giovedì 7 settembre 2017

Liam Gallagher a cuore aperto su GQ Australia: "La stampa ha inventato un Liam che non c'è. Dalle droghe ai frontmen rammolliti di oggi, dalla mia filosofia di vita al nuovo disco"

Intervista a Liam Gallagher per GQ Australia di settembre/ottobre 2017. Traduzione italiana: oasisnotizie. Liam Gallagher a cuore aperto.

Dalle droghe ai frontmen rammolliti di oggi, dalla reunion alle cazzate della stampa su di lui alle provocazioni al fratello Noel, dalla sua filosofia di vita improntata all'ottimismo al nuovo disco, dai rimpianti a come vuole essere ricordato.

---

Dev'essere una bella sensazione parlare di musica e dell'essere creativi invece di quelle merdate che sono svolazzate in questi ultimi anni. 

Oh sì, senza dubbio. Intendo: parleranno sempre delle merdate, perché le merdate vendono, quindi ce ne saranno sempre un po'. E della cosa non mi importa neanche, a dire il vero, sai cosa intendo? Perché non può essere sempre "musica, musica, musica". Quei cazzo di musicisti che fanno: "Oh sì, amico, l'album è fantastico". Sai, fare come un cazzo di idiota e fare le interviste come Sting, parlando di come "questa cazzo di canzone mi abbia salvato la vita". È tipo: "Fanculo, amico". 

Sì, "torna alla tua meditazione tantrica" e tutta quella roba. 

Esattamente. Quindi sì, un po' di drammacità non mi dispiace. Perché è la vita reale, sai cosa intendo? Ma sono certamente felice di avere accanto a quello la musica. 

Dunque, sei tornato nel posto cui appartieni, dietro il microfono. Parlaci degli ultimi tre anni e di dove sei stato, dato che ho sentito parlare di un tuo trasferimento a Maiorca. 

Dopo aver dato un taglio con i Beady Eye sono passato attraverso il divorzio e tutta quell'altra roba (cause relative all'affidamento della figlia avuta con la giornalista Liza Ghorbani, ndr). Avevo a che fare con gli avvocati quotidianamente fino a che non andavo a dormire, cazzo, la sera. Pensavo: "Fanculo 'sta merda" e programmavo di andarmene per un po' dall'Inghilterra. Così sono andato in vacanza a Maiorca, me la sono davvero spassata e ho pensato: "Cazzo, potrei vivere qui". Ma non l'ho fatto. Sono tornato, ho scosso un po' la testa e ho pensato: 'È ora di creare alcune canzoni'. 

Ne siamo felici, dato che non riusciamo ad immaginare te che vagabondi per tutto il tempo in infradito e pantaloncini. 

Neanche io, suppongo. Intendo: potrei farlo, ma devo pur mettere il pasto su quella forchetta. Ma quello che mi ha fatto venire voglia di andarmene dall'Inghilterra erano semplicemente le cazzo di stronzate costanti che venivano fuori tutte le volte. Che ho creato da me, penso. È stata tutta colpa mia. Ciononostante, pensavo: "Sai che c'è? Ho bisogno di un po' di sole, cibo salutare, mettermi in forma e seguire un programma, cazzo". 

Quindi semplicemente stavi arrivando ad un punto in cui avevi bisogno di creare di nuovo? Di andare a fare il solista?

Ho iniziato con la chitarra, la suonavo nella mia stanza e roba così. E poi ho scritto una canzone di nome Bold. E poi ne ho scritta un'altra di nome When I'm in Need. E ho pensato: "Sono piuttosto fighe, cazzo". E le ho suonate ad un po' di amici. Mi facevano: "Sono proprio belle, cazzo". Poi ho incontrato questo tizio di Warner Bros che mi ha detto: "Ascoltiamole". Così gli ho fatto sentire queste canzoni alla chitarra e mi ha fatto: "Sì, sono proprio belle" e mi ha detto: "Vuoi un contratto discografico?". E io ho detto: "Be', sì, vai avanti allora".

Molte canzoni dell'album rivelano di più su di te rispetto a quanto abbiamo sentito prima?

Assolutamente sì, amico, senza dubbio. Ma non farò molte di quelle cose, ho dato via abbastanza. E devi tenerti un po' di cose per te. Ma ci sono dei pezzi che sono su Noel. Ci sono dei pezzi che riguardano mia madre. Ci sono dei pezzi che parlano di mio figlio ... della mia fidanzata ... dell'altro mio fratello ... Sono tutti personali, ma sai, non mi sono seduto a scrivere una canzone su 'questo' o 'quello' o 'quella persona' o 'questa persona'. In una canzone semplicemente entra tutto. E all'improvviso ne esce, inconsciamente. 

È bello riaverti tra noi.

È bello essere tornato, è bello svegliarsi al mattino e avere qualcosa da fare. Perché la noia ammazza chiunque e io negli ultimi quattro anni mi sono annoiato a morte ed è stato terribile. E non è che io stia curando il cancro, questo è solo un cazzo di bel disco rock 'n' roll e in giro non c'è nient'altro come questo al momento.

Pensi che molti frontmen rock 'n' roll si siano un po' rammolliti?

Oh sì, senza dubbio. Ma non penso che l'abbia fatto il rock 'n' roll. C'è sempre se lo vuoi. È solo che la gente sta scegliendo di non farlo perché a quanto pare non è trendy al momento ... Ci sono molte di queste rock 'n' roll band che hanno chitarre ma le indossano come gioielli. Collega la cazzo di cosa alla corrente e alza il volume. I suoni devono essere rumorosi e i concerti rumorosi, sai cosa intendo? E alcune rock 'n' roll band fanno dischi dance. Si siedono sulla staccionata con un piede nel mondo dance ... È tipo: "Cazzo, deciditi, amico".

Dato che sei considerato uno dei più grandi frontmen della tua epoca ...

Sì. Senza dubbio. Senza dubbio!

... allora, cosa rende un frontman un buon frontman? Cosa manca a questi impostori?

La vita, amico. Esperienze di vita. Sembra che nessuno si sia cacciato in nessun guaio o si sia ficcato ... Intendo dire ... penso si tratti di cacciarsi nei guai e uscirne. Sembra semplicemente che stiano facendo un concerto e che se ne tornino a casa. E quella cosa per me non avviene. Ovviamente mi sono dato una calmata rispetto a quando avevo 20 o 30 anni e quella roba ... Semplicemente queste giovani band di oggi, amico, è come se facessero il concerto, lo portassero a termine e poi andassero a casa, cazzo. Sembra che siano tutti molto cauti quando si tratta di divertirsi. È come ... non lo so, è tutto un po' merdoso. Il rock 'n' roll inglese al momento è molto beige, cazzo. E io sono qui a dare UNO SCOSSONE.

Molta gente direbbe la stessa cosa di quello che si produce in Australia.

Non so molto della musica australiana. So che c'è quella band, i DMA's. Sono andato a vederli un paio di settimane fa e mi piace quello che vedo. Amico, hanno delle belle canzoni. Ma penso che sembri che tutti siano andati a letto dopo il concerto, sai cosa intendo? Nessuno esce, nessuno si caccia nella merda. Forse ha a che fare con le droghe. Forse le droghe fanno schifo? E la birra è annacquata e tutte queste cose ... E per me non si tratta solo della musica: si tratta anche del look. Oggigiorno tutti sembrano dei cazzo di barboni. O sembrano tutti usciti da un cazzo di programma televisivo per bambini. Ormai nessuno ha un look figo. Non fatemi iniziare a parlare di questo. È troppo presto!

È un bene che la tua casa di moda, Pretty Green, sia ancora attiva allora. Quindi realisticamente tu cosa faresti se non avessi trovato il rock 'n' roll?

Be', o sarei in prigione o sarei morto. Sarei fuori da gangheri, cazzo, in preda alle spezie, questa nuova droga che sta uccidendo tutti a Manchester, questa erba folle da zombie. Di sicuro non lavorerei nella contabilità o da McDonald's. Quindi Dio solo lo sa. Quindi ecco perché tratto il rock 'n' roll con il massimo rispetto. È tipo così: se ti prendi cura del rock 'n' roll il rock 'n' roll si prenderà cura di te. Quindi credo davvero che lassù ci siano angeli del rock 'n' roll e che veglino su di me. Per quanto possa sembrare stupido, io ci credo.

Ti consideri uno spiritualista?

Senza dubbio. Non prego Buddha e, cazzo, non prego il Signore e tutta quella roba. Ma di sicuro me ne sto lì. E tipo incamero tutto. E, cazzo, butto fuori di nuovo tutto. Credo in me, amico, e credo nella mia famiglia e credo nei miei amici e nella mia ragazza, e credo nella gente vera. Sai cosa intendo? Non ho campanelline nella mia cazzo di casa e roba così. E non ho un tappetino da yoga. 

Un divorzio con l'obbligo di pagare gli alimenti, uno scioglimento di una band. È una cosa difficile per tutti, figurarsi per una persona che è sotto gli occhi di tutti. Come l'hai superato? Non ho dubbi che tu ti sia stufato degli avvocati. 

Oh, di loro sono stufo, cazzo, amico. Era cosa di ogni giorno. Era mattina, sera e notte. Ma devi rimanere forte, cazzo, e rimanere concentrato. Sono entrato in questa cosa senza soldi, ne sono uscito senza soldi. Non lo faccio per soldi, sai cosa intendo? Ho una vita fantastica, ho più che abbastanza, più di quello che mi serve. Quindi devi semplicemente rimanere concentrato e fare semplicemente: "Ascolta, non prenderai quello che non è in palio, cazzo, e quello è il mio spirito. Ascolta, passerà. Non buttarti giù dal ponte, non prendere una bottiglia di pillole e non cominciare, cazzo, a metterti una corda attorno al collo. Passerà. È solo una piccola parte della tua vita in cui ti sei cacciato e devi trovare a nuoto la via di uscita". Non c'erano dubbi che sarei tornato alla musica. Sapevo che, una volta che avessi messo la testa a posto e tutto quello, sarei andato sicuramente a provare a fare della musica. 

È difficile fare il padre quando tanto della tua vita - tutte le liti e i momenti folli - è sulla cronaca pubblica? 

Penso di sì, ma non ci penso proprio. La gente della stampa non mi conosce veramente. Hanno inventato colui che pensano di aver inventato. E la roba che scrivono su di me è, tipo, ridicola, cazzo. Io faccio semplicemente: "Sei di gran lunga fuori strada". E i miei figli mi conoscono, sono con me  - cazzo - tre, quattro volte al giorno. O quattro volte alla settimana. Sanno cosa faccio. Sanno che sono ancora 'connesso', che non sono un cazzo di panfrutto. Ho ancora i piedi per terra, sai cosa intendo? Non conta cosa scrivano quei coglioni della stampa, non è nella mia testa. 

Quindi nessuna preoccupazione sulla tua attuale salute mentale, considerate tutte le cose che hai consumato?

No, no, no, no. Ero folle prima di entrare nella band. È proprio quella cazzo di cosa: non mi avrete mai nella cazzo di riabilitazione. Ho preso le mie droghe quando avevo 14 anni. Mi strappavo la faccia a Manchester a furia di masticare funghetti magici e tutta quella roba. È un gioco da ragazzi. La gente pensa che entri in una band e fai: "Bene, sono in una band. Prendiamo droga e beviamo alcol". Io quello lo facevo quando avevo 14 anni, cazzo. Quindi la mia mente è sicuramente molto psichedelica. Tutto dipende da quello che sta succedendo. Ma so sicuramente rigare dritto. E so farlo normalmente. Mi alzo e vado a fare una corsa ogni mattina. Vado e faccio la mia spesa e poi torno qui, mi siedo e guardo un po' di TV. Ma quando arrivano le nove e c'è un microfono è ora di scalciare un po' i casini, come si suol dire.

Le sostanze stupefacenti e le sbronze fanno ancora parte della tua vita?

Mi sbronzo. L'altra roba non la faccio molto, niente più prelibatezze, niente roba come si deve ... Di sicuro non posso bere prima di andare sul palco o la sera prima. La voce non lo regge più. Ho 44 ani ora, quindi schiacci un bel pisolino, esci a fare una corsa al mattino. Arrivi al concerto. Fai il concerto. Dai alla gente quello che vuole. E poi è il mio momento. Non sarò mai sobrio, cazzo. Be', sarò sobrio, in passato sono stato sobrio per sei mesi una volta ed è stata una fregatura. Essere sobrio mi ha portato a bere.

È questo ciò che ti ha fatto venire voglia di fuggire dall'Inghilterra? La sobrietà?

Esattamente, sì. Sono stato sobrio per sei mesi, facevo: "Fanculo 'sta merda. È noioso. Datemi da bere!". 

Quanto ti diverti a dare sui nervi a tuo fratello Noel? Si sente che ti diverti quando lo fai. 

Oh, è la cosa che preferisco fare. Ma dentro ci sono anche degli argomenti seri. Penso che con gli Oasis mi abbia messo nei guai. Siamo arrivati ad un punto in cui lui faceva: "Guarda, può darsi che non venderemo tanto quanto vendevamo, potrei andare a fare il solista". Molta gente gli pisciava nell'orecchio. E sostanzialmente lui ha teso un paio di fottute trappole esplosive e io ci sono caduto dentro. Poi se n'è andato e ha fatto la sua carriera da solista. E io sono rimasto con il cazzo di casino del "tu hai sciolto gli Oasis", una delle band preferite del paese. Questa cosa mi fa incazzare e mi farà sempre incazzare. Non ci siamo divisi per un cazzo di litigio. Lì c'era una cazzo di attività oscura in gioco ... Quella merda mi fa ancora male. Ma ha avuto quattro anni in cui si è scatenato. E ora sono tornato. Voglio accendere un riflettore su quanto lui sia falso. Ma tutte le provocazioni e quella roba sono pura fottuta ... sì, le amo. 

Perché sai che anche il pubblico ci sguazza, giusto? 

Sì, ci sguazzo! E che sia pure così, amico. Non gli auguro nessun cazzo di male, voglio solo far sapere alla gente che lui è un falso e io no. 

Sembra che l'età ti abbia addolcito un po', in fin dei conti.

Di sicuro, amico. Ma non fino al punto in cui la cazzo di gente mi mette il prosciutto sugli occhi. Ho ancora l'occhio sulla gente, sai cosa intendo? Osservo cosa succede. Mi sono di sicuro dato una calmata, però. Sì, l'ho fatto, ma non troppo. 

Sono trascorsi un po' di anni dall'ultima volta in cui sei venuto in Australia. Come ripensi ai periodi in cui sei stato qui?

Mi piace, amico. Qui ci vive un mio amico. Vive in un posto di nome Wagga Wagga o qualcosa del genere?

Sì, Wagga Wagga. Talmente bello che hanno messo questo nome due volte. 

È come la New York d'Australia (ride, ndr). Ogni volta che ci sono stato è stato figo. E qui verremo a fare il Falls Festival. Quindi saremo qui per Capodanno. Quindi non vedo l'ora, amico, lo amo. È bellissimo. Sto portando con me anche i miei due ragazzi, ora hanno l'età adatta per venire e viaggiare. Vanno matti per quel cartone animato, The Big Lez Show. È come un cazzo di Cheech and Chong australiano. A loro piace un po' di quell'atmosfera australiana. 

Cosa pensi dell'influenza attuale delle band che stanno monetizzando il cosiddetto revival anni '90?

Non mi dispiace. Sono proprio aperto ad un po' di nostalgia ... Portàtela pure, sai cosa intendo? Non mi siedo lì a fare: "Oh, sono una massa di stronzi perché si sono rimessi insieme". Se a loro serve per pagare le bollette lo facciano pure, amico. 

Be', sai cosa ti chiederemo con la prossima domanda, giusto? 

Sì, signora.

Cosa ci vorrebbe per far tornare insieme gli Oasis?

Ci sono stati offerti un sacco di soldi. Ma non si tratta di soldi, non mi servono. E sono sicuro che non servano a Noel, perché lui continua a dire a tutti quanto sia ricco e tutto quello ... Per rimettere insieme gli Oasis c'è bisogno che io e il nostro ragazzo ci incontriamo di nuovo e diventiamo di nuovo amici. E fratelli, sai cosa intendo? E quindi non si tratta di quante note continuiamo a mettere insieme. È irrilevante. Gli Oasis non erano una questione di soldi. Erano una questione di spirito e onestà. E intendo dire: non cadere in quelle cazzo di trappole di stronzate né diventare gli U2 o cos'altro. Non diventare parte del cazzo di sistema ...

... quindi serve un po' di amore fraterno?

Una volta che facciamo quello, se mai dovessimo farlo, ma al momento non è così. Se succede cominceremo a parlare, inizieremo a trascorrere del tempo insieme e poi, penso, sarebbe una cosa davvero naturale. Sarebbe come: "Guarda, dovremmo fare un altro tentativo? Dovremmo ritirare fuori le carrozze?". Prima che arrivi quel giorno non avrebbe senso che io andassi sul palco se odio ancora Noel e Noel odia ancora me, perché la gente non si farebbe ingannare. Ascolta, quando eravamo negli Oasis ci offrivano un sacco di cose, di fare cose per soldi. Mi fu offerto di fare una cazzo di pubblicità di Calvin Klein quando avevo 23 anni. Lo rifiutai. Ci offrirono di fare pubblicità alla cazzo di Coca-Cola. Facevamo: "No, non è di questo che ci occupiamo, sapete cosa intendo?". Perché appena entri in quell'area è molto dura uscirne. Ed è per quello che penso che la gente abbia ancora un debole per noi, perché era fottutamente vero. Era super, super vero. E verso la fine diventò proprio super non vero, cazzo.

Che sensazione provi riguardo alla musica ora? Hai un sussulto quando senti Wonderwall?

Mi piacciono tutte le canzoni. L'altra sera l'abbiamo suonata per la prima volta dopo secoli e alla gente è piaciuta tanto, cazzo. Quindi non sono una di quelle persone che fanno: "Non lo farò", perché storce il muso di fronte a quella canzone. La gente ha pagato i suoi sudati soldi per venire al concerto ... regala a loro quello che vogliono. Mandali a casa felici. La gente non suona più le sue hit, perché ha pubblicato un album e nella sua vita è presa da quello. Vaffanculo, amico. Andate oltre il vostro cazzo di ego. Suonate le cazzo di hit e anche parte della vostra roba nuova. 

Guardando indietro hai qualche rimpianto?

Ne ho un po'. Ma non molti. Ovviamente ho fatto un po' di cazzate e via dicendo, dal punto di vista personale, ma ogni cosa succede per una ragione. Quindi solo rimpianti personali. Musicalmente nessun rimpianto. Dal punto di vista della moda nessun rimpianto. È quello che è. Forse ho fatto un po' di cazzate lungo il cammino. Ma le ho affrontate tutte e tutto è stato passato in rassegna e ho chiesto scusa.

Mettendo da parte tutto il rumore e le stronzate, come vorresti essere ricordato?

Come un grande cantante rock 'n' roll a cui non fotteva un cazzo, che ha fatto esattamente quello che c'è scritto sul barattolo. 

traduz. di oasisnotizie - Source: GQ Australia, settembre/ottobre 2017.

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails