venerdì 11 dicembre 2015

Noel Gallagher incanta la Royal Albert Hall facendo da supporter a se stesso. Una fan lo abbraccia e lo bacia sul palco

PHOTOGALLERY QUI

Noel Gallagher ha scelto come band spalla se stesso. Lo ha fatto ieri sera alla Royal Albert Hall di Londra, dove era di scena con i suoi High Flying Birds.

Anziché affidarsi ad un gruppo di supporto, Gallagher ha deciso di aprire il concerto londinese con un set - iniziato alle 20 e durato 40 minuti - che lo ha visto suonare alcune canzoni degli Oasis insieme agli High Flying Birds e all'ex chitarrista degli Oasis Gem Archer (che già lo scorso fine settimana aveva condiviso il palco con Noel). Dopo meno di un'ora Noel è tornato sul palco per il concerto vero e proprio.

Introdotto da una clip in cui cantava Hey Hey, My My di Neil Young, Noel si è rivolto alla folla così: "Vi rendete conto che l'unico motivo per cui stiamo facendo questo è che non siamo riusciti a trovare una band spalla? A quanto pare sono tutti troppo occupati".

Tra il pubblico vi era anche l'ex stella del Manchester United David Beckham, che su Instagram (@davidbeckham) ha pubblicato un paio di foto con l'ex Oasis, acceso tifoso del Manchester City, scrivendo: "Straordinaria serata. Unica delusione è stato il colore e la dimensione della bandiera ... Grazie Noel. Se solo fosse stata rossa @themightyi".

Alle 21.30 Noel è risalito sul palco, stavolta con la band al completo, per suonare le altre canzoni in scaletta, insieme ad un coro di ben venti elementi. "Ora suonerà una band di tipi tosti!", ha scherzato, prima di lanciarsi in Everybody's On The Run. Il chitarrista ha dedicato You Know We Can't Go Back "ai fan degli Oasis di tutto il mondo". Molto toccante anche la versione acustica di Champagne Supernova, già proposta qualche mese fa nel tour. 

Di ottimo umore, Noel ha scherzato con il pubblico tra una canzone e l'altra. Ad un certo punto una donna ha eluso la sorveglianza della security ed è riuscita a raggiungere Noel sul palco, per poi abbracciarlo e baciarlo (video alla fine del post). Un imbarazzato Noel si è avvicinato al microfono e ha detto: "È la mia p.a. (personal assistant , ndr). Che cazzo?! Deduco che tu abbia bevuto". Poi, rivolto alla folla, ha chiesto: "È la tua fidanzata? Ah, è tua madre?". 

"Buon fottuto Natale!", dice Noel prima di suonare Half The World Away, tornata, com'è noto, nelle chart inglesi dopo essere stata scelta come colonna sonora per il consueto spot natalizio di John Lewis (sotto forma di cover realizzata da Aurora, una cantante norvegese). "L'assegno che intasco fa valere la pena (di suonarla, ndr)", ha aggiunto compiaciuto l'ex Oasis.

"Grazie per aver reso questo extraspeciale e grazie per essermi stati vicini", ha detto alla fine, visibilmente emozionato.

Dopo queste date dicembrine, il tour di Noel ripartirà ad aprile nel Regno Unito. Queste le prossime date:

Glasgow, The SSE Hydro (April 21)
Aberdeen, AECC (April 24)
Liverpool, Echo Arena (April 25)
Leeds, First Direct Arena (April 27)
Birmingham, Genting Arena (April 29)
Bournemouth, BIC (April 30)

Scaletta del concerto alla Royal Albert Hall di Londra, 10 dicembre 2015

--- Scaletta di apertura ---

(It's Good) To Be Free
D'Yer Wanna Be a Spaceman?
Listen Up

Sad Song
Slide Away
Cast No Shadow
The Importance of Being Idle
Wonderwall

--- Scaletta principale con la band al completo ---

Everybody's on the Run
Lock All the Doors
In the Heat of the Moment
Fade Away
Riverman
The Death of You and Me
You Know We Can't Go Back
Champagne Supernova
Dream On
Talk Tonight
Whatever
The Mexican
If I Had a Gun...
Digsy's Dinner
Half the World Away

The Masterplan
AKA... What a Life!
Don't Look Back in Anger





Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails