domenica 26 luglio 2015

Noel Gallagher: "Il mio terzo disco è in cantiere. I Blur? Non ero loro fan. Liam? Lo vedo poco e ogni volta parliamo per cinque minuti"

Incontriamo Noel Gallagher dietro le quinte del Festival di Benicàssim il 17 luglio.

Ai britannici il tempo qui in Spagna risulta sempre "incredibile". Non fa troppo caldo?

Non quando suonerò io. Mi piace sempre venire qui. Mi piace stare in Spagna.

Il tuo disco ha una parte centrale che è un ritorno al pop, però termina con due canzoni orecchiabili come You Know We Can't Go Back e Ballad of the Mighty I.

Ho messo Ballad of the Mighty I come canzone finale perché mi suonava come una canzone di chiusura di un album. Mentre al centro, da The Dying of the Light a While the Song Remains the Same, con in mezzo The Right Stuff, è la parte dell'album che preferisco. Sono canzoni che hanno la medesima tonalità. Faccio semplicemente ciò che mi suona bene.

Sei fan di Paul McCartney, Paul Weller, Morrissey. Sei critico nei confronti dei musicisti che ti piacciono?

Non molto. Non analizzo la musica. Ciò che mi interessa sono le canzoni: quelle che mi piacciono mi ispirano a creare altre canzoni. Se la canzone suona bene, suona bene. Se suona di merda, suona di merda. È questo tutto ciò che posso dire.

Nel Regno Unito sei quasi una divinità e ti avvii a diventare di nuovo disco di platino, ma in America non vendi come un tempo.

Non lo so. Ripeto: non sto lì ad analizzare la cosa. Sono abbastanza soddisfatto del livello su cui mi mantengo in America. Suono nei teatri e ogni sera è diverso e ho molti fan molto fedeli. Lo amo fottutamente. Spero che rimanga così per sempre. Se in America il mio livello di popolarità rimane quello di adesso potrò esserne fottutamente, fottutamente, fottutamente felice.

Ti ha mai impressionato che qualcuno si sia dichiarato tuo fan? E con chi ti è capitato?

Chissà, forse quando siamo piaciuti un sacco a Johnny Marr anche quando facevamo schifo. Neil Young dice che le mie canzoni gli piacciono e mi viene quasi da morire se ci penso. Neil Young è stato a Woodstock! Però mi sento come quando eravamo famosissimi. È la stessa cosa. Quando abbiamo suonato a Knebworth ero agitato come mi sento agitato stasera prima del Festival di Benicàssim. Non è che guardi gli altri e faccia: "Oooh!". Mi sento esattamente uguale, in tutti i sensi.

Come mai ti sono venuti in mente i concerti di Knebworth? Furono speciali per te?

No, perché sono i più grandi che abbiamo fatto. E che qualunque band abbia fatto. Niente li superò (250.000 fan nell'arco di due giorni nell'agosto 1996, record, ndr).

Qual è il tuo rapporto con la rivista NME? Ogni settimana, per non dire ogni giorno, titola su di te. Ti piace? Ti secca?

Non lo leggo, se è questo che vuoi dire. I giornalisti non sono gente molto bella. Se fornisco tanti titoli sarà perché sono uno dei pochi che hanno qualcosa da dire.

La guerra tra Oasis e Blur sembrava seria, ma da quando avete suonato insieme (Teenage Cancer Trust, marzo 2013, ndr) è come se vi foste rappacificati. C'è stato un cambio di atteggiamento verso i Blur ad un certo punto? Alla fine sei giunto ad apprezzarli?

Quella cosa non l'ho mai presa sul serio. Prendo sul serio solo le canzoni che devo suonare stasera. Non ero fan dei Blur. Ora mi piacciono alcune melodie, ma questo non significa niente per me, se devo dirti la verità.

Mi sorprende che, arrivato a questo punto, tu non imponga che nelle interviste non ci siano domande sui Blur o su Liam.

Non faccio queste cose. Come faccio a fare una lista di argomenti di cui non parlare? È una merda così.

Ma ti annoia il fatto che ti domandino di Liam?

Mi annoia, sì.

Non credo che tra due fratelli la cosa possa concludersi in un modo così brutto. Non parlate di reunion neanche a Natale o in qualche occasione di ritrovo in famiglia?

No, non ne parliamo (ride, ndr). L'ho visto poche volte. Parliamo tipo ... per cinque minuti ogni volta.

Mi ha sorpreso leggere in una tua intervista a Vogue che ti è piaciuto partecipare ad una festa con Madonna.

È che mia moglie è completamente ossessionata da Madonna.

Davvero?

Che? Non è forse figa Madonna? Tutto il mondo è fan di Madonna, o no?

Ti piacciono queste feste VIP? Ti facevo più un tipo da pub con i colleghi.

Chiaro. Madonna è stata fottutamente carina con noi, amico. Tutte le feste sono fighe. Non mi importa: se c'è una festa con Madonna ci vado e anche se si tratta di andare in un bar a parlare di calcio con gli amici mi piace ugualmente. 

Che programmi hai? Hai già fatto nuove canzoni? 

Sto già facendo un disco. Sono alle prese con le prime canzoni, ma suona bene. 

Hai idea di quale direzione prenderà? 

No, è proprio agli inizi.

In Chasing Yesterday percepisco una tematica velata, quella della donna irraggiungibile. Può essere così?

Sei un ragazzo sveglio! Sì, è mia moglie.

Tua moglie è irraggiungibile per te?

È che è troppo bella. La figura di una moglie attraente è una metafora di tutto ciò che vuoi raggiungere. Che tu sia una stella del pop o un giornalista, ci saranno alcune cose nella vita che per te continueranno ad essere irraggiungibili. Tendo a descrivere questo metaforicamente sotto forma di una moglie attraente. Non parlo di nessuna donna, semplicemente per me è più facile descriverlo così.

Trad. by oasisnotizie - fonte: Jenesaispop.com

Le foto ritraggono Noel in concerto al Festival di Benicàssim il 17 luglio 2015


Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails