giovedì 8 giugno 2017

Liam Gallagher si confessa su tutto: "Noel? Fa parte dell'establishment. Il rock mi ha salvato la vita"


Liam Gallagher: "Il rock 'n' roll mi ha salvato la vita. Riformare gli Oasis? Mi piacerebbe, ma stare in una band con Noel mi annoierebbe a morte: è cambiato, ora fa parte dell'establishment. Come sarò ricordato? Qualcuno che è venuto e se l'è spassata fottutamente e non si è trasformato in una testa di cazzo". 

Liam risponde alle domande dei lettori e dei VIP e parla di Noel, della fine dei Beady Eye, della sua giornata tipo, dell'essere genitore, dell'invecchiare, di politica, della band in cui gli piacerebbe suonare, dei suoi discorsi con le ... oche e dello stato del pop. E di come vorrebbe essere ricordato.


Source: Liam Gallagher: ‘Rock’n’roll saved my life’ - The Guardian
traduzione italiana by frjdoasis - oasisnotizie

Liam Gallagher è tornato in pista. Lo ha fatto dopo alcuni anni di tribolate vicende personali, anni segnati da problemi musicali e cause per il divorzio dall'ex moglie Nicole Appleton e per il mantenimento di Gemma, una bimba che oggi ha quasi 5 anni e che è nata dalla relazione extraconiugale che Liam ha avuto con la giornalista Liza Ghorbani.

"Mi sono ficcato nel mondo degli avvocati", dice l'ex Oasis. "È stata, lo dico per la cronaca, tutta colpa mia, ma era solo avvocati di qua, cazzo di avvocati di là, ero circondato. In un mondo di iene corrotte che non provavano a migliorare la situazione per niente". 

Come se non bastasse, Liam non era più in una band. Per la prima volta dopo 23 anni di militanza ininterrotta prima negli Oasis, poi nei Beady Eye. "Una separazione non era mai successa prima. Il vero passo indietro dagli Oasis è stato dopo i Beady Eye. Non volevo più farlo. Per un po' sono impazzito. Ed ero già pazzo".
Per un po' Liam ha seriamente preso in considerazione l'ipotesi di scappare in Spagna, "alla Sexy Beast", con la compagna Debbie Gwyther, ma non voleva lasciare Lennon e Gene, i due figli adolescenti, radicati a Londra. 

Sei un padre severo?

"Be', quando si tratta di droghe non posso dare lezioni, ma preferirei che non assumessero nulla. L'erba va bene, ma anche quella è fottutamente stupida. Dico: 'Da chi la comprate? Non compratela, idioti. E non fumate un sacco di roba diversa, come quella roba alle spezie'. Parlo con i miei figli giornalmente e non sono uno di quei padri rigidi: dalle nostre parti ogni cosa è aperta. Possiamo parlare di qualunque cosa. Ragazze, ragazzi, di tutto. Faccio: 'C'è qualcosa che volete dirmi? Qualcosa che ha a che fare con la tua sessualità?'. Sai, a me non fotte un cazzo di quello, sei ciò che sei. Non c'è nulla che sia fuori dai limiti". 

Dove vivete? 

"Io e Debbie ci trasferiremo a breve in una nuova casa, ma per ora siamo in affitto in un cazzo di attico da cui la vista è super. Senza che suoni come un hippy, è stato grazie a quella luce mattutina, il senso di un nuovo giorno, che tutte le canzoni sono piovute. La luce mi ha messo a posto". 

Torni con un nuovo album, As You Were, e un nuovo singolo, Wall of Glass. Hai collaborato con un paio di produttori e compositori, tra cui Greg Kurstin (Peaches, Lily Allen, Adele) a Los Angeles e Dan Grech (The Vaccines, Tom Odell) a Londra.

"Suono molto male un brano a Dan e lui mi fa: 'Sì, capisco da dove vieni'. Mettiamo giù la parte acustica e partiamo".

La tua band si compone del chitarrista Jay Mehler (ex Kasabian e Beady Eye), del bassista Drew McConnell (Babyshambles), del chitarrista Mike Moore e del batterista Dan MacDougall, che sono venuti a dare una mano. Com'è stato il concerto di apertura del tuo tour, al Ritz di Manchester il 30 maggio?

"Sono mancuniano e lo sarò sempre. Quando ho saputo dell'attentato ero devastato e poi incazzato per il fatto che merdate così stanno succedendo in tutto il mondo. Il concerto è stato incredibile, molti giovani. Mi è piaciuto, ma è stato molto emozionante. Volevo solo che la gente sapesse che se ci riuniamo tutti siamo intoccabili".

E per il resto del tour?

"Voglio solo ingaggiare un po' una 'rissa' con il pubblico. Vocalmente e con i testi e la mentalità e la musica e le chitarre, amico. Sono lì per essere scossi, sai cosa intendo? Non sono lì per ciondolare, cazzo".

Ti piace la connessione con i fan. Sei pronto a rispondere alle domande dei nostri lettori?

"Sì, amico. Lo sono. Fallo. Vai, risponderò a qualunque cosa tu voglia. Non mi dà fastidio niente. Sono felice. Mi piaccio". 

DOMANDE DEI LETTORI

Cosa può trarre la gente dal tuo nuovo album?

"Il mio disco è stato già fatto prima. Spero solo di farlo un pochino meglio. Non sto reinventando la ruota, gli sto solo dando una lucidata. Buone canzoni, ottima voce, buone parole ... spero che alla gente piaccia, che non si gratti molto il capo. Che saltelli su e giù. C'è un po' di Bowie, ma non come Harry Styles ... È come si deve, amico. C'è una canzone che si chiama Paper Crown, che è come Five Years. Non come il folle Bowie. Cos'altro c'è? C'è molto di Street Fighting Man ... Suona bene, amico".

Cosa sarebbe definibile successo a questo punto della tua carriera? Una canzone al primo posto? 

"Voglio andare in tour, ecco cosa voglio fare. Se il disco non va da nessuna parte, se fare i concerti non 'accade', voglio solo andarmene a fare dei concerti, amico, invece di tutti i drammi. La gente non si rende conto che sono un bravo cantante e mi piace davvero la musica, ne sono appassionato, voglio tornare a fare quello che faccio. Non mi importa un disco da numero uno in classifica. Se diventa popolare diventa popolare. Se rimane una cosa piccola rimane una cosa piccola. Sono stato popolare, sono stato piccolo, quindi conosco la cosa. Sono preparato a qualunque cosa accada".

Perché hai deciso di chiudere con i Beady Eye quando sembrava stessero andando in una direzione molto interessante? 

"A supporto dell'ultimo album che abbiamo pubblicato, che è stato il primo che abbia mai pubblicato in America, abbiamo fatto un solo concerto. Quello ha lasciato un segno in me. Ci hanno chiesto di fare il Coachella, ma a quanto pare non ci siamo potuti permettere di andare lì. Ho fatto: 'Pagherò i costi per andare lì e una volta che siamo lì faremo dei concerti'. Gem si era fatto male alla testa e io avevo il divorzio in corso, ma il luogo migliore in cui stare è on the road ... Comunque non c'erano concerti in programma. Quindi ho detto a me stesso: 'Forse semplicemente la cosa non sta 'accadendo', forse semplicemente non si sta connettendo'. E poi Andy ha ricevuto una telefonata in cui gli chiedevano di rimettere in piedi i Ride, il che andava bene, ma ho pensato: 'Sai che c'è? Non me ne sto a ciondolare'. Così ho fatto: 'Sai che ti dico? Vai a riformare i Ride, penso che dovremmo chiuderla qui' ". 

Oggi come ti appassioni alla nuova musica e cosa ascolti a parte la roba tua?

"Non ascolto manco musica, ad essere brutalmente onesti. Ascolto la radio, tipo la folle fottuta ... come si chiama? Musica classica. Quella la metto su, sai? Semplicemente Classic FM in sottofondo. Il mio stereo ha pezzi dappertutto ... sto traslocando di nuovo prima di andare in tour quindi lo rimetterò a posto. Ho una collezione di dischi, alcuni a casa di mia madre, altri in archivio. Appena sono arrivati i CD ho perso interesse per la nuova musica, amico. E quando è diventata tutta una cosa di iPod e tutte quelle merdate è uscita fuori dalla finestra". 

Devi lavorare più duramente per prenderti cura della tua voce ora che hai superato i 40 e cosa hai smesso di fare?

"Non ho smesso di fare niente! Bevo molti drink strani ... ho questo aceto di sidro di mele, quello di cui parlano tutti. A quanto pare è ottimo per tutto. La mamma lo usa per l'artrite e le fa veramente bene. Quindi io prendo aceto, un po' di miele e poi un po' di curcuma, un po' di pepe di Cayenna, una spruzzata di limone, acqua calda, mescolo il tutto e lo bevo. Fa veramente bene quando hai la voce rauca. Ho un problema di tiroide - la tiroidite di Hashimoto - quindi mi può succedere di avere la voce molto rauca. Ti stanca e le ossa scricchiolano, ma ti prendi questo drink e ti rende un po' Jumping Jack Flash. È molto fottutamente noioso, non ti fa ubriacare, ma puoi prendere anche altra roba". 

Qual è il tuo approccio alla composizione?

"Semplicemente prendo la chitarra, amico, e suono. Suono la canzone più semplice del mondo, forse faccio un giro di basso, solo per ottenere un ritmo, e poi ottengo una melodia e la registro sul mio telefono e tiro fuori un paio di versi. E poi vado fuori di testa e devo uscire a fare una passeggiata perché sono fottutamente eccezionali. E poi torno ed è ancora lì e ne faccio un altro po'. Lo faccio in fasi". 

Credi che produttori come Simon Cowell stiano distruggendo la musica?

"No, non credo. Tutte queste guitar band che si lamentano della musica pop ... hai una chitarra, sai come scrivere una canzone, vai a farlo e smettila di lagnarti. Fanculo le chart. Sono sempre state merda, chi se ne frega? Ti dico io cosa ha rovinato Simon Cowell, ha rovinato Top of the Pops e Christmas No 1. Ma se sei un uomo rock 'n' roll o una guitar band non puoi dare la colpa alle persone. Vorresti farlo ancora di più, o no? Vorresti contrastarlo. È per questo che sono qui. Nessuno sembra più contrastare la merda. Tutte le persone fighe sono le stronzate. Non farl nomi, ma loro sanno chi cazzo sono. Odio quegli stronzi che fanno un disco dance all'anno perché è trendy e poi appena sentono odore di un ritorno della guitar music tirano fuori le chitarre. Devi essere una cosa o l'altra. Se hai una chitarra attaccala, alza il volume e suona ad alto volume o fottiti". 

Vedi all'orizzonte una reunion degli Oasis? Hai un rapporto con Noel o non avete alcun contatto?

"Nessun contatto. Non lo vedo all'orizzonte. Mai dire mai, penso, ma al momento se mi avvio con questa cosa da solista di sicuro non succederà per un po'. Dato che ci sono state abbastanza volte in cui sarebbe potuto accadere e sarebbe dovuto accadere e non è accaduto. Vorrei che accadesse, perché lui mi manca e mi manca la band e mi mancano i fan e mi manca cantare quelle canzoni. Ma è nelle mani di Dio, non di Noel Gallagher, anche se a lui piace pensare di essere un po' un Dio, ma non lo è ... Perché la sua cosa l'ho vista arrivare per anni. Pensava che io sarei andato alla deriva e che si sarebbe girato e avrebbe fatto: 'Scusate, ragazzi, ma io dovrò mettere la mia malvagia carriera da solista in attesa perché devo aiutare mio fratello'. Ma io non sono in disgrazia. Sono ancora in piedi. No. Non succederà, amico. Quando ci penso, stare in una band con lui è una cosa che mi annoia a morte. È cambiato come persona. Non è uno con cui io voglia stare in una band. Fa parte dell'establishment".

Se qualcuno facesse una fiction sugli Oasis, chi interpreterebbe te, chi Noel e chi Alan McGee? 

"Qualcuno al momento lo sta facendo, a quanto pare! Be', forse non una fiction, ma qualcuno sta facendo un film su McGee e sulla Creation Records e hanno chiesto se Lennon, mio figlio, sia disponibile per interpretare me in due scene. Una al Water Rats (locale di Londra, ndr) e una ad un party a casa di Noel. Non è disponibile. Gli ho detto: 'Perché no, merdina? Hai detto che eri disponibile a fare l'attore'. Quindi ora l'altro, il 15enne, mi fa: 'Lo faccio io, papà'. Stanno un po' litigando su chi deve farlo. Poi prendono Anais (figlia di Noel, ndr) per fare Noel. E chi può fare Alan McGee? Louis Walsh".

Com'è un giorno nella vita di Liam Gallagher?

"Mi sveglio molto presto, amico, alle cinque. Vado a fare una corsa alle sei, giusto per avere un po' di disciplina. Niente musica, corro e basta. Inseguo gli scoiattoli. Sono il tipo di persona che, quando vede le oche, fa: 'Tutto bene, oche?' e penso che quello sia buffo. E loro mi guardano e mi fanno: 'Come se non l'avessimo già sentita prima, coglione'. E poi riporto all'adorabile Deborah il suo caffè alle sette, poi faccio alzare Gene e lo porto a scuola, vive con noi da un paio di mesi. Sta facendo gli esami di terza media. Gli ho detto: 'Guarda, non prenderti neanche la briga di chiedermi com'è perché io non he ho proprio idea, cazzo. Ma non preoccuparti'. Faccio: 'Guardami, io non ho preso nessun diploma di scuola media e sono un'icona della moda e uno stilista di successo, sono una rock 'n' roll star numero uno. Dillo al tuo cazzo di insegnante'. Comunque lo sveglio, gli porto un po' di colazione, lui sale sull'autobus, poi torno, in bagno e poi in piedi e fuori di casa. Aspetto che Debbie mi intrattenga tutto il giorno. Sono come il suo cane: 'Mi porti a fare le passeggiate?' ".

Qual è la cosa peggiore della mezza età?

"Non lo so, non ho problemi ad invecchiare. Ho 44 anni. No, non mi sono fatto il botulino. Assolutamente no, amico. Più rughe hai, meglio è, amico. Avanti con Keith Richards. Voglio sembrare malconcio. Devo fare la mia corsa, amico, anche per lo stato mentale, ma sì, devi sembrare curato ... Penso che la cosa peggiore del diventare di mezza età è che non puoi indossare alcuni vestiti che indossavi anni fa, come le scarpe da ginnastica. Cioè puoi indossarle senza pantaloncini, ma se le metto con un paio di jeans faccio: "Lascia stare". Quindi devo infilarmi i miei stivali scamosciati".

Se una versione più giovane di te venisse ad abitare accanto a casa tua saresti tentato di vendere la casa?

"No. Assolutamente no, amico, lo amerei! Perché no? Sono un personaggio e i personaggi sono quello di cui si tratta, amico. Abbatterei un muro però. Viviamo tutti insieme, non è giusto?".

Voterai per i laburisti?

"Non voto. Non mi interessa la politica. Votavo da giovane, ma non voto da quando avevo 18 o 19 anni. E so che ci sarà gente che farà: 'Be', se non voti non hai nulla di cui lamentarti'. Non mi sto lamentando, cazzo! Pago le tasse, bado ai miei figli, bado a mia mamma. Non mi interessa la politica. Ogni tanto guardo le risposte del primo ministro alle domande, però. Mi piacciono! Quando sono nella Camera dei Comuni, quando fanno tutti così: rahrahyahyah. Lo trovo buffo. L'ho registrato come un vero stronzo triste, anche se a volte ... voglio sapere cosa succederebbe se non votasse nessuno. Se nessuno votasse per nessuno degli stronzi. Cosa succederebbe allora? Forse dovremmo pensarci".

Quanto pensi che crescere in una famiglia con un padre violento abbia influenzato le relazioni dentro e al di fuori della tua famiglia? 

"Dio, non lo so, amico. Penso che ci sia la vecchia cosa secondo la quale pensi: 'Guarda, non sarò mai come lui', ma sono stato come lui. Non in un modo violento, solo ... relazioni, fare cose che non avrei dovuto fare. Quindi quella cosa l'ho portata a termine, ma non incolpo lui, è colpa mia. Ma violento? No, non violento, amico. Sono onesto con i miei figli. Faccio: 'Guarda, devi alzarti per andare a scuola, amico, dai'. Ma sono piuttosto rilassato. Sono tranquillo. Non so neanche come sia avere un padre, in realtà, quindi non so se fosse un padre buono o cattivo. Ma non mi è mai mancata una botta in testa o una lavata di capo. Perché me le faceva mia madre. Ci sono delle madri che sono delle pappamolli, ma lei è irlandese. Penso che abbia ricoperto entrambi i ruoli".

Fai ancora uso di sostanze stupefacenti?

"Non quanto prima. Non bevo quanto bevevo prima. Non fumo erba, mi annoia a morte. Fumo sigarette, ma non un sacco. La settimana scorsa non he ho fumata nessuna! Ho un po' di disciplina. Ma sì, ogni tanto, dipende da cosa succede. So per certo che non dovrei, perché al momento fanno schifo. Come ha detto Ashcroft, non funzionano più".

Come pensi che sarai ricordato tra 30 anni?

"Qualcuno che è venuto e se l'è spassata fottutamente e non si è trasformato in una testa di cazzo".

Sei mai precipitato in un baratro?

"Sì, specialmente la cheta (chetamina, ndr). Mi ci sono voluti secoli per uscirne. Sono caduto nel baratro della chetamina e in un baratro reale. Scavavo buche a Manchester, proprio prima di unirmi agli Oasis. Ho scavato mezza Manchester: Piccadilly Gardens, Market Street ... quindi ho vissuto proprio in un buco, per un bel po' ".

Hai cucinato una ricetta, salmone saltato, durante un'intervista nel 2008 ed è venuta una delizia. Hai altre ricette? 

"Dio. Ho fatto un saltato in padella una volta e pensavo di essere un super chef. Da allora non ne ho preparata una. Debbie è una buona cuoca però. Odio cucinare. Il cucinare può andare a fare in culo.  Non ci credo che Noel Fielding stia facendo quel programma (The Great British Bake Off, ndr). Naturalmente è fottutamente annoiato". 

Guardavo la partita su Fox e continuavano a riferirsi al Man City come "i Citizens". Dici mai ai tuoi amici: "Forza, amici, andiamo a vedere i Citizens"?

"No. Mai. È: 'Dai, amici, andiamo a vedere i cazzo di grandi Blues ...' ". 

Quanto sei coinvolto nella tua casa di moda, Pretty Green, di questi tempi?

"Un po' ancora lo faccio. Faccio un salto lì una volta al mese giusto per assicurarmi che vada tutto bene. La roba che fanno è più per i ragazzi, penso, è aderente e quello non fa per me. Stiamo provando a sviluppare un'etichetta bianca al momento, che si addice più alla mia taglia, al mio stile. La maggior parte delle incombenze le lascio a Pat Salter, che si occupa di tutto il design. Con la moda c'è una collezione ogni cazzo di minuto ... Sono andato a vederne una l'altro giorno ed era per il 2019. Faccio: 'Non ho ancora visto una collezione 2017'. Ma mi eccita alla grande. Quando non facevo proprio musica era importante. Perché è ancora in creazione. E sono vestiti eccezionali, amico". 

Sei ancora favorevole al modo di vestirsi dal basso verso l'alto?

"Senza dubbio. Voglio dire: devi essere pazzo se ti metti prima la giacca, giusto? Penso che una volta che hai indossato le scarpe tutti i pezzi vanno al loro posto". 

DOMANDE DEI VIP

Caitlin Moran, editorialista: Hai mai pensato di tagliarti i capelli da solo? Chi è il tuo ispiratore per il taglio di capelli? 

"Oh, sì. Faccio solo la frangetta, amico, perché non mi piacciono le frangette. O porto una frangetta lunga oppure non porto la frangetta. Odio la cosa a metà strada, tipo quel coglione di Scemo e più scemo. Appena diventa un po' come Scemo e più scemo tiro fuori le forbici e (fa il gesto, ndr). Keith Richards aveva un taglio di capelli eccezionale, amico. Ho delle foto sul mio telefono. Quando li aveva proprio lunghi e indossava gli occhiali alla Elvis e la giacca di pelle. Chi altro aveva dei bei capelli? Bruce Lee aveva dei bellissimi capelli. Brian Jones aveva dei bellissimi capelli. Brian Jones è un paggio, era una figata. George Harrison. Ian Brown. Chi altro? Gesù aveva un bel taglio di capelli".

Vincent Kompany, capitano del Manchester City: Ho considerato l'Etihad Stadium casa mia negli ultimi nove anni, ma tu sei cresciuto andando a Maine Road per vedere il City. Quali sono i tuoi ricordi più belli del nostro vecchio stadio?

"Sì, Vincent, prima le cose importanti: è bello riaverti tra di noi, ci sei mancato un sacco. I miei ricordi di Maine Road ... Ce ne sono un bel po', ma è sicuramente quando il City malmenò lo United per 5-1 e quando gli Oasis vi si esibirono per due concerti negli anni '90. Esibirti nello stadio della squadra di calcio per la quale hai tifato per tutta la vita è senza dubbio la ciliegina sulla torta. Dopo può solo andare peggio: neanche Knebworth si avvicina a quella cosa. Comunque stammi bene, stammi in forma, goditi l'estate e andiamo a vincere il treble nella prossima stagione".

Ian Rankin, scrittore: Se tu e Noel non aveste messo in piedi gli Oasis, cosa stareste facendo adesso?

"Ho paura al pensiero. Tutti i miei amici ... Ce ne sono un po' che non sono più qui, a causa delle droghe. Ce ne sono alcuni che sono in gattabuia. Quindi penso ... non avrei avuto un lavoro vero e proprio perché non sono così intelligente con quella roba. Quindi sarei andato a scavare (lavorare come operaio, ndr) o sarei morto o sarei malamente tossicomane, il che ovviamente mi avrebbe condotto a morire. Il rock 'n' roll mi ha salvato la vita. E gli sarò per sempre in debito. Sarò per sempre in debito al rock 'n' roll e non penserò mai e poi mai di fare un altro tipo di musica. Mai".

Lady Leshurr, rapper: Faresti una canzone con un artista grime? Se sì, chi? 

"Be', ci sono stati dei colloqui per farne una con ... è Skepta? I miei figli sono in fissa per lui. Gene e quello, ascoltano tutta quella roba. Perché a quanto pare Skepta veste Pretty Green e io facevo: 'Portategli quello che vuole'. Ha un aspetto un po' strano, no? Non so che aspetto abbiano le star del grime, ma questi qua con le cazzo di catenine d'oro ovunque ... È vergine? Ho letto da qualche parte che è del segno della vergine. Non è affatto importante, voglio dire: sei nato dove sei nato, no? Ma se sei vergine allora sei ovviamente piuttosto figo". 

Mary Anne Hobbs, DJ: Sei felice?

"Sì, molto felice. Sono felice più che mai. Sono un tipo piuttosto spensierato. Non mi siedo a rimuginare sulle cose. Sono piuttosto fottutamente placido. Sono sicuro che la gente non mi crederà, ma la merda succede, io la affronto e poi volto pagina. Penso di essere iperattivo, mi piace continuare a muovermi, amico". 

Carol Morley, film-maker: Se dovessi rivivere la tua vita cosa faresti in modo diverso?

"Niente, amica. Non cambierei neanche una cosa, perché è stata grandiosa nel quadro generale. Accade tutto per una ragione e più ti siedi a preoccupartene ... finirai al manicomio. Ho commesso degli errori enormi per quanto riguarda le mie relazioni. E sono stati errori, non me ne fotte un cazzo di cosa dicano le loro campane, sono stati errori completi e totali .. Quindi forse tenere a freno le droghe e le bevute, ma, sai, come ho detto, succede, no? E me ne sono scusato e volto pagina, amico".

Emma Jane Unsworth, scrittrice: Ti senti mancuniano, inglese, britannico o europeo?

"Sono sicuramente inglese. Mia madre e mio padre sono irlandesi, ho sangue irlandese, ma la mia cultura, la mia cultura inglese, mi scorre nelle vene. I vestiti, la moda, la musica, il calcio, la boxe. Mi dispiace, irlandesi, vi amo e mi diverto a venire laggiù, ma mi definisco molto inglese. E il mio cuore è a Manchester, senza dubbio, e lo sarà sempre, anche se sono a Londra. I miei figli sono qui, è più facile per me qui. È stata un po' dura quando la cosa degli Oasis stava decollando. Quaggiù è tipo ... c'è più spazio, più gente famosa ... Non mi secca questa cosa qui, perché la gente famosa è comunissima". 

Irvine Welsh, scrittrice: Se potessi cantare in una band di fantasia, quale sarebbe la tua formazione dei sogni?

"Mi sarebbe piaciuto un sacco far parte dei Pistols. Avrei cacciato Johnny Rotten, se ne sarebbe andato. Vai via, Gunner (tifoso dell'Arsenal, ndr). Paul Cook è fottutamente grandioso. Steve Jones è un grande. Sid Vicious, abbassategli il basso, ma malgrado questo spaccava. Ma Rotten se ne sarebbe andato, mi dispiace. Posso fare quello che fa Rotten anche nel sonno".

traduzione italiana by frjdoasis - oasisnotizie  

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails