domenica 28 luglio 2013

Parla il padre di Liam e Noel Gallagher: "Nicole e mio figlio torneranno insieme entro la fine di agosto"

Nella ridda di voci e testimonianze più o meno verificabili citate dai tabloid inglesi in merito alla vicenda della presunta paternità segreta di Liam Gallagher se ne inserisce un'altra, stavolta piuttosto interessante. 

È quella di Thomas Gallagher, il padre di Paul, Noel e Liam. Con lui Liam e Noel non hanno più nulla a che fare da anni. Troncarono i rapporti con il genitore già nel 1984 a causa degli abusi e dell'alcolismo nei confronti di mamma Peggy e nel 1996 un tentativo di un tabloid di provocare un incontro in un hotel di Dublino tra lui e i fratelli all'apice della fama ebbe conseguenze turbolente: Noel ignorò il padre e si chiuse nella sua stanza, mentre Liam diede in escandescenze e tentò di aggredirlo. 

"Lasciatelo in pace", dice oggi il 69enne. "Farà la cosa giusta. Liam è molto schietto, non è il lunatico che i giornali dipingono. Quando parcheggia il caravan, lo parcheggia per un po'. Pensavo che la loro relazione fosse destinata a durare per sempre e lo penso ancora. Potrei dare a Liam tutti i consigli del mondo, ma lui farà la cosa giusta, potete scommetterci". 

"Il ragazzone ce la metterà tutta", dice Thomas. "Risolverà la cosa, non gli interessa l'aspetto esteriore, è quello interiore che conta. Faccio una previsione: Liam e Nicole torneranno insieme prima della fine di agosto. Lui sarà con la sua famiglia, non preoccupatevi. Nicole è una brava ragazza".

Thomas vive ancora nell'umile casa di Burnage dove la moglie lo lasciò quando andò via con i figli una sera del 1984. Il Daily Mirror ricorda quando un suo giornalista andò a trovarlo e lo trovò sanguinante perché colpito da un masso caduto mentre riparava una staccionata. Accompagnato all'ospedale e medicato, Thomas poco dopo tornò al pub ...

Fonte: Daily Mirror

In alcune parti di questi video Liam e Noel parlano anche del padre.




Liam Gallagher e la moglie tolgono la fede e si tengono a distanza. Matrimonio finito dopo lo scandalo?

La notizia della sua relazione extraconiugale con la giornalista Liza Ghorbani, da cui sarebbe nata una bambina, per il cui mantenimento la donna pretende 2 milioni di euro, è scoppiata come una bomba una settimana fa. 

Ora Liam Gallagher sembra fronteggiarne le conseguenze: di ritorno a Londra dopo qualche giorno in Spagna, dove ha tenuto una serie di concerti ma ha anche folleggiato fra un party e un altro, il frontman dei Beady Eye ha ripreso la sua vita in solitaria. Della moglie Nicole Appleton non c'è traccia.

Le foto in cui compare fuori dalla sua casa londinese mostrano un uomo visibilmente stressato e teso, senza la fede al dito. Eppure nei giorni scorsi non sembrava aver dato troppo peso allo scandalo che lo ha travolto e che rischia di mandare a monte il suo matrimonio. Parliamo degli scatti che lo ritraggono in spiaggia, ad Ibiza, con degli amici: sdraiato sulla sabbia di notte, con una lattina di birra accanto e (apparentemente) zero pensieri per la testa.

Nello stesso momento la moglie era negli States, a fare i conti con la notizia della scappatella del consorte, che potrebbe essere diventato padre per la quarta volta. Le foto di Nicole in vacanza con la famiglia a un parco divertimenti di Orlando, scattate martedì scorso, mostrano che anche la cantante delle All Saints ha tolto dal dito la fede: un messaggio al maritino? Certamente i due avranno parecchie cose da chiarire quando si rivedranno, ma quel giorno sembra ancora lontano. 

Stando a quanto hanno riportato i giornali d'oltremanica, Nicole avrebbe scherzato con la sorella Natalie sulla notizia del VIP (ancora sconosciuto in quei giorni) coinvolto in uno scandalo di paternità segreta mentre si trovava dal parrucchiere, non immaginando minimamente che quella celebrità fosse suo marito. Quando lo ha appreso, Nicole sarebbe corsa in lacrime dall'altra sorella, Lori.

Ken, 80 anni, padre di Nicole, ha detto: "Liam si è comportato in maniera abominevole, è stato uno shock per lei e per tutti noi, ma non è compito mio darle dei consigli". Mary, 72 anni (foto qui sotto), madre dell'ex cantante, ha detto: "A Nicole è crollato il mondo o addosso. Gli ha telefonato Liam il giorno prima che lo scandalo scoppiasse ed è stata una breve chiacchierata. Mi ha solo detto: 'Ho paura'. Mi sento così triste, è come perdere 13 anni di vita e una persona che amiamo, che non è per niente simile all'immagine di cattivo ragazzo che dà di sé sul palco. Liam avrebbe dovuto raggiungere Nic qui in vacanza, aveva già i biglietti aerei, ma a questo punto non so se verrà". 

Non è tutto. Il Daily Mirror parla oggi di un incontro gelido tra Liam e la suocera Mary. La 72enne si è recata a Londra per ritirare la posta arrivata nella casa che l'ex cantante delle All Saints condivide con l'ex frontman degli Oasis. In questa occasione ha incontrato Liam. "Pensavo fosse ancora in Spagna, così sono andata nella loro casa di Londra per ritirare le lettere e vedere come stava il gatto. Invece era dentro. È venuto da me e mi ha detto: 'Nic non merita me, merita di meglio'. È stata una cosa vile da dire, ho pensato che fosse un tentativo di mollarla in modo elegante. Sapevo che avrei pianto. Non volevo che vedesse che piangevo, così ho preso il gatto e la posta e me ne sono tornata da mio marito, che mi aspettava in macchina. Poi mi sono girata verso mio marito in lacrime e gli ho detto: 'Il loro matrimonio è finito'. Fino a quel punto non sapevamo semplicemente cosa pensare".

Nel frattempo secondo i tabloid inglesi il management dell'ex Oasis avrebbe ritenuto opportuno allontanare Debbie Gwyther, ex manager del cantante, per via di una confidenza eccessiva dimostrata durante un pomeriggio ad Ibiza. I due erano stati immortalati mentre chiacchieravano, scherzavano e sorseggiavano un cocktail insieme. Una situazione apparentemente piuttosto innocente, ma forse poco opportuna in questo momento delicato. In realtà la notizia sarebbe falsa: pare che la donna si trovasse lì in vacanza per conto proprio e avesse terminato il rapporto di lavoro con il management del cantante già da un po' di tempo.

Liam e la Appleton sono sposati dal 14 febbraio 2008 e hanno un figlio di 12 anni, Gene. Prima di lei, il cantante ha avuto una relazione con Lisa Moorish, madre della sua prima figlia Molly, nata nel 1998 e concepita qualche settimana dopo il matrimonio di Liam con con Patsy Kensit, dalla quale il cantante ha avuto Lennon Francis (1999). Nicole e Patsy si sentono spesso, anche perché Nicole si prende regolarmente cura di Lennon, e pare che  in queste ore i contatti si siano intensificati, data l'esperienza di Patsy con le scappatelle di Liam.

PHOTOGALLERY: LIAM A LONDRA (25 e 26 luglio 2013)

lunedì 22 luglio 2013

Video di Shine A Light, il nuovo singolo dei Beady Eye

È stato diffuso oggi il video del nuovo singolo dei Beady Eye, Shine A Light. Il singolo, il secondo estratto dall'album BE, uscirà il 18 agosto e sarà un doppio A-side insieme al brano The World's Not Set In Stone, già incluso come bonus track nella versione giapponese di BE.




Shine A Light

Slow, let it vine through the past, space and time
There you'll see what's inside, you're the Sun, you're the light
See the man of the cloth, got it wrong from the off
Out of line, out of reach, me and you born to see

Shine a light (shine a la-la, shine a light)
Shine a light (shine a la-la, shine a light)

Rising fast on my feet, let me breathe, let me speak
I'm at home, I'm alive, both in veins above the size
Crystalline in the dark, all you see is the spark
All you feel, you don't speak, me and you born to see

Shine a light (shine a la-la, shine a light)
Shine a light (shine a la-la, shine a light)

And sure enough, weeping your love
I'm seeing the look in your eyes

Shine a light (shine a la-la, shine a light)
(Shine a la-la, shine a light)
Come on, shine a light (shine a la-la, shine a light)
(Shine a la-la, shine a light)

Come on shine a light, come on shine a light
Come on shine a light, come on shine a light
Universalise, la-alise, shine a light, la-alise
Universalise, la-alise, oh-alise
Universalise, la-alise, ah-alise, univers-alise

venerdì 19 luglio 2013

Audio: Ascolta la puntata di "Ritratti" dedicata a Oasis e Blur su Radio Due

Oggi dalle 13 su Radio Due si è parlato di Oasis e Blur.

"Il rock unisce, ma può diventare una battaglia, una gara che comincia già alla fine degli anni Cinquanta, fra i fan di Elvis Presley, per esempio, e quelli di Chuck Berry, arriva all'apice nella contrapposioione fra Beatles e Rolling Stones nei Sessanta, e riappare, quasi a sorpresa per mettere di fronte i due campioni del BritPop, i Blur e gli Oasis."

La puntata era già andata in onda il 15 giugno. Dal 1° luglio al 13 settembre (palinsesto estivo) il programma "Ritratti" è in onda dal lunedì al venerdì dalle 13 alle 13.40 su Radio Due. Conduce John Vignola.

ASCOLTA LA PUNTATA DI "RITRATTI" DEDICATA ALLA BAND BATTLE TRA OASIS E BLUR



giovedì 18 luglio 2013

Travolto dallo scandalo, Liam Gallagher si rilassa in piscina a Ibiza con amici, un fratello e la manager

Travolto dallo scandalo della presunta paternità segreta (leggi qui), Liam Gallagher si è preso un giorno di relax in piscina a Ibiza. Il cantante, che si trova nelle Baleari con i Beady Eye, esibitisi a Maiorca martedì e a Ibiza mercoledì sera (quest'ultimo concerto è stato ripreso da MTV), si è intrattenuto con alcuni amici, il fratello Paul e la sua manager, Debbie Gwyther.

Non sono giorni facili in casa Gallagher. Da quando, ieri, è scoppiata la bolla mediatica legata alla presunta paternità dell'ex Oasis pare che i rapporti con la moglie Nicole Appleton, ex All Saints, da cui il 40enne ha un figlio, siano ai minimi storici. Emma, questo il nome della piccola, sarebbe nata da una relazione extraconiogale con Liza Ghorbani, una freelance statunitense che l'ha partorita a gennaio. 

Per ora il frontman dei Beady Eye non ha commentato, ma pare che voglia querelare il New York Post, che ha diffuso la notizia. I tabloid inglesi, dal canto loro, si sono già scatenati. Secondo il Sun Nicole avrebbe già minacciato di cacciare il cantante fuori di casa e gettato i suoi vestiti dalla finestra.

Intanto ieri sera i Beady Eye sono saliti sul palco dell'Ibiza Rocks e Liam ha sfoggiato un'ironica maglietta con su scritto: "If you don't wanna fuck me baby, baby fuck off!". Un riferimento alla Ghorbani?

Fonte: entertainmentwise.com


"Liam Gallagher ha riconosciuto la figlia segreta avuta da Liza Ghorbani", ma il cantante tiene la bocca cucita

Era stato il Sun, la settimana scorsa, ad anticipare lo scoop: si parlava di una giornalista che con un figlio segreto avrebbe potuto mettere nei guai un famoso personaggio del mondo della musica degli anni Novanta, ma non si sapeva chi fosse. Pare, adesso, che si tratti proprio di Liam Gallagher. E oggi emergono nuovi dettagli sulla vicenda della presunta paternità dell'ex frontman degli Oasis, trapelata ieri.

La donna che ha citato in giudizio il rocker, impegnato in questi giorni con il tour estivo dei Beady Eye, chiedendogli 3 milioni di dollari si chiama Liza Ghorbani ed è una giornalista freelance statunitense. Secondo una fonte citata dal tabloid "è una donna ossessionata dai soldi e dalle rock star e ha già avuto una liaison con un personaggio della musica famoso a metà degli anni '80, ma il rapporto si era interrotto in malo modo". Se non si giungerà ad un accordo con i legali del cantante si procederà con un processo pubblico, come avvenuto per Linda Evangelista e Francois-Henri Pinault.

Gallagher e la Ghorbani si sono conosciuti nel maggio 2010 quando la donna, che cura uno spazio sul New York Times di nome "A night out with", lo intervistò trascorrendo con lui una serata in giro, come è solita fare con le altre rock star finite nella rubrica. Liam, che era a New York per promuovere la sua linea di abbigliamento Pretty Green, fu intervistato nel bar dell'hotel Ritz-Carlton e poi fotografato al Norwood club di Chelsea, quartiere di Manhattan. Leggi qui l'articolo.

Nella giornata di ieri numerosi reporter e giornalisti di tabloid si sono precipitati nella casa della Ghorbani a East Village, ma per eluderli la donna, che ha lavorato anche per Elle, Wall Street Journal, InStyle, si è trasferita dai genitori a Washington.

Ieri s'era detto che la freelance aveva chiesto il test del DNA. Secondo il New York Post, questo test ci sarebbe già stato e avrebbe rivelato che il padre di Emma, la bimba nata a gennaio, sarebbe proprio Liam, il quale avrebbe persino inviato una mail in cui confermava di essere il padre della piccola e si diceva "felice perché ha dei geni di rock star". La relazione extraconiugale di Gallagher avrebbe preso il via tre anni fa e sarebbe proseguita con pause di alcuni mesi, ma alla notizia della nascita della bambina Liam avrebbe interrotto qualsiasi contatto con la donna. "Era nel panico, temeva che Nicole, sua moglie, scoprisse tutto", riferisce la fonte.

Al momento bocche cucite sul fronte di Liam Gallagher, ma alcuni siti riportano l'intenzione del cantante di querelare il New York Post. "Non commentiamo il gossip", avrebbe detto un portavoce di Gallagher.

Curiosamente si chiamava Lisa anche Lisa Moorish, la donna che nel 1998 ebbe da Liam una figlia, Molly, concepita dal cantante poche settimane dopo il matrimonio con Patsy Kensit, nel 1997.



mercoledì 17 luglio 2013

"Liam Gallagher è il padre di mia figlia", donna di New York querela l'ex Oasis

Grane all'orizzonte per Liam Gallagher. Stavolta il 40enne, noto per le sue intemperanze e le sue sbronze sin dagli anni Novanta, oltre che per aver fatto parte, come iconico frontman, di una delle band più affermate degli ultimi vent'anni, gli Oasis, è stato querelato da una donna di New York, che lo accusa di aver concepito una figlia con lei e di non averla mai riconosciuta.

A riportare la notizia è un quotidiano statunitense, il New York Post, secondo cui la donna, di cui non sono state diffuse le generalità e che avrebbe tra i trenta e i quarant'anni, sarebbe rimasta incinta dopo una notte trascorsa insieme a Liam Gallagher e avrebbe dato alla luce la bambina meno di un anno fa. I Beady Eye furono in tour negli USA e in Canada dal novembre al dicembre 2011, quindi è probabile che la bimba sia stata concepita in quel lasso temporale.

La donna avrebbe chiesto un risarcimento di 3 milioni di dollari a Gallagher presentando una querela al Tribunale per la Famiglia di Manhattan e avrebbe avviato l'iter per il test del DNA, chiedendo anche che Gallagher si faccia carico dei costi di mantenimento della figlia che comporterebbe l'eventuale accertamento della paternità.

Secondo quanto riportato dal New York Post Liam avrebbe fatto di tutto per impedire che la moglie Nicole Appleton venisse a conoscenza del fatto.

Dal canto suo Liam avrebbe dato mandato ai propri avvocati di adire le vie legali nei confronti del New York Post. Questo il commento di un portavoce del cantante dei Beady Eye: "Non commentiamo il gossip".

Liam ha sposato Nicole Appleton, ex All Saints, il 14 febbraio 2008 dopo aver avuto da lei Gene (3 luglio 2001). L'ex Oasis fu sposato con Patsy Kensit dal 1997 al 2000. Da lei ebbe Lennon (13 settembre 1999). Nel 1997, solo qualche settimana dopo il matrimonio con la Kensit, Liam concepì una bambina, Molly, con Lisa Moorish. La bimba nacque nel 1998.

Vedi anche: Liam, il "padre migliore" che ignora la figlia di 12 anni - clicca qui

Fonte: dailymail.co.uk



domenica 14 luglio 2013

Video sottotitolato in italiano: i Beady Eye raccontano l'album BE canzone per canzone

Exclusive. Traccia per traccia i Beady Eye illustrano il loro secondo lavoro in studio, BE, uscito il 10 giugno 2013. Liam, Andy, Gem e Chris raccontano come sono nate le canzoni e quali emozioni e sensazioni hanno condensato nei nuovi brani. Sottotitoli in italiano by oasisnotizie.




Video e foto: I Beady Eye tornano a suonare al T In The Park

Ieri sera i Beady Eye si sono esibiti al T In The Park, in Scozia. La precedente esibizione della band al festival scozzese risaliva al 10 luglio 2011. Nonostante suonasse in contemporanea con Rihanna, su un altro palco, la band è stata seguita da un buon numero di fan.

"Chi siamo noi?", ha detto Liam prima di lanciarsi in Flick of the Finger, il primo brano. Dato l'entusiasmo suscitato dai due brani degli Oasis proposti, alla fine di Morning Glory Liam ha ironizzato: "Potete tornarvene a dormire ora, no?".

PHOTOGALLERY CLICCA QUI





Scaletta

'Flick Of The Finger'
'Face The Crowd'
'Millionaire'
'Four Letter Word'
'Soul Love'
'Second Bite Of The Apple'
'Iz Rite'
'Shine A Light'
'Rock 'N' Roll Star'
'I'm Just Saying'
'Morning Glory'
'Soon Come Tomorrow'
'The Roller'
'Start Anew'
'Bring The Light'
'Wigwam'


sabato 13 luglio 2013

Liam Gallagher: "Il film sui Beatles? Va per le lunghe. Andare a The Voice? Abbiamo fatto bene, bisogna misurarsi con la cacca"

"Viaggiare leggeri e vedere le cose da un'angolatura diversa". È questo, per Gem Archer, il senso della serie di set acustici fatti dai Beady Eye nelle prime due settimane di giugno, prima di lanciarsi nel tour "ad alto volume" per promuovere l'album BE. Il chitarrista lo ha detto ai microfono di BBC Radio 5, che lo ha intervistato insieme a Liam per il programma Up All Night il 19 giugno. L'intervista, registrata prima del concerto al Ritz di Manchester, è alla fine del post ed è stata mandata in onda venerdì 12 luglio.

"È bello certe volte non fare le cose troppo aggressive, fare i concerti acustici è come andare in smoking", spiega Liam, che poi rivela: "Rifare Cry Baby Cry dei Beatles anche ai concerti veri e propri? Non si sa mai".

Tempo fa s'era parlato di The Longest Cocktail Party, il film sulla Apple Records dei Beatles annunciato oltre tre anni fa e sinora mai ultimato. I Beady Eye avrebbero dovuto curare la colonna sonora della pellicola, ispirata all'omonimo libro di memorie di Richard DiLello, raccolte tra il 1967 e il 1970. Liam, sceneggiatore, era alla ricerca di un regista per il film. Ai microfono di BBC Radio 5 ci ha aggiorna sugli ultimi sviluppi del lavoro.

"Sono ancora coinvolto nel progetto, ma tiene fede al nome stesso: può darsi sia il film sul cocktail party più lungo che sia mai stato fatto. Si parla molto di mettere le musiche dei Beatles nel film, ma io personalmente non voglio metterci dentro musica dei Beatles. Non si tratta, infatti, di un film sui Beatles. È per questo che ci sono stati degli intoppi. Ne faremo la colonna sonora, musica atmosferica, tracce senza la voce e roba così".

Immancabili le domande sul nuovo disco. "Lav.orare con Dave Sitek non ha rappresentato affatto uno scontro tra due visioni, dato il suo background. So che i suoi amici americani erano un po' spiazzati dalla sua scelta di venire d'inverno ai Richmond Studios e di lavorare con una band come la nostra, ma è stata la mossa giusta nel momento giusto", ha detto Gem. 

Liam: "Dave ha tirato fuori il lato più rilassato, d'atmosfera, cosa che noi di solito non facciamo. Ci ha consentito di sbarazzarci di molta roba di cui non abbiamo bisogno. Siamo stati sul margine lasciando che la magia accadesse, anche se onestamente non so cosa cazzo sia successo in studio se non che qualcuno ha premuto play e record ed è accaduto".

Gem: "Second Bite of the Apple è influenzata dagli Small Faces. L'ho scritta io al pianoforte, aveva un tocco completamente diverso. Poi l'ha presa Dave in studio e la cosa ha preso una forma del tutto diversa in sette ore. Time of the Season degli Zombie? Siamo andati in studio e l'abbiamo fatta, non ci ho pensato, però ripensandoci ... sì, ha qualcosa di quel brano".

Liam rivendica la decisione dei Beady Eye di partecipare come ospiti a The Voice, talent show inglese, contesto di musica commerciale che poco si addice - secondo alcuni - al nome dei Beady Eye. "Alcune persone dicono che band come la nostra non dovrebbero farlo. Che vadano a fare in culo! È una cosa buona andare faccia a faccia con tutte quelle stronzate, misurarsi con la cacca. Penso che l'abbiamo fatto. Incontrare will.i.am (presente in studio al momento dell'esibizione dei Beady Eye, ndr)? No, e non voglio neanche farlo".

Liam: "Dove sarò l'anno prossimo di questi tempi? Spero in fottuta vacanza, da qualche parte sulla spiaggia con in mano un margarita. Lavorare nuovamente con Dave Sitek? Sì, ma non andre in vacanza con lui ...".

oasisnotizie

AUDIO: LIAM E GEM DEI BEADY EYE A BBC RADIO 5


venerdì 12 luglio 2013

Gem Archer: "Spero che Liam e Noel si riavvicinino. Se cercassimo solo le vendite faremmo la musica di will.i.am"

Intervista a Gem Archer, chitarrista dei Beady Eye, per mondosonoro.com.

Different Gear, Still Speeding (autoprodotto, 2011) era un album di classico rock 'n' roll britannico, mentre BE (Sony Music, 2013) contiene anche canzoni lente, introspettive e acustiche. Era vostra intenzione dal principio includere canzoni di questo tipo nel disco e dare un altro aspetto all'album? Perché questo cambiamento?

"In realtà il primo album è stato un po' quello che avevamo in quel momento. Quelle erano le canzoni che avevamo allora e volevamo semplicemente continuare a fare delle cose. La vecchia band si era separata, dovevamo creare un nuovo inizio ed era quello, mentre le canzoni di questo album sono state scritte principalmente nel corso dell'ultimo anno o giù di lì. BE suona come i Beady Eye. Questo è in realtà l'inizio dei Beady Eye e suona così anche grazie al produttore Dave Sitek, che ha avuto una forte presenza nelle atmosfere, le trame e i colori delle canzoni".

Come vedi ora, con il passare del tempo e considerando il nuovo album, Different Gear, Still Speeding?

"Il primo album era più per suonare dal vivo, mentre in questo album abbiamo cercato di creare una musica più colorata ed evocativa, alcuni testi sono un po' più oscuri, è come un'esperienza nebulosa. Quando indossi gli auricolari e lo ascolti spesso ti trasporta in un altro luogo. Non consiste nello stare costantemente in cima come succedeva con il primo".

Pensi quindi che questo album, BE, sia migliore di quello precedente?

"Sì, penso che lo sia certamente. È il punto in cui siamo ora e non lo avremmo registrato se non ne fossimo stati realmente contenti, amico".

Prima menzionavi Dave Sitek (TV On The Radio) ... Il suo lavoro di produttore come ha influito sul suono finale di BE?

"Beh, non sapevamo come sarebbe stato fino a quando non abbiamo iniziato a lavorare con lui. Alla fine ci sono volute cinque settimane per registrare e cominciare a pensare come lui. Ha portato un altro livello. Non ci siamo accontentati del modo in cui le canzoni suonavano la prima volta e abbiamo provato modi diversi. Ha portato suoni, tastiere, una strumentazione diversa ... È un produttore come si deve, che cerca di ottenere il meglio da ciascuna delle canzoni con un filo conduttore. Passare attraverso le canzoni ... è come un'esperienza trasformatrice, come rivoltarsi dentro le orecchie".

Com'è il processo compositivo nei Beady Eye? C'è democrazia nelle decisioni che deve prendere la band?

"È tutto democratico, benché tutti scriviamo le canzoni singolarmente e poi le condividiamo. Può darsi che siano incompiute, ma tutte sono già iniziate. Ad esempio una canzone di Andy ... lui la porta, la suona con la chitarra e poi tutti cominciamo a creare il demo. Il cambiamento principale è venuto con la prima canzoneo dell'album, Flick Of The Finger, che era di Liam e che avevamo in versione demo da tempo, probabilmente da un anno, però non aveva il testo. L'abbiamo registrata e aveva solo lo scheletri, così Andy ed io ci siamo seduti in una stanza e abbiamo scritto il testo. È nata così la prima autentica collaborazione del gruppo: una melodia di Liam con il testo di Andy e mio. Per questo la paternità del brano è condivisa nei crediti dell'album".

Ho letto che Liam Gallagher è arrivato ad affermare che potrebbe smettere con la musica se il disco non dovesse funzionare come sperato ... Hai fiducia assoluta nel album? Quali sono le vostre aspettative riguardo l'album? Veramente abbandonereste la musica se l'album non funzionasse come sperate?

"Siamo tutti molto impegnati e lo siamo da quando eravamo bambini, quindi sul fatto che l'album avrà successo ... è qualcosa che si può mai sapere. Speriamo che venda milioni e milioni e milioni di copie, ma se non lo fa questo non significa che è un brutto album, semplicemente vorrà dire che non si è connesso con la gente. Continuerà, però, ad essere un successo perché noi ne siamo felici e questo è l'unico modo di analizzare la questione come un artista. Se fossimo semplicemente preoccupati dalle vendite probabilmente faremmo musica come quella di will.i.am o qualcosa del genere".

Notate l'ombra lunga degli Oasis in tutto quello che fanno i Beady Eye? Sentite il peso della leggenda ad ogni nuovo passo?

"Certo che la sentiamo. È stata una parte importante della nostra vita e tu lo sai ... è stata una grande band, ma la vita va avanti e stiamo ancora facendo musica. I dischi degli Oasis sono ancora lì, e che ti posso dire? Tutto fa il suo corso: Noel fa musica e noi continuiamo a fare musica ... ".

È un periodo in cui vanno di moda le reunion e devo chiedertelo ... Esiste la possibilità di una reunion degli Oasis in futuro?

"Guarda, io penso sempre che se succede sarà fantastico perché adoro la band, ma se non succede va bene così. E in riferimento a questo, ma in un altro senso più personale, spero che Liam e Noel possano tornare a riavvicinarsi, ma per quanto riguarda la musica bisogna semplicemente accettare la realtà e che le cose stanno così".

Comunque ora si suonano canzoni degli Oasis ai concerti dei Beady Eye. Perché avete cambiato idea?

"Quando la band si è separata abbiamo formato un nuovo gruppo, e se avessimo continuato a suonare canzoni degli Oasis semplicemente sarebbe stato qualcosa di molto molto confuso, quindi in quel momento abbiamo dovuto scrivere una scaletta completamente nuova e suonarla. Non abbiamo mai pensato di suonare canzoni degli Oasis fino a quando si è presentata la possibilità di suonare con gli Stone Roses a Manchester. In quel momento ci è sembrato qualcosa di adatto, ma non significa che continueremo a suonarle o che smetteremo di farlo. Semplicemente esiste la possibilità di usarle perché sono grandi canzoni che sono state una parte importante della nostra vita, soprattutto di quella di Liam, perché, anche se sono stati dieci anni per Andy e per me, per lui sono stati quasi diciotto anni.  Anche ora, però, stiamo facendo una musica  fantastica e suoniamo quello che vogliamo quando vogliamo, e spero che la gente sia in grado di capirlo".

Sarete ospiti della prossima edizione del Festival Internazionale di Benicássim (FIB), dove siete headliner del venerdì con i Primal Scream ... Cosa ricordi di precedenti edizioni del festival e che ambiente speri di trovare in questa occasione?

"Spero di incontrare moltissimi giovani che si divertono. È uno dei festival più importanti e so che a Londra ci sono molti appassionati che stanno già parlando dell'idea di andare al FIB. Poi ci sono i fan spagnoli, sempre pronti a divertirsi. È davvero una festa con un'atmosfera molto bella. È fantastico, ci sono stato in diverse occasioni per suonare o per vedere altre band ed è un'esperienza indimenticabile. E specialmente suonare con i Primal Scream può essere magnifico".

Di recente hanno pubblicato il nuovo album artisti tradizionalmente importanti in Inghilterra, come David Bowie, gli stessi Primal Scream o i Suede. Pensi che ci sia un certo sentimento nostalgico che pervade l'attuale scena musicale britannica? Hai ascoltato questi dischi? Che te n'è parso?

"L'album di Bowie ... in realtà mi è piaciuto molto il primo singolo e anche il secondo. Il disco lo sto approfondendo, però suona incredibilmente bene. Credo che sia fantastico che stia facendo musica e mi ha ammaliato il modo in cui è tornato, senza alcun preavviso. Quanto ai Primal Scream ... sarò sempre un loro grande fan, e quando è uscito il primo singolo, 2013, mi ha semplicemente ammaliato. Credo che siano una delle grandi band britanniche e mi sono entusiasmato quando tornarono sui palchi con Screamadelica. Quanto ai Suede: buon per loro, il primo singolo, quello con cui hanno fatto ritorno, è fantastico e mostra che se questa musica significa qualcosa di importante per te, allora non la puoi lasciare mai, non la puoi abbandonare. Ci sono molte band che cercano di fare questo tipo di musica e alla fine lasciano perdere perché mostrano un vero e proprio impegno e un autentico spirito".

Come o dove credi che si collochino i Beady Eye nell'attuale scena musicale britannica?

"Guardaci: siamo una band davvero impegnata in quello che fa e c'è un posto per noi. Se hai quindici anni e forma una band, spero che tu sia così devoto come siamo noi. Siamo amici, viaggiamo per il mondo, facciamo musica e spero che ci sia uno spazio libero per noi. La cosa buona è che quando cominci parti da zero, crei qualcosa, lo registri e se arriva alla gente questa è una delle migliori sensazioni della vita".


Thanks to Daniel

mercoledì 10 luglio 2013

Video - Noel Gallagher: "I Coldplay erano meglio senza i laser e le stregonerie. I miei ricordi con gli Oasis, al T In The Park col furgone"

In questo video, tratto dal documentario sul ventennale del festival T In The Park mandato in onda qualche giorno fa dalla BBC, Noel racconta la sua prima esperienza con gli Oasis al festival scozzese, alla prima edizione, nel 1994. Gli Oasis ebbero problemi con il furgone che li condusse al luogo del concerto. Poi Noel fa un accenno all'evoluzione musicale dei Coldplay, che non approva.

Sottotitoli in italiano.  


martedì 9 luglio 2013

Liam Gallagher: "Con i Beady Eye sono un musicista. Posso esprimermi molto di più invece di cantare canzoni di qualcun altro e basta"

Qualche giorno fa Liam Gallagher e Gem Archer dei Beady Eye sono stati intervistati da In:Demand, radio scozzese. Hanno parlato delle differenze con gli Oasis e Liam ha raccontato un aneddoto legato all'edizione 1994 del festival T In The Park, la prima della storia. AUDIO ALLA FINE DEL POST

"BE significa ... universal gleam, bagliore universale. Sì, BE come titolo mi piaceva, ma non si può sempre ottenere quello che si vuole", ha detto Liam a proposito del titolo dell'album. 

Qualche settimana fa aveva spiegato che Universal Gleam, il titolo che avrebbe voluto lui (tratto da un verso del primo singolo, Flick of the Finger), era stato scartato dal management perché l'etichetta discografica Universal avrebbe potuto sollevare una questione.

"Non dobbiamo dimostrare niente a nessuno, facciamo dischi perché è quello che facciamo, facciamo musica", ha aggiunto il cantante. "Lo fai solo per dimostrarlo a te stesso, come musicisti, come band, come amici", gli fa eco Gem.  

Liam: "Abbiamo ingaggiato questo produttore un po' eccentrico, Dave Sitek, di cui non avevamo mai sentito nulla. La gente parla di sperimentazione, io penso solo che non siamo stati d'ostacolo e siamo andati con il flusso, mentre con il primo album non siamo andati con il flusso, siamo andati sul ring, ci siamo rimboccati le maniche e abbiamo sparato fuori le cose. Stavolta ci siamo seduti e abbiamo semplicemente controllato in che direzione spiravano i venti, sai cosa intendo?". 

"Non c'è sovraproduzione, ma giusta produzione in questo disco. Sitek ci ha portato un nuovo modo di guardare a noi stessi", rileva Gem. "Credo sia questo fare il produttore. Noi abbiamo portato le canzoni come sempre abbiamo fatto, lui ci ha messo colori diversi". Liam ha definito scherzosamente Andy Bell "a wee tall skinny man". 

Liam: "Siamo andati in studio a prescindere dal produttore. Anche se non ce l'avevamo, abbiamo prenotato lo studio con l'idea di finire entro Natale. Eravamo in grado di premere 'play' e 'registra', se l'avessimo fatto credo che sarebbe uscito fuori Different Gear, Still Speeding parte 2, che non sarebbe stata una cosa brutta, ma con Sitek poi abbiamo creato BE". 

"Come mi sono evoluto come cantautore? Oh, al momento sono fottutamente incredibile. Scherzi a parte non lo so. Come ho già detto, con gli Oasis era bellissimo stare in una band e cantare le canzoni di qualcun altro, mi sono divertito un mondo, ma con i Beady Eye posso esprimermi molto di più come musicista o come cazzo si chiamano oggi. Quindi questo mi piace e, indipendentemente dal fatto che la gente entri in sintonia con quello che facciamo, lo apprezzi o meno, io lo sto apprezzando, perché mi sto esprimendo molto di più di quanto non facessi con l'altra band".

"I Beady Eye una democrazia? Se vogliamo usare questo termine sì. Quando invecchi non vuoi limitarti a portare a spasso il cane, vuoi dare al cane un abbraccio, capisci cosa intendo? Non volevo solo cantare canzoni degli altri per il resto della mia fottuta vita, ho qualcosa dentro di me e volevo mostrarlo. I Beady Eye sono un veicolo attraverso il quale posso farlo io, può farlo Gem, può farlo Andy e chiunque altro. Se democrazia è questo allora la vita dovrebbe essere una democrazia". 

Tra pochi giorni Liam e compagni torneranno dopo due anni sul palco del festival T In The Park. "Ho ricordi fantastici di quando venimmo per la prima volta a suonare qui, alla prima edizione, nel 1994. C'era un pallone da calcio sul palco. Tirai un calcio alla palla e colpii al naso Michael che stava mixando al banco del mixaggio. Ricordo solo questo. Ed era pure un tifoso dello United, quindi meglio ancora ... Comunque siamo sempre noi, siamo le stesse persone, anche se il nome della band è diverso". 

Gem non ricorda la sua prima performance al T In The Park, nel 1996 con gli Heavy Stereo e aggiunge: "Non sarei stato comunque in grado di colpire il banco del mixaggio con un pallone da calcio". 


lunedì 8 luglio 2013

Liam Gallagher: "Ripeto: mi piscio in bocca e mi sparo sul cazzo piuttosto che ascoltare i consigli di Robbie Williams"


Non si placa la polemica tra Robbie Williams e Liam Gallagher. Dopo le schermaglie delle scorse settimane (per un riepilogo clicca qui), Liam ripete quanto espresso qualche giorno fa (guarda il video qui sopra).

"Non abbiamo fatto un disco per soddisfare alcuni requisiti, era il nostro progetto. Robbie Williams ha detto che il disco è buono, ma le canzoni non hanno ritornello. Ripeto che preferirei spararmi nelle palle piuttosto che seguire i suoi consigli. Non ascolto altra musica, non traggo ispirazione da nessun altro, ma forse dovrei comprare un iPod. L'unica cosa che mi importa è la reazione della gente ai concerti". 

Liam s'era già espresso in questi termini coloriti a proposito di Robbie Williams durante la conferenza stampa della band a Milano il 24 giugno. 

Intanto secondo i siti stereoboard.com e digitalspy.co.uk il nuovo singolo dei Beady Eye è Shine a Light e sarà pubblicato il 19 agosto. Questa la copertina:



domenica 7 luglio 2013

Entusiasmo ieri a Pistoia per l'unica data italiana dei Beady Eye - foto e video



In una Piazza Duomo di Pistoia non certo stracolma (piena a metà), ma comunque affollata da nostalgici degli Oasis, con tanto di magliette d'epoca o, in alternativa, casacche del Manchester City (squadra di cui entrambi i fratelli Gallagher sono tifosissimi) e appassionati "mad for it" con taglio di capelli alla Liam, hanno suonato, ieri sera, i Beady Eye, la band composta dai reduci degli Oasis senza Noel.

Cinquantadue minuti. Tanto è durato il live della band nella sua unica apparizione italiana per presentare il nuovo lavoro BE, uscito il 10 giugno, a poco più di due anni dal disco d'esordio.

Preceduti dai Cold Committee e dai Blastema, i Beady Eye sono saliti sul palco alle 21.45 di fronte a poco meno di 2000 persone, con una scaletta composta da 13 canzoni, 7 brani tratti dall'ultimo album, 4 dal disco di debutto, Different Gear, Still Speeding, e 2 hit storiche degli Oasis (Rock'n'Roll Star e Morning Glory). Dato che si trattava di una data ad un festival, i pezzi suonati erano in numero ridotto (4 in meno rispetto alle date del tour ufficiale). 

Scatenati i ragazzi delle prime file, soprattutto sui brani degli Oasis, ma anche le nuove canzoni hanno riscosso successo e sono state cantate a gran voce. In ottima forma Liam Gallagher, sceso a stringere le mani ai fan.

"Stasera abbiamo suonato al Festival di Pistoia, in Italia. Un'ambientazione bellissima per un concerto all'aperto, faceva caldo e il pubblico è stato incredibile. GRAZIE", ha scritto Andy Bell su Twitter (foto alla fine del post).

PHOTOGALLERY CLICK HERE

Scaletta

Flick of the Finger
Four Letter Word
Soul Love
Second Bite of the Apple
Iz Rite
Shine a Light
Rock'n'Roll Star
I'm Just Saying
Morning Glory
The Roller
Start Anew
Bring the Light
Wigwam






giovedì 4 luglio 2013

Video: Beady Eye dal vivo in Francia e in Germania. Gem Archer: "Abbiamo girato il video del nuovo singolo"

Liam Gallagher e Gem Archer hanno rilasciato al sito londontheinside.com alcune dichiarazioni prima dell'esibizione dei Beady Eye al Festival di Glastonbury, venerdì 28 giugno.

Liam Gallagher: "Possiamo suonare a qualunque ora, per me aprire il concerto di mattina è stato come fare da headliner. Quando suoniamo nella nostra sala prove facciamo dei concerti veramente grandiosi, quindi possiamo fare qualsiasi cosa, suonare alle 3 del pomeriggio o alle 12 di notte, alle 11 del mattino ed è questo il meglio che sappiamo fare. In qualsiasi paese, con qualsiasi tempo atmosferico e a qualsiasi ora. Ci sarà sempre gente che tirerà fuori la cosa degli Oasis, ma alla gente questo show nel complesso è piaciuto. Non vogliamo fare gli stronzi umorali".

"Abbiamo alloggiato a Bath e ci siamo alzati alle sei del mattino. Eravamo a Glastonbury alle 9 e 45, poi siamo saliti sul palco alle 11 e abbiamo aperto il festival".

Gem Archer: "Eravamo nei paraggi da un paio di giorni, perché eravamo nella West Country per girare il video del nostro prossimo singolo. Non posso dirvi, però, qual è".

Liam: "Sarebbe bello assistere ai concerti di Rolling Stones, Arctic Monkeys, Tame Impala, ma domani dobbiamo andare in Francia".

Domenica 30 giugno i Beady Eye si sono esibiti al Solidays Festival di Parigi. Photogallery

Il tour è proseguito con due tappe in Germania, il 2 luglio a Berlino e il 3 ad Amburgo. Il 5 luglio la band si esibirà a Berlino e il 6 a Pistoia.






Video: performance acustica e intervista ai Beady Eye per Virgin Radio

Ecco la performance acustica e l'intervista ai Beady Eye registrate negli studi milanesi di Virgin Radio lunedì 24 giugno.


Vedi anche I Beady Eye in videochat per Virgin Radio: guarda il video


lunedì 1 luglio 2013

Audio completo: sessione acustica e intervista ai Beady Eye a Babylon su Radio Due

Beady Eye acoustic session and interview on Babylon, Radio Due

Date: 24 June 2013
Venue: Milan, Italy
Broadcast date: 30 June 2013
Source: satellite broadcast
Ripped by oasisnotizie

Start Anew a 01:58 minuti
Ballroom Figured a 17:28 minuti
Intervista di Carlo Pastore




LinkWithin

Related Posts with Thumbnails