venerdì 11 marzo 2011

Intervista a Gem Archer: "Reunion degli Oasis? Mai dire mai"

MusicRadar ha incontrato Gem Archer per parlare dei Beady Eye e di com'è stato registrare con Lillywhite e gli ha chiesto in cosa è cambiato il suo approccio alla chitarra. Abbiamo posto a Gem anche la domanda calda: quando Liam e Noel risolveranno le loro questioni?

Il nuovo album suona fresco e pieno di vigore, come i primi dischi degli Oasis. Ne deduco che la band si stia divertendo.

Sì, ci stiamo divertendo. È una sensazione piuttosto speciale pensare che le cose siano andate così. Ci sentiamo una band nuova di zecca, il che è una cosa buffa se ci pensi, considerando che suoniamo insieme da un po' e ci conosciamo così bene. Penseresti che musicalmente siamo caduti nell'abitudinarietà, ma siamo ancora qui con alcune canzoni eccezionali, un nuovo atteggiamento cool e una prospettiva nuova. Sì, è uno spasso.

Inoltre è diverso il modo in cui lavoriamo e credo che l'energia venga da quello. Ognino di noi è un individuo, scriviamo per conto nostro e poi ci presentiamo le canzoni l'un l'altro. Poi tutti vengono coinvolti e dicono la loro. Le canzoni cambiano dall'originale che abbiamo scritto. È questa la cosa nuova di noi: il progetto della canzone c'è, ma può succedere di tutto È così che funziona con noi. Mi piace.

Quindi anche se Liam è il frontman dei Beady Eye, non dirige lo show come Noel conduceva gli Oasis?

No, affatto. Con Noel, e non gli sto dando addosso, perché è un grande, grande cantautore ed artista, le canzoni erano principalmente sue e c'era soprattutto la sua visione. Un riff qui e là poteva essere cambiato, ma erano el sue canzoni. Sì, i Beady Eye sono molto più democratici.

È buffo come abbiamo iniziato a lavorare, però. All'inizio pensavo che le nostre canzoni avessero un po' un tocco alla Roxy Music. Poi ho ricevuto un sms da Liam in cui mi diceva che voleva andare più alla Jerry Lee Lewis, più alla Eddie Cochran. Quello ha impostato proprio la tonalità giusta. A quel punto abbiamo accelerato le canzoni e siamo andati velocemente tra l'una e l'altra. È un po' tipo i Sex Pistols con il pianoforte.

Alle mie orecchie la voce di Liam suona potente come mai negli ultimi anni. Tu senti questo?

Sì. Credo che sia perché ora ha spazio per respirare. Un altro motivo è più tecnico: nelle canzoni degli Oasis entrava e registrava la sua parte vocale alla fine delle sessioni. Seguiva tipo la traccia vocale guida di Noel e a causa di questo forse non si sentiva di poter mettere la sua personalità nelle canzoni. Nei Beady Eye Liam canta direttamente con noi mentre suoniamo. È completamente coinvolto in ogni aspetto della musica.

Il tuo approccio al modo di suonare la chitarra nei Beady Eye è diverso rispetto a quello che avevi negli Oasis?

Negli Oasis se era una canzone proprio di Noel la chitarra la suonava lui. In realtà io ho suonato molto il basso per quella roba là. Potrei restare ancorato al vecchio riff di chitarra, ma non tanto. Credo di avere un suono di chitarra molto più pulito nel disco dei Beady Eye, ma c'è meno chitarra che negli album degli Oasis. Mi piace il sound: pickup di chitarra che si avvolgono una volta sola e attraversano amplificatori Fender. Era quello che cercavamo.

Registrare con il mega-produttore Steve Lillywhite. Che immagine di produttore dà Steve Lillywhite e com'è stato lavorare con lui?

Steve è stato grande. È venuto piuttosto rapidamente. Appena ci siamo formati, dopo l'abbandono di Noel, Steve ci ha telefonato e ci ha detto che voleva lanciare il suo cappello sul ring. Abbiamo messo insieme sei canzoni, ci siamo seduti con lui e le abbiamo suonate. A lui piaceva quello che stavamo facendo e a noi piacevano i suoi suggerimenti. Il tizio ha fatto così tanti dischi incredibili. Ci ha preso in pieno, capisci? Non devi indagare molto su di lui. Le sue opere parlano assolutamente per lui. Che curriculum! [ride].

La cosa importante è stata che Steve ci ha fatto essere noi stessi. Lui non cambia proprio le band né le rende qualcosa che non sono; lui migliora soltanto quello che già c'è. Quindi abbiamo provato ogni altra cosa, fatto un po' di demo, ma non troppo, e poi siamo andati a suonare le canzoni in studio. Niente è stato fatto con agitazione.

Mi piace il modo di lavorare di Steve: vai in studio, ci dai dentro e non perdi lo spirito. Questo è veramente importante, credo. Mi sono sentito di nuovo sedicenne, tanto è stato arioso il processo. E abbiamo lavorato anche velocemente. Credo siano state sei settimane di registrazione e sei settimane di missaggio.

Negli Oasis ti alternavi tra le Gibson e le Fender. Ci sono cambiamenti nelle chitarre che usi con i Beady Eye?

Suonavo molto le Fender, ma suonavo anche alcune Rick (Rickenbacker, ndr). Queste canzoni hanno molto ritmo, quindi quelle chitarre sono sembrate giuste per il materiale. Non è che cercavo volutamente di discostarmi dal sound Oasis, non è stato premeditato. Queste canzoni hanno il passo leggero.

Alcune canzoni hanno solo due chitarre, non quel grande muro di chitarre che avevamo negli Oasis. Non abbiamo riempito il suono quando non avevamo bisogno di farlo. È come quei vecchi dischi degli Stones: solo un paio di chitarre tutte al posto giusto.

Sono curioso: quando Noel è andato via sei stato tentato di andare con lui?


No, sono andato con i Beady Eye. È stata una cosa di intuito. Istinto di pancia e niente di più. Poi Noel è molto autosufficiente. Sa quello che vuole fare e sono sicuro che lo farà. Farà un album solista super. So che farà qualcosa di straordinario.

Hai parlato con Noel dal giorno della divisione?

Sì, ci siamo parlati, ma non lo facciamo da Natale. Non c'è motivo per cui io non gli abbia parlato recentemente: è solo che siamo occupati, questo è tutto. Ma sai, non ci sono problemi tra di noi. Le questioni sono tra Noel e Liam, non con il resto della band.

Reunion degli Oasis: sì o no? Si parla già della possibilità di una reunion degli Oasis. In una recente intervista Liam ha detto che non pensa che avverrà e che se mai dovesse succedere non sarebbe per soldi, ma sarebbe per i fan.

Bene, sì, nessuno sta pensando ad una reunion degli Oasis in questo momento. Siamo tutti concentrati al 100% sui Beady Eye. Sono sicuro che anche Noel è concentrato su quello che sta facendo.

Sicuramente gli Oasis sono stati una parte consistente della nostre vite per tanto tempo, ed è stato bellissimo. Che grande band che eravamo! Ma è fatta. Dicendolo ora devo aggiungere quel vecchio detto "mai dire mai". Troppe band dicono che non faranno mai qualcosa, che non torneranno mai insieme, e poi lo fanno. Quindi ora sai come vanno le cose. Liam e Noel hanno dato tutto per gli Oasis. Hanno dato il cuore e l'anima. Ma loro, la musica continua, quella non va da nessuna parte.

A quanto ne sai tu Liam e Noel si sono mai parlati?

No, non si sono parlati. Credo che qualcuno romperà il ghiaccio ad un certo punto, ma è ... Chissà chi sarà il primo a farlo? Non lo so. Sono fratelli, capisci? Sono sangue dello stesso sangue. Il sangue è una cosa importante. Quando sei in una band con tuo fratello è diverso da quando sei in altre band. Nessuno può risolvere la cosa, tranne loro due. Sarebbe bello se lo facessero.

tradotto da frjd - oasisnotizie - Fonte: www.musicradar.com

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails