martedì 18 agosto 2015

Noel Gallagher, il 25 settembre esce il remix di Chasing Yesterday

Reazioni: 
Nessun commento:

Noel in una foto pubblicata oggi su Instagram dalla moglie
Noel Gallagher pubblicherà a breve una raccolta di remix del suo ultimo lavoro discografico, Chasing Yesterday. Si intitola Where The City Meets The Sky: Chasing Yesterday. Pronta per il 25 settembre, la raccolta sarà disponibile in doppio vinile da 180 grammi, in formato digitale e in edizione limitata (su vinile blu e rosa, acquistabile esclusivamente sul sito ufficiale di Noel Gallagher). 

Tra gli artisti coinvolti nella nuove edizione remix dell’album, figurano Beyond The Wizard’s Sleeve, Andrew Weatherall, Toydrum e il co-leader dei Massive Attack Robert Del Naja, in arte 3D. Il disco include anche due inediti: il remix di The Right Stuff di Psychemagik (ASCOLTALO QUI) e la rilettura di David Holmes di The Girl With X-Ray Eyes. 

Secondo album solistico dei Noel Gallagher's High Flying Birds, interamente scritto e prodotto dall'ex Oasis, Chasing Yesterday, è stato pubblicato il 25 febbraio 2015 dalla Sour Mash Records. L’uscita del disco è stata preceduta dai singoli In The Heat Of The Moment e Ballad Of The Mighty I, cui hanno fatto seguito Riverman e Lock All The Doors, in uscita il 28 agosto. 

Ecco la tracklist di Where The City Meets The Sky: Chasing Yesterday.

A
1. Ballad Of The Mighty I (Beyond The Wizard's Sleeve Re-Animation)

A2. Ballad Of The Mighty I (Beyond The Wizard's Sleeve Re-Animation Instrumental)

A3. In The Heat Of The Moment (Andrew Weatherall Remix)

B
1. Riverman (Beyond The Wizard's Sleeve Re-Animation)
B
2. Riverman (Beyond The Wizard's Sleeve Re-Animation Instrumental)

B3. The Right Stuff (Psychemagik Remix)

C
1. The Right Stuff (3D version 1)
C2. The Right Stuff (3D version 2)

D
1. The Girl With The X-Ray Eyes (David Holmes Rework)

D2. The Girl With The X-Ray Eyes (David Holmes Rework Instrumental)
D3. In The Heat Of The Moment (Toydrum Remix)

lunedì 17 agosto 2015

Orgasmo della pelle? Lo si raggiunge ascoltando Wonderwall degli Oasis

Reazioni: 
Nessun commento:

Segnatevi senza esitazioni il Concerto per piano numero 2 di Rachmaninoff, Someone Like You di Adele, Hallelujah nella versione di Rufus Wainwright, la Toccata in Fa Maggiore di Bach, My Heart Will Go On di Celine Dion, Wonderwall degli Oasis, e The Silver Swan di Orlando Gibbons. Questi sette brani sono la playlist che può farvi provare un vero orgasmo della pelle su braccia, mani, schiena, glutei e collo.

Lo affermano i risultati di uno studio neuroscientifico compiuto dalla psicologa (e musicista) Psyche Loui della Wesleyan University del Connecticut, riportati da una delle firme di punta della BBC, David Robson, in un articolo comparso sul sito web della TV britannica.

Lo stimolo musicale che fa provare una forte emozione collegabile al sesso non si ferma di certo ai sette pezzi citati, ma il tentativo è d’obbligo, visto che a molti soggetti che si sono prestati all’esperimento qualcosa è davvero successo. Brividi lungo la colonna vertebrale, vampate di calore, sudorazione improvvisa, eccitazione sessuale, sono solo alcune delle sensazioni descritte nelle prove effettuate dalla dottoressa Loui, per altro abile violinista, e già accennate in un esperimento analogo del 1991, effettuato, però, da un gruppo di musicisti professionisti. 

Secondo questo nuovo paper pubblicato dalla Loui e dallo studente della Wesleyan University Luke Harrison, la musica "ha un potere unico di ricreare momenti di intensa risposta emozionale e psicofisiologica. Questi momenti, comunemente chiamati brividi, sono oggetto di studi psicologici, cognitivi e percettivi. Canzoni come Someone Like You di Adele, o Wonderwall degli Oasis, hanno sbalzi dinamici dal piano al forte, appoggi melodici e dissonanze che sembrano essere particolarmente potenti nel causare questi effetti."

Queste potenti esperienze, spiega David Robson, possono spiegare le origini del termine "orgasmo della pelle", già conosciute in altre culture musicali, come quella sufista in Pakistan e nell’India settentrionale che hanno discusso la dimensione erotica dell’ascolto musicale. Nella ricerca sono state individuate alcune caratteristiche compositive che fanno scattare l’orgasmo della pelle: improvvisi cambiamenti armonici, salti dinamici (da piano a forte), e “appoggiature” melodiche (quando alcune note dissonanti si scontrano con la melodia principale, come in Someone Like You di Adele).



lunedì 10 agosto 2015

Noel Gallagher, coccole a Formentera con la moglie: "Lei è bellissima e io no. Vi racconto come la conobbi in discoteca ad Ibiza"

Reazioni: 
Nessun commento:

Ad Ibiza si conobbero, nel giugno 2000. E nelle Baleari ci tornano spesso a trascorrere le vacanze estive. La relazione tra Noel Gallagher e la moglie Sara MacDonald sembra andare a gonfie vele. I due sono stati immortalati la settimana scorsa sulla Playa de Ses Illetes, a Formentera, in atteggiamenti teneri, in compagnia dei figli Donovan Rory, 7 anni, e Sonny Patrick, 4. Già il 5 e il 9 giugno scorso la coppia era stata fotografata a spasso per le strade di New York in atteggiamenti affettuosi. 

Il 48enne cantautore, sposato dal 18 giugno 2011 con la 44enne pubblicista scozzese, aveva raccontato così il loro primo incontro, avvenuto nel giugno 2000 (ascolta qui, dal sesto minuto). 

"Ero in un nightclub di Ibiza. C'era tipo una terrazza, anche se ora è un ambiente chiuso. Ero seduto su un gradino, con una sigaretta e una birra. Mentre la gente sfollava dalla stanza, seduta dalla parte opposta c’era la mia futura moglie. Sara racconta che fui io ad andare verso di lei. Dice che la prima cosa che le chiesi fu di reggermi la birra perché dovevo andare in bagno. Dice di non avermi riconosciuto, ma ovviamente sapeva fottutamente chi fossi! Perché se vedi mia moglie capisci che non c’è motivo per il quale dovrebbe fermarsi a guardare due volte un tizio come me se non fossi chi sono … Lei è bellissima e io no, sai cosa intendo? Certo che sapeva chi fossi, cazzo!".







giovedì 6 agosto 2015

Noel Gallagher: "Il rock 'n' roll non è morto, è ibernato. YouTube e Internet non aiutano le band, noi fummo l'ultima del mondo pre-digitale"

Reazioni: 
Nessun commento:

Noel Gallagher ha rilasciato alcune dichiarazioni sullo stato attuale del rock 'n' roll. L'intervista all'ex Oasis fa parte del documentario What Ever Happened to Rock 'n' Roll?, andato in onda su BBC4 il 24 luglio scorso. Video più in basso.
Il rock 'n' roll per me è spirito libero. Non è un sound, una giacca di pelle, non è essere cool. Ciononostante, è tutte queste cose.
Noel all'uscita dal Chiltern Firehouse il 30 luglio 2015
Gli Oasis sono stati l'ultima band del vecchio mondo. Arrivammo prima dell'era digitale. Nel 1994 quando qualcuno chiedeva a qualcun altro: "Hai sentito Supersonic degli Oasis?". "Di chi? Degli Oasis? Cos'è?". "La radio passa Supersonic, l'hai sentita?". "No". Cazzo, dovevi aspettare un'altra settimana per beccarla alla radio, capito? Oggi succede che uno fa: "Hai sentito quella canzone di quella band, gli Oasis?". "No, com'è che si chiama?" (mima il gesto del cercarla su Google, ndr). "Si chiama Supersonic". "Supersonic, diamo un'occhiata ... È una cagata, non mi piace".  
YouTube e Internet oggi dovrebbero aiutare le band a sfondare. E invece no, le cose sono peggiorate. Alle case discografiche non interessano più le band della classe operaia. Penso che viviamo in un'epoca diversa, sai, ma le band della classe operaia ci sono in giro. 
Detto questo, però, nessuno mi convincerà che c'è un gruppo di tizi di un quartiere popolare che hanno scritto le canzoni migliori di sempre e nessuno le ha scoperte. Questa è una stupidaggine fottuta. Se pensi alle grandi major, ai due più grandi album indie degli anni Novanta, Nevermind e Morning Glory, il mercato discografico andava alla grande ed era incentrato sulla musica indie e alternative. Poi hanno comprato tutte le etichette indie, le hanno chiuse e poi hanno voltato pagina. Tutta le persone che erano lì a scoprire i My Bloody Valentine o i Primal Scream non ci sono più, fanno altre cose, forse lavorano nel campo della fottuta information technology. 
Il rock 'n' roll è morto? Non finché ci sarò io, no, cazzo. C'è, ma certamente non c'è un processo di rigenerazione. Se pensi che l'ultimo grande gruppo di artisti è venuto fuori dieci anni dopo Definitely Maybe - Arctic Monkeys, Kasabian, Razorlight e Libertines - e poi non c'è stato nulla ... Fammi il nome di una band venuta dopo quelle lì. E siamo a 10 anni fa. Non sono mai trascorsi dieci anni senza che la musica alternative si rigenerasse. Trascorrevano cinque anni al massimo, sai. Cinque anni di divario tra Jam e Smiths e tra Smiths e Stone Roses e tra Stone Roses e Oasis, capito? Quindi ci sono le prove che il rock 'n' roll è di sicuro in ibernazione.
Noel Gallagher 

mercoledì 5 agosto 2015

Noel Gallagher: "Apple Music? Fa paura, è roba da Orwell. E il 99% degli artisti sta sempre a twittare e instagrammare, dipende da Internet"

Reazioni: 
Nessun commento:


Ho visto la cerimonia di lancio di Tidal. Queste persone pensano di essere i cazzo di Avengers? Salveranno il cazzo di mondo? Il giorno dopo ho chiesto a Chris Martin: ti sei candidato al Premio Nobel? È quello ciò cui aspiri? E Apple Music, la radio del mondo, non è una specie di roba alla George Orwell? E a chi cazzo frega cosa stia facendo l'artista? I blog sono una fottuta rottura di palle, così ho smesso di tenerlo durante il tour. Ora uso Instagram, ma solo per il tour. Non sapevo neanche cosa fosse. Mi ha suggerito mia figlia di usarlo. 

Non le aveva mandate a dire, Noel Gallagher, quando s'era trattato di esprimere un parere sul servizio di streaming musicale lanciato da Jay-Z. A maggio, intervistato da Rolling Stone, l'ex Oasis aveva bollato Tidal come "una cazzo di stronzata" e aveva esortato i presenti sul palco nella serata di inaugurazione del servizio a capire che "non somigliano a dei Jay-Z in miniatura". 

"Queste persone pensano di essere i cazzo di Avengers? Salveranno il cazzo di mondo?", si era chiesto sarcasticamente Noel. "Il giorno dopo ho chiesto a Chris Martin: ti sei candidato al Premio Nobel? È quello ciò cui aspiri? Sembrava facessero: siamo qui per salvare il fottuto music business. Io ero lì seduto e pensavo: tanto per cominciare, iniziate a scrivere un cazzo di ritornello decente. Lasciate stare le cazzo di royalties e il 'potere della musica'. Scrivete un pezzo. Cominciate così, cazzo. Ho visto la cerimonia inaugurale solo perché qualcuno mi ha detto: dai un'occhiata a quel gruppo di coglioni, il tuo amico del cazzo, Chris Martin, e tutti questi coglioni. Sono andato su YouTube e tutti facevano: oh, ohhh, ohhhhhhh". 

Due mesi dopo Noel ha stroncato anche il servizio dedicato allo streaming musicale a pagamento lanciato da Apple, Apple Music. L'occasione è stata un'intervista rilasciata in Svezia lo scorso 2 luglio.

"Apple Music, la radio del mondo, non è una specie di roba alla George Orwell? Come puoi essere così arrogante da arrivare a dire: adesso, cazzo, dominiamo la radio mondiale? Mi sono trovato questa roba nel mio telefono. E cosa dovrei ascoltarci? Non fanno sentire i Kinks. E a meno che non veda una sezione che si chiama Noel Gallagher's music collection non ascolterò niente".

A parte queste esternazioni a effetto, Gallagher in particolare ha da ridire sul fatto che le playlist di Apple Music diano a qualcuno la facoltà (e il potere) di selezionare musica per chi paga un abbonamento, creando, così, un effetto negativo che si ripercuote sul modo in cui i fan si avvicinano alla musica e agli album in particolare. 

"Se mi dici che l'era dell'acquisto dei dischi è finita, mi rattristo", osserva. "La cultura del comprare e credere in un disco è finita. Quella roba è andata e ora il credo è che la musica sia in affitto; i soldi che paghi ti lasciano accedere alla musica di tutti, ma non ne possiedi. Credo sia un momento triste. Capisco che è il futuro, ma è triste".

Gallagher ha anche espresso forti dubbi sulla funzione "Connect", che deve fungere da ponte fra artisti e fan, facendoli interagire.

"A chi cazzo frega cosa stia facendo l'artista? A chi importa? Il mio amore per gli Smiths non ha mai risentito del fatto che non sapevo cosa stessero facendo. Andavano in tour, poi scomparivano e poi pubblicavano un disco. E tu facevi: Oh è uscito un nuovo album! Porca troia! Come si chiama? Non lo sa nessuno. A chi importa cosa stia facendo Thom Yorke? Sul serio, a chi cazzo importa? Io, se tutti volessero sapere cosa sto facendo, la troverei una cosa spaventosa. A chi cazzo frega?". 

"E che vuol dire rimanere in contatto con l'artista? Entrare nella sua mente?", si chiede ancora Noel. "Perché vuoi entrargli nella mente? Ascolta la sua musica e comprala, cazzo. E basta". 

"L'era digitale è chiaramente fantastica", rileva il musicista, "perché una famiglia può rimanere connessa. Se è sparpagliata per il mondo - per esempio i genitori a Londra, la figlia a Los Angeles e il figlio nella fottuta Dubai - allora possono rimanere in contatto attraverso Instagram e Twitter e tutte quelle cose, ma quando le celebrità e le merdate prendono il sopravvento diventa una cosa alquanto strana, capisci?".

Noel sul palco del T in The Park il 12 luglio 2015
L'ex Oasis ha anche spiegato come mai ha deciso di abbandonare il blog del tour e di optare su Instagram per tenersi in contatto con i fan. Ne ha approfittato per criticare l'ossessione delle star di oggi per i social media.

"Sì, ho un account Instagram, ma non lo prendo sul serio. Sarà attivo fino a che sarò in tour, ma non oltre. Non è che pubblicherò cose del tipo: Ehi, questo è ciò di cui ho bisogno a colazione! Uova! Chi ama le uova? Capisci?".

"Anche stavolta ho tenuto un diario e onestamente era una fottuta rottura di palle. L'ho tenuto per ogni tour e alla fine tutti i tour sono uguali. Cambiano solo i vestiti, i capelli si fanno più grigi, prendi un po' più di peso e canti canzoni un po' diverse per un pubblico un po' meno entusiasta. Lo scrivevo e pensavo: ma io l'ho già scritta 'sta roba ... Ho suonato negli stessi posti, soggiornavo negli stessi hotel, così ho pensato: non lo scrivo più il blog o com'è che si chiama, il diario del tour. Mi hanno detto: devi fare qualcosa. Così mia figlia mi ha detto: perché non fai Instagram? Le ho chiesto cosa fosse e mi ha risposto: metti delle foto con sotto una piccola didascalia. Ah, questo sembra proprio facile, cazzo! Ed eccoci qua".

"Non ci penso mai su, è solo un telefono. Tutta la cazzo di vita e ogni merdata dipendono dalle reazioni di Internet. Io rimango ancora un tizio con la chitarra che si siede e scrive canzoni. Per chi? Non lo so, cazzo. Per quante persone? Non me ne fotte un cazzo. Quando esce il disco non lo so, ma tu sarai il secondo a saperlo, capisci? E basta".

E ancora: "Il 99% degli artisti oggi prendono troppo fottutamente sul serio Internet e la cosa digitale, e bla bla bla e questo e quello, twittano di qua, tumblrano di là ... ma questa è l'alba della nuova era, sai".


lunedì 3 agosto 2015

Audio inedito: Noel Gallagher canta una canzone di Bob Dylan

Reazioni: 
Nessun commento:

In questo video, trapelato ieri per intero, Noel Gallagher canta Don't Think Twice It's Alright di Bob Dylan durante il soundcheck del concerto tenuto alla Royce Hall di Los Angeles il 18 novembre 2011.



sabato 1 agosto 2015

"Sarebbe fantastico vedere Liam Gallagher collaborare con Neil Young". Parola di Alan McGee

Reazioni: 
Nessun commento:

Liam a Londra il 29 luglio 2015
"Sarebbe incredibile". Alan McGee saluta così l'ipotesi di una collaborazione musicale tra Liam Gallagher e Neil Young. "Liam ora può prendersi cura di sé", aggiunge il 55enne ex capo della Creation Records, che nel 1993 scoprì gli Oasis in un pub di Glasgow e li scritturò all'istante. "Una collaborazione con Neil Young, però, sarebbe straordinaria. Lui è un compositore eccezionale che potrebbe aiutare molto Liam". 

Per McGee sarebbe questo l'unico modo di vedere Liam di nuovo sulle scene. "Non penso che Noel riformerà gli Oasis", dice al tabloid Daily Mirror. "Al momento è felice come mai l'avevo visto prima". Lo scorso 26 luglio Liam aveva suonato una nuova canzone in un pub di Charlestown, villaggio sulla costa occidentale dell'Irlanda che ha dato i natali alla madre Peggy Sweeney.

Ascolta la nuova canzone di Noel Gallagher, Here's a Candle, b-side di Lock All the Doors (testo in sovraimpressione)

Reazioni: 
Nessun commento:

Qui potete ascoltare in anteprima la nuova canzone di Noel Gallagher, b-side del singolo Lock All the Doors, di prossima uscita. Si intitola Here's a Candle (for your Birthday Cake). Si tratta di una traccia risalente alle sessioni del primo disco solistico di Noel.

Ricorda Get Me Out Of Here di Paul McCartney e ad un certo punto si sente anche un piccolo riff di Roll With It degli Oasis (minuto 01:11-01:16).

Ecco il video con audio e testo della canzone in sovraimpressione.

video




thanks to Federico

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails