mercoledì 2 ottobre 2013

Rimpatriata degli Oasis, Bonehead tornerà a suonare con Liam Gallagher

Quattordici anni. Tanto è trascorso dalle ultime esibizioni di Paul Arthurs, detto 'Bonehead' (nella foto a destra con Liam Gallagher e Ian Brown), con gli Oasis. E il 18 ottobre ci sarà un gradito ritorno. 

Il 48enne chitarrista, negli Oasis dal 1991 al 1999, tornerà ad esibirsi con Liam Gallagher sul palco della Royal Albert Hall. I Beady Eye, infatti, parteciperanno all'iniziativa A Night For Jon Brookes in memoria del batterista dei Charlatans, morto a 44 anni il 14 agosto per un tumore al cervello, che non lo aveva fatto desistere dalla sua grande passione, la musica, dato che ha continuato a suonare con la sua band fino all'ultimo.

All'evento, finalizzato a raccogliere fondi per la Brain Tumour Charity, saranno presenti Liam Gallagher e la sua band, orfana, com'è noto, di Gem Archer, colpito dalla sfortuna e costretto all'inattività per almeno quattro mesi a causa di un trauma cranico prima e di una doppia frattura di tibia e perone poi (leggi qui). Per rimpiazzarlo i Beady Eye non hanno esitato a contattare Arthurs, rimasto amico di Liam e già avvistato in numerosi concerti della band. L'ingresso di Bonehead è stato ufficializzato dal profilo Twitter dei Beady Eye nella serata del 30 settembre.

Dopo l'uscita dagli Oasis nel 1999 durante le registrazioni dell'album Standing On The Shoulders Of Giants, Bonehead ha militato in svariate band quali Vortex e Parlour Flames, che hanno pubblicato l'ultimo album nel maggio di quest'anno. 

C'è chi avanza un'ipotesi suggestiva: se Gem Archer non ce la farà a recuperare per i concerti novembrini dei Beady Eye nel Regno Unito, gli show potrebbero tenersi ugualmente con Arthurs al posto di Archer.

Vedi anche:
Bonehead: "Io via dagli Oasis perché c'era troppo lusso"
Intervista esclusiva a Bonehead: "Non ho rimpianti"
Bonehead sconfessa Noel Gallagher: "Be Here Now non fu un album di merda"


Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails