domenica 1 novembre 2015

VIDEO - Noel Gallagher: "Nuovo album? Dopo aprile. Io e Liam odiavamo gli abbracci di gruppo pre-esibizione. Bisogna dare solo il 75% sul palco ..."

Sabato 24 ottobre Noel Gallagher è stato ospite di Soccer AM su Sky Sport UK, regalando siparietti e commenti divertenti su vari argomenti.

In studio, oltre all'ex Oasis, c'era anche l'ex leggenda del Manchester United Peter Schmeichel, che, dopo aver vinto molti trofei con i Red Devils e giocato con Sporting Lisbona e Aston Villa, chiuse la carriera nel Manchester City alla soglia dei 40 anni.

"È un peccato che Peter non sia venuto a giocare con noi nei suoi anni migliori. Ci siamo già incontrati. Una volta ci incontrammo ad Upton Park quando suo figlio giocava per un club come si deve", ha detto Noel, alludendo al Manchester City, nelle cui file il figlio di Peter, il 29enne Kasper, attuale portiere del Leicester City, militò alcuni anni fa.

Nell'intervista Noel ha confermato di non amare i set dei video musicali. "Li detesto, li odio, non li sopporto. In tutti quei video che avete appena mostrato si vede come io sia furioso. È un male necessario, ma non lo sopporto. Si portano via tutto il giorno e di solito i registi sono piuttosto presuntuosi. Quelli che giriamo all'aperto sono i peggiori. Quello per Ballad of the Mighty I, poi, lo girammo a novembre e fuori si gelava. Non riesco a gestirli, non sono nato per stare di fronte alla telecamera".

Noel non ama neanche i social network. "Non sono su Twitter, la vita è troppo breve per quelle cose, ma è il modo in cui ci si connette con i giovani, chiunque essi siano". 

Twitter ha contribuito a togliere quel bel velo di mistero che prima avvolgeva l'industria musicale? "Certamente", risponde il cantautore. "Quando gli Oasis erano agli esordi, se avevi sentito parlare di noi e volevi sentirci dovevi venire a vederci, no? Ora è molto facile picchiettare il nome sul computer, andare su YouTube e farsi istantaneamente un'opinione sulla band in trenta secondi, mentre allora, quando tutti noi eravamo giovani, dovevi trovarti lì, no?".
 
Sul nuovo album in studio degli Stone Roses Noel ha rivelato: "Sì, so esattamente cosa sta succedendo: loro sono in fiore".

L'artista ha poi rivelato come il suo nuovo album, che farà seguito a Chasing Yesterday, non sarà completato prima della fine del tour che lo sta attualmente impegnando, la cui chiusura è fissata per il prossimo mese di aprile. "Fino ad allora il mio magic trick non sarà pronto, quindi tirerò fuori solo la vecchia roba", ha detto Noel, che l'anno prossimo suonerà il 12 aprile a Vienna, il 14 a Colonia e il 15 a Monaco di Baviera.

"Se mi diverto ancora ad andare in tour? Sì, lo amo, è la parte migliore", ha aggiunto il chitarrista. "Se mi tiene fuori di casa? Sì, dai bambini quando non sono a scuola. Mi piace tanto quanto mi piaceva quando ci andavo con gli Oasis. Non direi che mi piace di più. Allora era fantastico perché era una band famosa, grande, enorme, e il caos era eccezionale. Ora è una cosa più contenuta, ma mi piace".

Alla domanda se in tour ha dei rituali prima di salire sul palco, Noel ha risposto in modo netto e ha confermato la fama di "duri" degli Oasis. "No, non ho rituali. Con gli Oasis vedevamo che le band che suonavano prima di noi aprendo i nostri concerti facevano piccoli abbracci in cerchio o si davano il cinque prima di salire sul palco. Questa cosa ci disgustava. Sai, si tratta di finire il drink, fumare una sigaretta, salire sul palco, fare le cose in fretta e tornare in camerino, no?". Poi ha spiegato: "Devi dare il 75% quando sali sul palco ... Sai ... bisogna lasciare qualcosa per l'after show, no?", ha spiegato tra le risate del pubblico.

Ecco il parere di Noel sul City di Pellegrini. "Credo che Pellegrini stia facendo bene, ma sarà per quello che farà in Europa che sarà giudicato. L'altra sera giocavamo in Champions League contro i vincitori dell'Europa League, il Siviglia. Li ha affrontati con il 4-4-2 e io ho pensato che ancora non ha imparato nulla. In termini di Premier League, però, credo abbia fatto straordinariamente bene e non gli si rende abbastanza merito. In Champions League però ha onestamente molto da imparare. L'anno prossimo saranno disponibili Ancelotti, ... Klopp lo sarebbe stato prima di impazzire e di firmare per il Liverpool ... dicono Guardiola".

Sui recenti fatti avvenuti all'Etihad Stadium durante i match europei Noel ha detto: "Cosa vogliono fare? Mettere degli steward durante le partite per impedire che i tifosi del City fischino l'inno della Champions League? Se avessimo potuto pensare che la UEFA si sarebbe coperta ancor di più di ridicolo, ecco che se ne sono usciti con questa cosa. E pensi: chissà cosa ci sarà dopo a questo punto ... Penso che a questo punto i tifosi fischieranno ancor più spesso forse. Cosa fischio? Io fischio il testo dell'inno della Champions League. Sembra dica: 'Lasagneee'. Il testo è orribile".

Di fronte alla possibilità che Ryan Giggs alleni gli odiati rivali del Manchester United, Noel sorride e dice: "Giggs al Manchester United? Spero di sì, sarebbe incredibile".

Noel ha anche raccontato come guarda le partite: "Se le guardo in piedi? Sì, in cucina, specialmente per i derby. Da quel punto di vista i derby non li amo: sono troppo stressanti. Se passeggio nervosamente? Sì. A volte il gatto mi fissa e forse pensa: 'Mi sta portando dei Dreamies (cibo per gatti, ndr) o cosa? ' ... Le guardo da solo. Odio la gente che parla mentre guarda le partite. Ho un amico con cui a volte vado allo stadio. Non mi dice una parola per tutto il giorno, poi appena inizia la partita inizia a parlarmi ...".

A Noel hanno fatto vedere un filmato in cui l'ex capitano del Manchester United Gary Neville si esibisce in concerto con i Charlatans suonando la chitarra acustica. Questo il severo giudizio del 48enne: "Tanto per cominciare quella chitarra è una porcheria. Non so che marca sia, forse Yamaha o una cosa simile. Fa schifo. Quanto all'abilità ... come chitarrista fa dei commenti calcistici eccezionali. E quanto a presenza scenica direi che ne ha meno del cantante. Davvero quello con la chioma bionda è Tim Burgess? È diventato Lady Gaga".

Alla fine Noel si è prestato ad un giochino in cui era stato nominato "allenatore dei tifosi dell'Everton". "Sei felice in questo ruolo?". "No". "Vorresti augurare buon compleanno a Wayne Rooney?". "No".

oasisnotizie




Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails