato ora qualcosa di completamente diverso rispetto a quello che aveva quando ho iniziato a scriverla in una serata piovosa a Parigi. La scrissi da ubriaco e mi svegliai l’indomani, la ricantai e pensai: 'Farà bene, è una canzone proprio bella'. Ora ha assunto vita a sé ed è una cosa affascinante".

oasisnotizie


Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails