domenica 25 giugno 2017

Audio - Liam Gallagher: "Flop dei Beady Eye? Sarebbe servita una pausa dopo gli Oasis"



Qualche ora prima della videointervista che abbiamo sottotitolato qui, Liam aveva parlato sempre con Jo Whiley di vari argomenti (audio nel video qui sopra) e dell'attesa per l'esibizione sul prestigioso palco di Glastonbury. 

"Sono entusiasta. Ho fatto tutto, mi sono preparato mentalmente e fisicamente per Glastonbury", aveva detto Liam. "Non sto nella pelle, non vedo l'ora di salire su quel palco e di fare un po' di rock 'n' roll ad alto volume, o come altro si chiama oggigiorno". 

"Sono assolutamente pronto a partire", aveva affermato, prima di rivelare di non aver fumato né bevuto nei giorni precedenti. "Quei giorni sono finiti. Non faccio più quelle robe prima di un concerto. È l'ultima possibilità che ho di fare quello che amo fare: fare musica e cantare bene. Non c'è niente di peggio di fare un concerto senza voce, è la cosa peggiore del mondo".

"Se sono spaventato? No, la gente che si spaventa dovrebbe andare a lavorare all'ufficio postale. Sono un po' nervoso, ma per l'eccitazione. Non mi troverete nel bagno a tremare e a dire: 'Voglio tornarmene a casa' ...".

"La scaletta? Non sarà lunga, perché tra l'altro non abbiamo molte canzoni. L'esibizione durerà un'oretta, penso. E non mi piace la gente che suona per due ore. Se me lo chiedessero non lo farei, perché un concerto rock 'n' roll dovrebbe durare un'ora, al massimo un'ora e mezza".

Alla giornalista che ribadiva come per lui questa sia l'ultima chance, Liam ha risposto placido: "Musicalmente sì. Se non dovesse andare bene non tornerei. Ho fatto parte degli Oasis e dei Beady Eye e per quanto con questi ultimi sia andata bene la cosa non aveva fatto centro. E se la cosa non diventa popolare non va bene a me e non va bene a te, quindi deve 'muovere' la gente in modo grandioso. Non dico come gli Oasis, ma un po' di più rispetto ai Beady Eye". 

"Se mi sento frustrato da com'è andata con i Beady Eye? Per niente. Con il senno di poi penso che ci saremmo dovuti prendere una pausa dopo gli Oasis, ma quando sei in quella 'bolla' ti dà sicurezza, no? Andare a casa era l'ultima cosa che volessi fare. Volevo continuare a fare musica, così abbiamo continuato con i ragazzi e con loro sono in debito perché non hanno 'fatto i bagagli'. Ci hanno dato dieci anni di band, con me e il nostro ragazzo (Noel, ndr) che litigavamo. Noel aveva deciso dove andare e io avvertivo nei loro confronti il dovere di continuare. Così abbiamo fatto un paio di dischi".

Liam ha poi risposto all'ennesima domanda sul concerto benefico del 4 giugno, in occasione del quale è scoppiata una polemica con Noel.

"Se ho fatto male a fare quel tweet contro Noel dopo la sua assenza dal palco del One Love Manchester? No, se l'è meritato. Ci sarebbe dovuto essere, visto che era solo a due ore di distanza  (in vacanza con la famiglia a Positano, ndr). E questa fesseria che si dice - che non è stato invitato - peggiora solo le cose. Se si fosse presentato lì con la sua chitarra, se avesse bussato e avesse detto: 'Suono Don't Look Back in Anger' pensi che gli avrebbero risposto: 'C'è Noel Gallagher qui, ma non è invitato'? Non penso proprio. Se avesse voluto sarebbe venuto e l'avrebbe fatto. Fine. Invitarlo io? Non stava a me. Non ho neanche il suo numero. Comunque non l'ha fatto. Non c'entra se l'ho fatto io. Avrebbe dovuto farlo".

Liam si è poi detto fan del reality show Love Island. All'incredula intervistatrice Liam ha replicato: "Per quattro anni non ho fatto niente, dovevo pur fare qualcosa". 

"Forse andrò a rubare a casa di Micheal Eavis mentre lui si sta grattando la barba da qualche parte", ha poi scherzato Liam rispondendo alla domanda "In quale parte di Glastonbury andrai a divertirti?". Michael Eavis è il fondatore del Festival di Glastonbury.

traduz. by oasisnotizie

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails