giovedì 6 ottobre 2011

Noel Gallagher parla di tre brani del suo nuovo disco

"Queste canzoni non sarebbero mai finite su un album degli Oasis", dice Noel Gallagher delle 10 tracce che costituiscono il suo primo album solista, Noel Gallagher's High Flying Birds. Dalla dance anni '80 al ragtime di New Orleans, Noel con questo disco sperimenta nuovi stili.
L'album esce il 17 ottobre e negli USA l'8 novembre. Ecco cosa dice Noel di tre pezzi chiave del disco.

Prossimamente video sottotitolato.

"If I Had a Gun"
"Una sera ero in giro per Londra e qualcuno mi ha chiesto: 'Hai fatto una canzone che si chiama If I Had a Gun?'. E io: 'Come cazzo fai a saperlo? Non è possibile!'. 'L'ho solo sentita su internet'. Così sono andato su YouTube e c'era. Era una registrazione del soundcheck degli Oasis durante il tour in Sudamerica, nel 2009. Fu lì che la scrissi. C'era solo un audio di un minuto. E anche se non c'era nessuna parola del testo definitivo, la struttura di base era quella, così la gente aveva iniziato a scrivere il suo testo e a pubblicarlo su YouTube. Stronzi sfacciati. Ancor prima che io abbia finito di scrivere la canzone ne stanno facendo le cover. Ma è anche lusinghiero: l'hanno vista un quarto di milione di persone".

"Everybody's on the Run"
Anche questa ballata mastodontica è stata registrata di nascosto durante un soundcheck degli Oasis in Sudamerica. "Più o meno l'avevo finita quando è stata pubblicata su YouTube. È bello vedere che la gente ha ancora un interesse tale da spiare, registrare e pubblicarla online. La canzone ha un coro di 100 elementi e un'orchestra di 24 elementi. Essendo la traccia 1, fornisce la scena al resto dell'album. Parla di una coppia - non conta se ragazzo e ragazza, moglie e marito, padre e figlio, madre e figlia, due migliori amici - che si prendono per mano e dicono: 'Dobbiamo uscire di qui'. Anche se parla di due persone in fuga, il narratore della canzone - che sono io - dice: 'Ognuno è in fuga da qualcosa. Nessuno è sedentario. Nessuno si trova dove dovrebbe trovarsi. Ognuno sta cercando qualcosa".

"The Death of You and Me"
"È una delle mie canzoni preferite perché è diversa da quello che la gente si aspetta da me. Ci sono trombe, sassofono e trombone e anch'io faccio delle parti di corno. Tutto è stato registrato con un microfono davvero vecchio. Avevo la melodia dell'inframmezzo strumentale e sapevo che doveva cambiare completamente colore rispetto a una canzone pop britannica per diventare qualcosa di molto diverso. Abbiamo provato un po' di strumenti che non funzionavano, ma poi all'improvviso è stato tipo ... jazz! È stato proprio adatto. Il testo parla di due persone che dicono solo: 'Fuggiamo via'. Quando scrivevo queste canzoni non annotavo mai i testi. Erano depositati nella mia mente. Quando sono andato in studio l'ingegnere, David Sardy (già al lavoro con gli Oasis, ndr), mi ha detto: 'Hai alcuni fogli con i testi?'. Io (indica con il dito la sua testa, ndr) gli ho detto: 'Sono tutti qui'. Mentre camminavo per andare verso il microfono sono usciti fuori tutti. Ma il tema dell'album non mi è venuto sino a che non avevo finito il disco. L'editore ha detto: 'Abbiamo bisogno delle parole' e ho dovuto scriverle. E mentre le scrivevo e le leggevo pensavo: 'Wow, qui c'è una storia che si dispiega. Parla di speranza, amore, fuga, viaggio e appartenenza a qualcos'altro'".

oasisnotizie - via Spin



Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails