sabato 29 dicembre 2012

Liam Gallagher: "Il nuovo disco dei Beady Eye è meno anni '60, più progressive del primo, che era troppo lennoniano"

Come vi riferivamo nei post precedenti, il nuovo numero della rivista Q contiene un'intervista a Liam Gallagher, che parla a fondo del nuovo disco che i Beady Eye pubblicheranno nel 2013. Il frontman del quartetto, raggiunto negli studi di registrazione, si dice entusiasta del nuovo lavoro (leggi qui) e parla anche di reunion degli Oasis.

Emergono ora nuovi dettagli sul disco. I Beady Eye hanno registrato venti nuove canzoni, scritte da Liam Gallagher, Andy Bell e Gem Archer singolarmente e anche in team.

Secondo Liam, che mesi fa aveva detto che il secondo album avrebbe avuto il sound di All Things Must Pass di George Harrison, il primo album dei Beady Eye risentiva troppo dell'influenza della sua vecchia band.

"Il primo disco è stato fatto sulla scia degli Oasis, non era abbastanza progressive, non aveva voltato pagina. C'erano momenti buoni, ma semplicemente non 'si connetteva'. Può darsi che la gente odi anche questo, ma questo non è troppo ancorato al solco degli anni '60. Ovviamente ci sono vibrazioni lennoniane nel disco, ma le abbiamo rivoltate da capo a piedi. Non che si senta la pressione o cos'altro, è che per me è un disco importante. Se nessuno lo compra si riparte da zero. Quindi vedremo. Sono preparato a qualunque cosa".
 
oasisnotizie - via Q Magazine (grazie a Louise per le foto)



Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails