domenica 17 gennaio 2010

Pretty Green: la tendenza tutt'altro che musicale di Liam Gallagher

Pretty Green, prende il nome di un brano dei Jam, è il nuovo marchio d’abbigliamento lanciato nel 2009, dal frontman della band inglese degli Oasis: Liam Gallagher.

Un concetto nuovo per ritrovare quelle vecchie tendenze e quello stile non troppo ricercato e soprattutto comodo che ad oggi è quasi scomparso: “Parliamo di classici come i parka, i desert boot o i trench” dice Gallagher, poi aggiunge in un’intervista ad un tabloid inglese:“Oggi tutti i musicisti inglesi hanno lo stesso look, portano T-shirt strette, jeans aderenti e quelle dannate scarpe a punta. I vestiti stretti non mi piacciono e odio le scarpe a punta. Se un giorno mi vedi in giro con le scarpe a punta, fammi il piacere di investirmi".

Sono i grandi magazzini Selfridges ad annunciare alla stampa ed agli acquirenti più avveduti l’arrivo della nuova linea maschile di moda lo scorso novembre, con tanto di autografo della star per i più veloci.


Due le linee di prodotto: “Black Label” e “Green Label”, entrambi caratterizzate da capi piuttosto basici, giacche stile MOD in cotone, cappelli, sciarpe, cappotti, per look originale ma semplice, nessun eccesso, né per i colori né per gli accessori. La Black un tanti nello più elegante con camicie bianche, nere o kaftani fantasia, la Green più sportiva, contiene infatti le t-shirt classiche col logo stampato in petto, già soldo-out sul sito ufficiale, oltre a polo, giacche a righe e cardigan davvero British. Tutto in vendita nel Regno Unito o online su endClothing e sul sito ufficiale del brand, prettygreen.com.

Abiti normali dunque quelli pensati da Liam, eppure sempre e solo in versione Limited Edition, sottoposti ovviamente alla sua finale autorizzazione perché: “abiti e musica sono la mia passione” dice.

Ma se i cantanti, che non sempre sono proprio il miglior esempio di stile ed abbinamenti azzeccati, si danno alla moda cercando invano di scimmiottare gli stilisti … saremo poi proprio sicuri di vestire l’abito giusto?


Luigi Esposito (levanteonline.net)

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails