lunedì 19 ottobre 2015

Noel Gallagher batte i Blur: suo l'album dell'anno per i lettori di Q. Poi punge: "Vinco troppi premi, questi sono una porcheria"

Noel Gallagher batte i Blur e si aggiudica il premio di Miglior Album ai Q Awards 2015. Chasing Yesterday, secondo disco dei Noel Gallagher's High Flying Birds, ha dunque la meglio su The Magic Whip della band di Damon Albarn, tra i dischi in lizza per il riconoscimento.

Il premio è stato consegnato a Noel da Chris Martin dei Coldplay. 
  
Il premio al miglior artista solista è andato per il secondo anno consecutivo ad Ed Sheeran (dopo il successo del suo album x), quello di miglior video a Ship to Wreck dei Florence and the Machine (che hanno sconfitto Muse, Foals, The Weeknd e Miguel), mentre la palma di miglior nuovo artista è andata a James Bay. Ai Duran Duran il premio Q Icon 2015. Il Gibson Les Paul Award è andato a Tony Iommi, chitarrista dei Black Sabbath.

La miglior canzone dell'anno è, secondo i lettori di Q, Gunga Din dei redivivi Libertines, tornati sulle scene dopo 11 anni. Grande assente della serata Pete Doherty, ma a rappresentare la band c'era Carl Barat. "Non è roba che fa per lui questa, di questi tempi", ha detto Barat, riferendosi all'assenza dell'amico. Ha poi ammesso che nel quartetto ci sono ancora "un po' di frizioni".
 
I Foals sono stati nominati "miglior band del mondo oggi".

"Desidero ringraziare il mio produttore ... che sono io stesso. Siete stati fottutamente eccezionali. Vi auguro una fantastica serata. Ci vediamo dopo. Ciao". Ha esordito così Noel nel discorso di accettazione del premio, consegnato dopo un sondaggio tra i lettori del mensile musicale Q
 
Giunto al Grosvenor House Hotel insieme alla moglie Sara MacDonald, l'ex Oasis, 48 anni, nel seguito dell'acceptance speech non ha risparmiato critiche all'organizzazione del premio, la cui cerimonia è stata organizzata in collaborazione con Absolute Radio.

"Prima di tutto, vengo qui da anni", ha precisato Noel. "Devono fottutamente sistemare 'ste cazzo di cose, questi premi sono una porcheria, uno schifo. Ne ho centinaia di questi, non posso metterli ovunque. Questa cosa sarebbe stata interessante se fossimo stati negli anni '90 in quella categoria. Avrei detto: Fate fottutamente schifo!". 

A Noel l'ennesimo premio non fa né caldo né freddo. "Ne ho troppi. Li regalo, alcuni li ho persi. Non conservo i premi a casa, penso faccia male ai miei figli. Mia madre ha della roba a casa sua, ha roba che io non ricordo neppure di aver vinto", ha aggiunto.

Il presentatore dell'evento,  Christian O'Connell, non ha potuto esimersi dal replicare a Noel: "L'anno prossimo potrà occuparsi Noel del design dell'evento, cazzo".

Lista completa dei vincitori dei Q Awards 2015

Q Best New Act presented by Orange Amplification: James Bay
Q Best Track presented by Absolute Radio: The Libertines - Gunga Din
Q Best Album presented by JBL: Noel Gallagher's High Flying Birds - Chasing Yesterday
Q Best Video: Florence + The Machine - Ship To Wreck
Q Hero: Mark Ronson
Q Best Live Act presented by The Cavern Club: Royal Blood
Q Classic Album: Soul II Soul - Club Classics Vol. One
Q Best Solo Artist presented by Citroen: Ed Sheeran
Q Innovation in Sound presented by Sony Xperia: Gary Numan
Q Best Act In The World Today presented by Queen Bohemian Lager: Foals
Gibson Les Paul Award: Tony Iommi
Q Outstanding Contribution to Music: New Order
Q Classic Single - Queen, Bohemian Rhapsody
Q Icon: Duran Duran

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails