lunedì 26 gennaio 2015

Noel Gallagher: "Riformare gli Oasis? Finché siamo tutti vivi e abbiamo capelli è possibile"

Intervistato da Mark Blake sulla rivista Q di questa settimana, Noel Gallagher è tornato a parlare della reunion degli Oasis. 

"Nessuno ci ha fatto un'offerta per la reunion", ha detto. "Sono stato nella stessa stanza con Liam e neanche allora uno di noi ha detto: 'Non erano grandiosi gli Oasis? Dovresti rimetterli in piedi'. Ma se mai lo farò sarà solo per soldi. Non sarò io a prendere l'iniziativa, comunque. Se lo facessi per una causa benefica? Assolutamente no. Non siamo quel tipo di persone. Per Glastonbury? Non penso che Michael Eavis (l'organizzatore del festival, ndr) abbia abbastanza soldi. Mi chiedi se mai ci riformeremo un giorno? Finché ognuno di noi è ancora vivo e ha ancora capelli c'è sempre una possibilità. Ma solo per soldi". 

"Guardate gli Stone Roses", prosegue Noel. "Quando ti chiedono continuamente se riformerai la tua band, puoi soltanto continuare a rispondere di no finché alla fine dici di sì. Non ho mai parlato di questo con John Squire, ma sembra quasi che John sia stato costretto con la forza a dire di sì. Ora che gli Stone Roses si sono riformati (nel 2011, ndr) nessuno li cita più. Credo sia una cosa radicata nella psiche inglese questa idea che i giorni di gloria, l'Impero sono dietro di noi. I Led Zeppelin! Gli Smiths! I Jam! Dovrebbero tutti ricostituirsi! Perché? In modo che molte persone di mezza età possano starsene alla O2 e dire 'Non sono bravi come erano una volta'. Con gli Oasis sarebbe lo stesso. 'Sì, non siamo bravi come eravamo' ...".

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails