mercoledì 25 maggio 2016

Liam Gallagher al veleno: "Fanculo gli Oasis. Noel patata. Il suo nuovo album è divertente? Lo dice uno yes man"

Il cantante e frontman degli Oasis, Liam Gallagher, ha lanciato ancora frecciate all'indirizzo del fratello Noel attraverso il suo profilo Twitter

Il cantante, inattivo da oltre due anni, ha dapprima preso di mira il produttore David Holmes, dopo che questi aveva rivelato che "il nuovo album di Noel è divertente".

"Divertente è ciò che chiami il tuo nulla. Non sei nient'altro che uno yes man, ricordatelo roscio", ha twittato Liam, che poi ha pubblicato una foto di Noel con la scritta "Patata". A quest'ultimo tweet ha risposto la figlia di Noel, la 16enne Anais, che in un post poi cancellato aveva scritto: "Non ne sono coinvolta, ma questo mi sembra piuttosto immaturo".

Poi l'ex frontman di Oasis e Beady Eye ha mandato a quel paese proprio gli Oasis scrivendo: "Fanculo gli Oasis!" e ha chiesto ai giornalisti di tenere fuori il suo amico Richard Ashcroft dal battibecco tra lui e il fratello. 

Tra gli altri tweet di Liam di questi giorni ci sono anche dei video-selfie ironici e anche una frecciata come queste: "Andate a piangere, fanboys", "Fottuto coglione", "Sono più divertente io di tutta la vostra doccia di merda. Voi cosiddette rock 'n' roll star, rock 'n' roll per ricconi".

martedì 24 maggio 2016

"Il prossimo disco di Noel Gallagher? Il ritmo è più veloce e meno compassato, sarà uno spasso". Parola di produttore

Il prossimo disco di Noel Gallagher? Brani non più "contemplativi" e dal ritmo compassato come quelli contenuti in Chasing Yesterday. Lo afferma il produttore del disco di Noel, David Holmes. 

Intervistato da Gigwise, Holmes ammette che i fan si attendono un disco con brani dal ritmo molto più veloce e che, come ha detto Noel più volte nei mesi scorsi, il suo lavoro consiste soltanto nell'assistere Noel nell'adottare "un'altra modalità di lavoro", dato che all'ex Oasis i produttori non vanno esattamente a genio.

"Perché cazzo Noel ha rivelato che sta lavorando con me?", esordisce Holmes (Noel lo aveva annunciato ad aprile in Belgio). "Noel è un tipo diretto, reagisce immediatamente dicendo 'Sì, fantastico' oppure 'No, non fa per me'. O per essere completamente sfacciato fa: 'No, è una fottuta merda. È andata proprio bene, suona anche Keefus. È stata un'esperienza divertente. È un supertalento ed è una gioia lavorare con lui".

"Siamo proprio a buon punto", afferma Holmes. "Abbiamo completato cinque pezzi. La gente ne rimarrà sorpresa. Penso che la gente ami Noel e che desideri ardentemente che faccia un gran disco bestiale con pezzi dal ritmo veloce, dato che molta della musica di Noel ha un ritmo compassato. Questo è abbastanza spassoso".

"Non sta a me dire come suona, è un disco suo. Io mi limito ad aiutarlo a adottare un modo diverso di lavorare e robe così. Bisogna aspettare e vedere. È un chitarrista eccezionale ed è proprio appassionato di pedali per chitarra e cose così. Ha un grande orecchio".

Intanto il successo di Chasing Yesterday non è completamente alle spalle. Noel si prepara al tour estivo. Da luglio suonerà negli Stati Uniti, in Canada e in giro per l'Europa fino ai primi di settembre. 

Clicca qui per conoscere tutte le date del tour di Noel Gallagher e guardare le photogallery dei concerti.

Fonte: Gigwise

Oasis, già in lista su un sito le ristampe in vinile degli album da The Masterplan a Don't Believe the Truth

Da tempo i fan degli Oasis si chiedono che fine abbia fatto la ristampa di Be Here Now, il terzo album degli Oasis, la pubblicazione della cui edizione rimasterizzata era stata annunciata poco più di due anni fa, nel febbraio 2014, insieme a quella di Definitely Maybe, pubblicata il 20 maggio, e (What's the Story) Morning Glory?, edita il 29 settembre 2014. 

Ebbene, non è dato saperlo, ma si sa per certo che tutti gli album da The Masterplan (1998) a Don't Believe the Truth (2005) sono in corso di ristampa. È escluso al momento Dig Out Your Soul, probabilmente per motivi contrattuali (i diritti di distribuzione sono stati ceduti in modo differente).

Il sito srcvinyl.com accetta preordini per tutti e quattro i dischi e riporta come data di pubblicazione di The Masterplan e Heathen Chemistry il 12 agosto 2016 e il 1° luglio 2016 per Standing on the Shoulder of Giantse Don't Believe the Truth. A questo punto si creerà nel catalogo un vuoto che sembrerebbe fatto apposta per essere riempito con la ristampa di Be Here Now, anche se non si sa quando.

A quanto pare queste ristampe di The Masterplan, Standing on the Shoulder of Giants, Heathen Chemistry e Don't Believe the Truth prevedono tutte la tracklist originale, quindi non sembrano differire dalle versioni vinile già edite nel 2009 da Big Brother Recordings. Il sito, però, le cataloga come "ristampe in vinile 180 grammi" e in teoria questa dicitura dovrebbe far pensare ad un miglioramento nella qualità del suono. 

oasisnotizie - via SNHeights


All the Oasis albums from 'The Masterplan' to 'Don't Believe the Truth' will be reissued. This US site is taking preorders for all four albums, with two release dates, 12 August 2016 for 'The Masterplan' and 'Heathen Chemistry' and 1st July 2016 for Standing on the Shoulder of Giants and Don't Believe the Truth.

Since the DM and WTSMG remasters are still available, that leaves a convenient BHN-shaped hole in the catalogue, which is certainly promising. DOYS is not included, maybe because it was under another kind of deal.

They all seem to have the original tracklistings and this could mean they are identical to the 2009 Big Brother versions. The website above, though, lists them as "180 gram vinyl reissues", so there could be an improvement in sound quality.

venerdì 20 maggio 2016

Video - Richard Ashcroft: "Un disco con Noel Gallagher? Liam ne rimarrebbe sconvolto. Il legame fraterno è come il legame mafioso"

"Fare un disco con Noel Gallagher? L'amore e il rispetto che ho per Liam non me lo consentirebbe. Turberebbe molto Liam".  Questo il pensiero di Richard Ashcroft, intervistato oggi da BBC Radio 5 Live. "Sarei entusiasta di aiutare Liam a pubblicare il suo primo album solista. Penso che dovrebbe farlo", ha concluso Ashcroft, che paragona il legame tra fratelli ad un "legame mafioso".

Guarda qui sotto il breve video sottotitolato in italiano.


Il nuovo album di Ashcroft, These People, esce oggi. 


 

Video: Guarda con sottotitoli ITA l'intervista a Liam e Noel contenuta in Stop the Clocks

In questo video della durata di di 38 minuti (tagliato un minuto totale tra video di Go Let It Out e di Live Forever per ragioni di copyright) vi proponiamo la bellissima intervista integrale a Liam e Noel Gallagher contenuta nel DVD di Stop the Clocks, il best of degli Oasis uscito il 20 novembre 2006. 

Con sottotitoli in italiano rivisti e corretti da frjdoasis.

Tra il serio e il faceto Noel e Liam parlano delle canzoni contenute nel best of, della loro genesi e rivelano molti aneddoti relativi alla band. Rispondono anche a una domanda sul futuro ("Tra dieci anni sarete ancora qui con un altro best of?").

Il video era presente sul nostro canale YouTube dall'ottobre 2012, ma era stato oscurato negli ultimi mesi per motivi di copyright. In questa versione da 38 minuti anziché 39 può rimanere su YouTube. 



martedì 17 maggio 2016

Liam Gallagher contro Noel: "Sacco di merda, ci vediamo alla prima del documentario sugli Oasis"

Reunion degli Oasis? I segnali paiono tutt'altro che incoraggianti.

Secondo alcune fonti Mat Whitecross, regista del nuovo documentario sugli Oasis Supersonic, in uscita ad ottobre, avrebbe invitato sia Liam che Noel al Festival di Cannes per presentare la pellicola alle case di distribuzione cinematografica, ma Noel avrebbe gentilmente declinato l'invito a partecipare alla kermesse, data la presenza del fratello.
Ecco la risposta di Liam, arrivata tramite Twitter nel pomeriggio del 17 maggio: "Ci vediamo alla prima (del documentario, ndr), SACCO DI MERDA". Liam, che scrive proprio così, senza la e finale (si dice première), sembra dunque confermare le voci di un rifiuto di Noel a partecipare all'evento.

Come già trapelato, il documentario contiene materiale video inedito sugli Oasis e nuove interviste a Liam e Noel, registrate - com'è facile intuire - in momenti diversi. Ci saranno anche interviste esclusive ad altri componenti della band. 

Fonte: uk.yahoo.com

Leggi anche:  




Liam Gallagher scambiato per Sacha Baron Cohen al Festival di Cannes




Source: Liam Gallagher was mistaken for Sacha Baron Cohen at Cannes Film Festival

Recatosi al Festival di Cannes per presentare il nuovo documentario sugli Oasis (foto qui), Liam Gallagher è stato scambiato per Sacha Baron Cohen. Secondo quanto riportano vari siti inglesi e indiani, l'ex Oasis sarebbe stato accolto al grido di "Sacha, Sacha!" da numerosi presenti, che l'avrebbero confuso per l'attore inglese, protagonista del film Grimbsy - Attenti a quei quattro, in cui interpreta Norman "Nobby" Butcher, un hooligan rozzo e cafone.

"Molti giornalisti non l'hanno riconosciuto", rivela una fonte anonima al Daily Star. "Hanno notato il taglio di capelli e hanno pensato che fosse una trovata pubblicitaria di Sacha vestito come Nobby (l'hoolingan protagonista del film, ndr)".

Il rapporto tra il cantante e l'attore di origini israeliane non è dei migliori. Cohen ha di recente ammesso che il personaggio di Grimsby che interpreta è ispirato al look del più piccolo dei Gallagher e alla TV statunitense ha raccontato un aneddoto (che potete vedere e ascoltare qui) che riguarda lui e Liam. L'ex frontman dei Beady Eye avrebbe minacciato di pugnalare Cohen in un'occhio. 

Liam è stato avvistato ieri all'aeroporto di Nizza-Costa Azzurra mentre insieme alla compagna Debbie Gwyther (foto qui sotto) lasciava la Francia.



domenica 15 maggio 2016

Foto: Liam Gallagher a Cannes presenta il nuovo documentario sugli Oasis

Sabato a Cannes per Liam Gallagher e compagna. L'ex cantante degli Oasis, che malgrado il clima caldo ha sfoggiato anorak celeste e ocra firmato Patagonia e immancabili occhiali da sole, è stato fotografato al Festival del Cinema, dove si è recato insieme alla compagna e a Mat Whitecross, regista del documentario sugli Oasis che uscirà a ottobre.

Gallagher, Whitecross, il produttore Fiona Nelson e il produttore esecutivo Asif Kapadia hanno presenziato ad un party organizzato da Lorton Entertainment, ente finanziatore del progetto, a Villa Saf Saf.


GUARDA QUI LA PHOTOGALLERY DI LIAM A CANNES



sabato 14 maggio 2016

Si chiama Supersonic il nuovo documentario degli Oasis in uscita ad ottobre

Si chiama Supersonic, come il primo singolo della band di Manchester, il nuovo documentario sugli Oasis, che uscirà ad ottobre.

La pellicola, diretta dal regista Mat Whitecross, vede James Gay Rees, premiato con l'Oscar per il film Amy su Amy Whinehouse, nelle vesti di produttore ed è stato realizzato in collaborazione con Fiona Neilson, Simon Halfon e il produttore esecutivo Asif Kapadia.

Il film narra la travolgente ascesa degli Oasis dall'ingresso nella band di Noel Gallagher, nel 1991, ai grandiosi concerti di Knebworth Park dell'agosto 1996, passando per la pubblicazione di due dischi da record,  Definitely Maybe e il successivo (What's the Story) Morning Glory?.

Come annunciato, il documentario contiene nuove interviste a Noel e Liam, oltre a materiale video inedito sulla band. 

"L'amore e la vibrazione e la passione e la rabbia e la gioia che vengono dal pubblico. Se non altro, ecco cos'erano gli Oasis". NOEL GALLAGHER

"Gli Oasis erano sicuramente come una cazzo di Ferrari. Bellissimi da vedere, bellissimi da guidare e vanno fottutamente fuori controllo ogni tanto quando si va troppo veloce. Ho amato ogni loro minuto". LIAM GALLAGHER

Lorton Distribution si occuperà della distribuzione del film ad ottobre. Per l'Italia i diritti di distribuzione sono stati acquisiti da Lucky Red.


LEGGI QUI TUTTI I POST DI QUESTO BLOG CON IL TAG "DOCUMENTARIO SUGLI OASIS"

Guarda tre documentari sottotitolati e pubblicati da OasisNotizie su YouTube.







Fonte: TheFanCarpet

giovedì 12 maggio 2016

Noel Gallagher: "Man City deludente. Con il Real avrei preferito perdere 5-0. O uscire agli ottavi e arrivare terzo in Premier. Rimpiango Dzeko"

Raggiunto dai microfoni di Talksport il 9 maggio, Noel Gallagher ha rilasciato alcune dichiarazioni sull'eliminazione del Manchester City dalla Champions League, arrivata in semifinale contro il Real Madrid. AUDIO ALLA FINE DEL POST

"Sono stato a Madrid ed è stata semplicemente la partita più deludente. Delle due contro il Real Madrid è stata quella che ci ha proprio sgonfiato. Non riuscire a fare un tiro in porta è una statistica piuttosto eloquente. E sapevo che avremmo faticato contro l'Arsenal (2-2 qualche giorno dopo, ndr), perché come fai a risollevarti dopo quello?". 

"Se non sai difendere non puoi vincere nulla, è semplice. Ed è stato questo il problema di tutta la stagione: non sappiamo difendere". 

"All'intervallo pensavo che avrei preferito perdere 5-0. Abbiamo fatto un solo tiro in porta, con Sergio Aguero all'89esimo minuto. E basta".

"Chi è che vuole arrivare in semifinale di Champions League e in campionato arrivare quinto? Nessuno. Avrei preferito uscire agli ottavi e finire terzo in campionato". 

"Devo dire una cosa, ora che (Pellegrini) sta per andarsene lo dico. Un allenatore come Mourinho o Klopp o Mancini avrebbe mostrato maggiore combattività lungo la linea di bordocampo. Pellegrini se ne stava lì in piedi con le mani in tasca e io pensavo: 'Dai, amico!' ...". 

"È una disgrazia che una squadra come la nostra debba pregare che il West Ham domani sera batta il Man United per non perdere il quarto posto valevole per la qualificazione in Champions League".

"È folle che il Leicester si trovi diciassette punti davanti a noi".

"Si vocifera di molti giocatori che arriverebbero quest'estate con Guardiola, ma come verrebbero da noi se fallissimo la qualificazione in Champions League? Per Pep si profila un lavoro enorme. Pogba non verrebbe mica a fare l'Europa League. Preferirebbe andare al Real Madrid e guadagnare 50.000 sterline a settimana".

"Se quest'anno non andassimo in Champions League sarebbe un fallimento enorme, pur avendo vinto la Coppa di Lega. Ed essere giunti in semifinale in Champions non avrebbe senso, perché francamente abbiamo fatto schifo in quelle partite, no? E non è valsa la pena arrivarci".

Dopo aver detto che "abbiamo già visto il meglio di Yaya Touré" Noel ha poi rimpianto Dzeko e Milner. "Qualcuno deve spiegare a se stesso perché ha lasciato andare via questi due giocatori, dato che Bony non è un rimpiazzo adatto per Dzeko", ha spiegato. "Dzeko segnava sempre gol importanti. Non era un grande giocatore, non ha mai segnato molti gol, non ha mai fatto faville, ma segnava sempre i gol importanti. Milner dava tutto se stesso sul campo sette giorni alla settimana per la causa. Quei due giocatori da soli avrebbero cambiato molto le cose". 

"Ascolta, contro l'Arsenal i tifosi del City non hanno organizzato alcun abbandono in massa dello stadio. Quarantacinquemila persone hanno lasciato le tribune spontaneamente. E questo la dice lunga. Non c'è stato alcun giro di email prima del match. Non hanno voluto neanche salutare l'allenatore che se ne va o ringraziare la squadra per aver raggiunto la semifinale di Champions. Non dicendo nulla hanno detto tutto".

Noel ha concluso l'intervista con un "Forza Hammers!" che è stato di buon auspicio. Fortunatamente per l'ex Oasis, il West Ham ha infatti sconfitto lo United (3-2), impedendogli di scavalcare il City in classifica. 
oasisnotizie


sabato 7 maggio 2016

Daniele De Rossi: "Sono cresciuto con gli Oasis, conosco tutte le loro canzoni a memoria"

Intervistato da ForzaRoma.info, il centrocampista della Roma e della nazionale italiana Daniele De Rossi ha parlato del suo amore per gli Oasis. Alla domanda su quali siano i suoi tre gruppi musicali preferiti, il 33enne ha risposto nominando i Rolling Stones, i Coldplay e la band dei fratelli Gallagher, con questa motivazione:
"È il gruppo della mia adolescenza, ci sono cresciuto, conosco tutte le loro canzoni a memoria. Mi piacevano come tipi, erano veramente personaggi particolari, non sempre convenzionali e facilissimi da approcciare, però questo loro stereotipo che rappresentavano, le rock star fuori di testa, mi piaceva molto. Si è parlato molto di me al Manchester City qualche anno fa e io non mi sono mai voluto muovere da Roma, ma la cosa che più mi affascinava di quella situazione è che avrei potuto incontrare i fratelli Gallagher".
Nell'ottobre 2012 De Rossi aveva inserito The Masterplan nella sua personale playlist (leggi qui) e nel maggio 2015 si era cimentato con il karaoke di Radio Rock 106.6 e aveva cantato Don't Look Back in Anger. Qui il video della performance

Fonte: ForzaRoma.info
 
Don't Believe The Truth raccontato dagli Oasis. Guarda il video sottotitolato in italiano GUARDA QUI

giovedì 5 maggio 2016

Liam Gallagher: "Il nuovo documentario sugli Oasis è biblico. Un film vero su una band vera per fan veri"

Qualche giorno fa Noel spiegava che il nuovo documentario sugli Oasis "contiene un bel po' di bestemmie" e che "ne siamo stati coinvolti tutti tranne Guigsy, che ha perso la facoltà di parola nel 1998". Oggi è stato Liam a pronunciarsi per la prima volta sul nuovo documentario sulla band di Manchester, che in questi giorni è stato fatto vedere per la prima volta ai fratelli Gallagher. 

Noel l'ha visto domenica, come aveva dichiarato nell'intervista a Radio Yorkshire di cui vi abbiamo dato notizia nei giorni scorsi, mentre ieri è toccato a Liam, che ha utilizzato ancora una volta Twitter per dare sfogo ai propri pensieri.

Il 43enne cantante ha scritto: "Ho appena visto la prima versione del film sugli Oasis. Biblico. Cosa è successo al mio rock'n'roll?". Evidente il riferimento al brano del 2001 dei Black Rebel Motorcycle Club intitolato Whatever Happened to My Rock 'N Roll. E ancora: "Un film vero su una band vera per fan veri. Nessuno di quei falsoni. Voi sapete chi siete". 

Un documentario "biblico", dice Liam. Perfetta definizione per un film sul Caino e sull'Abele del rock.  

Video - Il pronostico (sbagliato) di Noel Gallagher: "Man City in finale di Champions grazie ad un gol del pareggio segnato negli ultimi minuti"

Dopo aver azzeccato la previsione per la finale di Coppa di Lega inglese qualche mese fa (quando il Manchester City battè il Liverpool ai tiri di rigore, come da lui vaticinato), Noel Gallagher si è di nuovo cimentato con un pronostico nel giorno della semifinale di Champions, poi persa dal City contro il Real Madrid.

Guarda qui sotto con sottotitoli in italiano il video pubblicato ieri dalla pagina Twitter ufficiale del Manchester City.

Guarda qui un altro video di Noel che, intervistato da Yorkshire TV dopo la semifinale di andata, si dice fiducioso in vista del ritorno. 



mercoledì 4 maggio 2016

Noel Gallagher sul Man City: "Possiamo andare in finale. Tra Real, Atlético e Bayern avrei preferito proprio il Real Madrid"

Il 25 aprile Noel Gallagher ha parlato a Talksport alla vigilia della semifinale di andata  di Champions League Manchester City-Real Madrid, poi terminata a reti bianche. AUDIO DELL'INTERVISTA ALLA FINE DEL POST

"Non abbiamo molta storia nella competizione e non penso che molti tifosi del City pensassero che fossimo capaci di vincere la Champions League, così è sembrata un po' una distrazione dal campionato", ha detto l'ex Oasis. "Ora, però, la cosa inizia a diventare interessante".

"Tendiamo a giocare sempre con la stessa formazione e la cosa inizia a diventare un po' tediosa. Ecco perché penso che la UEFA debba provare a cambiare il format della competizione negli anni seguenti, altrimenti è troppo tedioso avere sempre le stesse squadre che giocano con la stessa formazione". 

"Prima che capitassimo contro il Real Madrid nel sorteggio ho pensato che nell'arco delle due partite, andata e ritorno, non hai chance con il Bayern Monaco né con l'Atlético, che un sistema per batterti nelle due partite lo trova. Invece il Real Madrid ti concede delle opportunità nell'arco delle due partite. Domani siamo sfavoriti, ma delle tre squadre con cui potevamo capitare penso che questa sia la migliore che potessimo sperare di pescare nel sorteggio. Se approfittiamo delle chance che ci concedono, per come stanno giocando ora De Bruyne e Sergio Aguero, d'ora in poi può succedere di tutto". 

Rispondendo ad una domanda sul nigeriano Kalechi Ihenacho, Noel ha detto: "Ihenacho è incredibile. Non capisco perché nel periodo in cui Aguero era fuori per infortunio Pellegrini abbia insistito così tanto con Bony in attacco, dato che non è all'altezza. E questo ragazzo sedeva in panchina. Ihenacho ha un grande fiuto del gol. Quando entra in campo Bony c'è un sospiro e si fa: 'Oddio!' ... ma Ihenacho ha un grandissimo futuro e mi piace, è fantastico". 

Il Manchester City stasera affronterà al Santiago Bernabeu di Madrid il Real di Zidane e proverà a qualificarsi per la finale di Champions League. Noel sarà sugli spalti a sostenere la sua squadra, come all'andata.


martedì 3 maggio 2016

Video: Liam Gallagher a Malta canta Wonderwall, Don't Look Back in Anger e Stop Crying Your Heart Out

In moltissimi l'avranno cantata davanti a un falò, o durante qualche festa a casa di amici accompagnati da una chitarra acustica. Si tratta di Wonderwall, il successo firmato dagli Oasis che nel 1995 diventò uno dei singoli più noti della band britannica e un eterno classico da coro collettivo.

In pochi, però, hanno avuto il piacere, durante qualche raduno di amici accompagnato da una chitarra, di avere un cantante illustre quanto Liam Gallagher, ovvero proprio l’ex cantante della band che scrisse il pezzo. 

Mentre si trovava in vacanza a Malta, nella notte tra il 30 aprile e il 1° maggio, Gallagher ha infatti confermato la fama di cui gode tra i fan - con cui è solitamente affabile e disponibile - e si è unito a un gruppo di avventori del locale nel cantare una versione di Wonderwall in coro alle 3 del mattino.

Liam, in compagnia dell'ex Oasis Paul Arthurs, detto Bonehead, era a La Valletta in un bar locale, quando il cantante di una band del posto, Peter Borg, che aveva con sé la sua chitarra acustica, ha guidato un coro insieme a una ventina di altre persone che si trovavano nei paraggi.

E non è tutto. Il cantante si è anche cimentato con due altri brani degli Oasis, Don't Look Back in Anger, cantato dal fratello Noel, e Stop Crying Your Heart Out.

Guarda qui sotto i video della serata. Nell'ultimo video Liam e Bonehead ascoltano interessati Young Again, canzone di Peter, e sono anche prodighi di consigli nei suoi confronti. Liam gli dice: "Suonala di nuovo, è una figata alla Bob Dylan!".

Secondo la stampa maltese Liam si sarebbe innamorato di Gozo e avrebbe detto: "Voglio vivere qui".


Grazie a The Post Internazionale e Beady Eye Italia






LinkWithin

Related Posts with Thumbnails