venerdì 12 luglio 2013

Gem Archer: "Spero che Liam e Noel si riavvicinino. Se cercassimo solo le vendite faremmo la musica di will.i.am"

Intervista a Gem Archer, chitarrista dei Beady Eye, per mondosonoro.com.

Different Gear, Still Speeding (autoprodotto, 2011) era un album di classico rock 'n' roll britannico, mentre BE (Sony Music, 2013) contiene anche canzoni lente, introspettive e acustiche. Era vostra intenzione dal principio includere canzoni di questo tipo nel disco e dare un altro aspetto all'album? Perché questo cambiamento?

"In realtà il primo album è stato un po' quello che avevamo in quel momento. Quelle erano le canzoni che avevamo allora e volevamo semplicemente continuare a fare delle cose. La vecchia band si era separata, dovevamo creare un nuovo inizio ed era quello, mentre le canzoni di questo album sono state scritte principalmente nel corso dell'ultimo anno o giù di lì. BE suona come i Beady Eye. Questo è in realtà l'inizio dei Beady Eye e suona così anche grazie al produttore Dave Sitek, che ha avuto una forte presenza nelle atmosfere, le trame e i colori delle canzoni".

Come vedi ora, con il passare del tempo e considerando il nuovo album, Different Gear, Still Speeding?

"Il primo album era più per suonare dal vivo, mentre in questo album abbiamo cercato di creare una musica più colorata ed evocativa, alcuni testi sono un po' più oscuri, è come un'esperienza nebulosa. Quando indossi gli auricolari e lo ascolti spesso ti trasporta in un altro luogo. Non consiste nello stare costantemente in cima come succedeva con il primo".

Pensi quindi che questo album, BE, sia migliore di quello precedente?

"Sì, penso che lo sia certamente. È il punto in cui siamo ora e non lo avremmo registrato se non ne fossimo stati realmente contenti, amico".

Prima menzionavi Dave Sitek (TV On The Radio) ... Il suo lavoro di produttore come ha influito sul suono finale di BE?

"Beh, non sapevamo come sarebbe stato fino a quando non abbiamo iniziato a lavorare con lui. Alla fine ci sono volute cinque settimane per registrare e cominciare a pensare come lui. Ha portato un altro livello. Non ci siamo accontentati del modo in cui le canzoni suonavano la prima volta e abbiamo provato modi diversi. Ha portato suoni, tastiere, una strumentazione diversa ... È un produttore come si deve, che cerca di ottenere il meglio da ciascuna delle canzoni con un filo conduttore. Passare attraverso le canzoni ... è come un'esperienza trasformatrice, come rivoltarsi dentro le orecchie".

Com'è il processo compositivo nei Beady Eye? C'è democrazia nelle decisioni che deve prendere la band?

"È tutto democratico, benché tutti scriviamo le canzoni singolarmente e poi le condividiamo. Può darsi che siano incompiute, ma tutte sono già iniziate. Ad esempio una canzone di Andy ... lui la porta, la suona con la chitarra e poi tutti cominciamo a creare il demo. Il cambiamento principale è venuto con la prima canzoneo dell'album, Flick Of The Finger, che era di Liam e che avevamo in versione demo da tempo, probabilmente da un anno, però non aveva il testo. L'abbiamo registrata e aveva solo lo scheletri, così Andy ed io ci siamo seduti in una stanza e abbiamo scritto il testo. È nata così la prima autentica collaborazione del gruppo: una melodia di Liam con il testo di Andy e mio. Per questo la paternità del brano è condivisa nei crediti dell'album".

Ho letto che Liam Gallagher è arrivato ad affermare che potrebbe smettere con la musica se il disco non dovesse funzionare come sperato ... Hai fiducia assoluta nel album? Quali sono le vostre aspettative riguardo l'album? Veramente abbandonereste la musica se l'album non funzionasse come sperate?

"Siamo tutti molto impegnati e lo siamo da quando eravamo bambini, quindi sul fatto che l'album avrà successo ... è qualcosa che si può mai sapere. Speriamo che venda milioni e milioni e milioni di copie, ma se non lo fa questo non significa che è un brutto album, semplicemente vorrà dire che non si è connesso con la gente. Continuerà, però, ad essere un successo perché noi ne siamo felici e questo è l'unico modo di analizzare la questione come un artista. Se fossimo semplicemente preoccupati dalle vendite probabilmente faremmo musica come quella di will.i.am o qualcosa del genere".

Notate l'ombra lunga degli Oasis in tutto quello che fanno i Beady Eye? Sentite il peso della leggenda ad ogni nuovo passo?

"Certo che la sentiamo. È stata una parte importante della nostra vita e tu lo sai ... è stata una grande band, ma la vita va avanti e stiamo ancora facendo musica. I dischi degli Oasis sono ancora lì, e che ti posso dire? Tutto fa il suo corso: Noel fa musica e noi continuiamo a fare musica ... ".

È un periodo in cui vanno di moda le reunion e devo chiedertelo ... Esiste la possibilità di una reunion degli Oasis in futuro?

"Guarda, io penso sempre che se succede sarà fantastico perché adoro la band, ma se non succede va bene così. E in riferimento a questo, ma in un altro senso più personale, spero che Liam e Noel possano tornare a riavvicinarsi, ma per quanto riguarda la musica bisogna semplicemente accettare la realtà e che le cose stanno così".

Comunque ora si suonano canzoni degli Oasis ai concerti dei Beady Eye. Perché avete cambiato idea?

"Quando la band si è separata abbiamo formato un nuovo gruppo, e se avessimo continuato a suonare canzoni degli Oasis semplicemente sarebbe stato qualcosa di molto molto confuso, quindi in quel momento abbiamo dovuto scrivere una scaletta completamente nuova e suonarla. Non abbiamo mai pensato di suonare canzoni degli Oasis fino a quando si è presentata la possibilità di suonare con gli Stone Roses a Manchester. In quel momento ci è sembrato qualcosa di adatto, ma non significa che continueremo a suonarle o che smetteremo di farlo. Semplicemente esiste la possibilità di usarle perché sono grandi canzoni che sono state una parte importante della nostra vita, soprattutto di quella di Liam, perché, anche se sono stati dieci anni per Andy e per me, per lui sono stati quasi diciotto anni.  Anche ora, però, stiamo facendo una musica  fantastica e suoniamo quello che vogliamo quando vogliamo, e spero che la gente sia in grado di capirlo".

Sarete ospiti della prossima edizione del Festival Internazionale di Benicássim (FIB), dove siete headliner del venerdì con i Primal Scream ... Cosa ricordi di precedenti edizioni del festival e che ambiente speri di trovare in questa occasione?

"Spero di incontrare moltissimi giovani che si divertono. È uno dei festival più importanti e so che a Londra ci sono molti appassionati che stanno già parlando dell'idea di andare al FIB. Poi ci sono i fan spagnoli, sempre pronti a divertirsi. È davvero una festa con un'atmosfera molto bella. È fantastico, ci sono stato in diverse occasioni per suonare o per vedere altre band ed è un'esperienza indimenticabile. E specialmente suonare con i Primal Scream può essere magnifico".

Di recente hanno pubblicato il nuovo album artisti tradizionalmente importanti in Inghilterra, come David Bowie, gli stessi Primal Scream o i Suede. Pensi che ci sia un certo sentimento nostalgico che pervade l'attuale scena musicale britannica? Hai ascoltato questi dischi? Che te n'è parso?

"L'album di Bowie ... in realtà mi è piaciuto molto il primo singolo e anche il secondo. Il disco lo sto approfondendo, però suona incredibilmente bene. Credo che sia fantastico che stia facendo musica e mi ha ammaliato il modo in cui è tornato, senza alcun preavviso. Quanto ai Primal Scream ... sarò sempre un loro grande fan, e quando è uscito il primo singolo, 2013, mi ha semplicemente ammaliato. Credo che siano una delle grandi band britanniche e mi sono entusiasmato quando tornarono sui palchi con Screamadelica. Quanto ai Suede: buon per loro, il primo singolo, quello con cui hanno fatto ritorno, è fantastico e mostra che se questa musica significa qualcosa di importante per te, allora non la puoi lasciare mai, non la puoi abbandonare. Ci sono molte band che cercano di fare questo tipo di musica e alla fine lasciano perdere perché mostrano un vero e proprio impegno e un autentico spirito".

Come o dove credi che si collochino i Beady Eye nell'attuale scena musicale britannica?

"Guardaci: siamo una band davvero impegnata in quello che fa e c'è un posto per noi. Se hai quindici anni e forma una band, spero che tu sia così devoto come siamo noi. Siamo amici, viaggiamo per il mondo, facciamo musica e spero che ci sia uno spazio libero per noi. La cosa buona è che quando cominci parti da zero, crei qualcosa, lo registri e se arriva alla gente questa è una delle migliori sensazioni della vita".


Thanks to Daniel

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails