martedì 28 aprile 2015

Gli One Direction: "Il nostro nuovo album ricorda il sound degli Oasis"

Gli One Direction sono ufficialmente in quattro: l'abbandono di Zayn Malik (che è pronto a pubblicare il suo primo album da solista prodotto da Naughty Boy, come dichiarato da Conor Maynard) ha rattristato molto Harry Style, Niall Horan, Louis Tomlinson e Liam Payne, ma non per questo i quattro sarebbero intenzionati a mollare tutto. Anzi, sembrerebbero ancora più motivati ad incidere un nuovo album che piaccia alle directioner che li hanno sempre supportati anche dopo l'addio ufficiale di Zayn. Intervistato da Capital FM, Liam Payne (che ha recentemente inaugurato a Wolverhampton il Youth Centre, un progetto a sostegno dei giovani locali) ha parlato del nuovo album, confessando di aver inciso dei brani che ricordano molto la musica di un altro gruppo famosissimo: gli Oasis.

"Il disco sta uscendo davvero bene", ha detto Liam, tra l'altro omonimo del minore dei Gallagher. "I ragazzi con cui lo stiamo scrivendo se ne sono usciti con qualcosa di grandioso, belle canzoni che richiamano gli Oasis". Una svolta verso il rock si era già notato nei brani presenti nella loro ultima fatica discografica: ci dobbiamo aspettare delle ballate in stile Wonderwall (di cui i ragazzi avevano già fatto una cover)?


Noel Gallagher: "Liam? Se è triste mi chieda di scrivergli canzoni. Gli Oasis? Non originali, ma il rock è questo. Oggi non avrebbero più nulla da raggiungere. Da solista sono più libero"

La carriera da solista? Secondo quanto dichiarato da Noel Gallagher, non è qualcosa cui aveva pensato prima dell'ultimo tour degli Oasis. Il musicista, che si appresta a vivere la tappa nordamericana del suo tour (sarà impegnato fino al 7 giugno in Canada, USA, Messico), ha concesso un'intervista alla Wisconsin Gazette in cui ha parlato anche di com'è nata la decisione di intraprendere l'avventura in solitaria e di come la reunion degli Oasis non sia una prospettiva plausibile, dato che - a suo dire - non ci sarebbe nessun altro obiettivo da raggiungere.

Al cantautore è stato domandato se si chiede come mai non abbia iniziato prima la carriera da solista. "Non l'ho fatto prima perché amavo fottutamente stare negli Oasis", spiega. "Quella band è una delle più grandi ed è stato solo quando la cosa, durante l'ultimo tour, si è fatta veramente poco godibile che ho pensato: potrebbe esserci qualcos'altro che mi renderebbe felice".

"Ora sono un cantante", prosegue, "ma c'è un che di spirito libero nel sol fatto di suonare la chitarra elettrica e cantare la singola canzone. Sai, quando suoni la chitarra puoi fantasticare comportandoti come Keith Richards alle 5 del mattino, ma quando sei un cantante non lo puoi fare. Devi andare a letto, badare alla tua voce. È un'arma a doppio taglio". 

Poi Noel ha ribadito che, rispetto a quando era in una band, comporre adesso è un'attività più appagante. 
"Quando sei in una band fai i dischi in modo collettivo, è una democrazia. Puoi beneficiare delle opinioni di tutti e si cerca di forgiare qualcosa tra quelle cinque persone. Ciò che faccio ora, però, in un certo senso è più soddisfacente, perché è l'espressione di se stessi in modo completo. Le canzoni di questo disco le ho scritte io, arrangiate io, prodotte io, le ho suonate io e ho progettato la fottuta copertina. Può darsi si tratti dell'album più 'definitivo' di ciò che sono io. Tutto mi viene dal cuore e dall'anima. Quindi è espressione di sé portata ai suoi estremi limiti".

Forse con gli Oasis sarebbe stato complicato utilizzare degli strumenti musicali diversi? 
"È più facile far piacere a se stessi che star lì a combattere per provare a convincere qualcuno che un sassofono è l'elemento giusto in un disco", osserva il musicista. "Non mi piacciono le baruffe e non mi piace litigare, quindi forse avrei semplicemente detto: fanculo, mettiamo la chitarra. Non è, però, una cosa che mi secca. Era una rock 'n' roll band quella e l'ho amata, capisci? E (se fossi rimasto negli Oasis, ndr) non avrei mai scritto Riverman. Quella canzone non sarebbe esistita perché non avevo quello stato d'animo. Avrei scritto canzoni per gli Oasis". 

Come sono nate canzoni come Riverman e The Right Stuff? 
"La cosa che ho imparato stando nel mondo della musica e che mi ha condotto dove sono oggi è: non pensare troppo su una cosa. Se seguo il mio istinto allora andrà bene. Se seguo l'istinto e la cosa in cui ripongo fiducia fallisce allora va benissimo lo stesso, perché non ci ho dedicato molto tempo. È stato solo un fottuto pensiero che mi è venuto, bang! Ed è andato via". 

C'è spazio anche per una riflessione sul fratello Liam. Ora che i Beady Eye non ci sono più - chiede il giornalista - quali sono i sentimenti che provi nei confronti di Liam? Ti dispiace per lui dopo che ha sciolto la sua band?
"Dispiacere forse non è la parola giusta. Ha una linea di abbigliamento che riscuote molto successo. Non so cosa gli passi per la testa in questo momento. Non è che lo abbiano privato di qualcosa, è stato lui a decidere di andarsene. Quindi è ovviamente qualcosa che ha voluto. Quindi no, non mi dispiace per lui. Se è felice allora è felice. Se è triste per il fatto di non trovarsi più nel mondo della musica allora dovrebbe chiedermi di scrivere qualche canzone per lui".

Ed è a questo punto della chiacchierata che arriva l'inevitabile domanda sulla reunion. Ci potrebbe essere un futuro musicale comune per i fratelli Gallagher? 
"Se tornassimo insieme", risponde Noel, "cosa potremmo fare che non abbiamo già fatto? Niente. Abbiamo fatto i concerti più grandi che siano mai stati fatti. Siamo stati la cosa più grande in Inghilterra negli anni '90, quindi non vedo cos'altro ci sia da raggiungere". 

Noel si è poi detto "molto sorpreso e deluso" del fatto che né Kasabian né Arctic Monkeys hanno fatto il tutto esaurito a Wembley. 

Secondo Noel fare il tutto esaurito a Wembley era la condicio sine qua non per essere definiti i "nuovi Oasis". Ora che Ed Sheeran ci è riuscito, è lui l'erede degli Oasis? "Potrebbe esserlo per tutte quelle ragazzine di 15 anni, ma d'altro canto queste 15enni non hanno mai visto gli Oasis, quindi non si può fare il paragone se non hanno visto quello che abbiamo fatto noi".

Il rock 'n' roll è morto per sempre o potrà risollevarsi?
"Dovrebbe arrivare un cantautore della Madonna per raccontare di nuovo la storia. La mia band, gli Oasis, non era originale. Non ha fatto nulla di diverso rispetto a quello che hanno fatto in passato, ma il rock 'n' roll è proprio questo. Raccontare di nuovo la storia. Forse la gente deve dimenticare la storia per un po' di generazioni. Ci vorrà, tuttavia, un cazzo di cantautore della Madonna, se pensi che dovrà scrivere pezzi migliori di … dovrà scrivere un album migliore di Definitely Maybe. Non potrei farlo neanche io. E sono io!".

oasisnotizie

Vedi anche: Video - Liam Gallagher: "Reunion degli Oasis? Non oggi, non stasera, non prima di aver finito quella cosa ..."

Diario di Noel Gallagher Vol. 3 Post 10: "Le 'erezioni' sono imminenti. I politici britannici sono dei bastardi spregevoli. Giapponesi, siete strani. Grazie dei regali"


Tales From The Middle Of Nowhere Vol 3: The Good, The Bad And The Bubbly
Racconti dal Bel Mezzo del Nulla Vol. 3: Il Buono, Il Brutto e Il Frizzante

Allora ... Cosa sta succedendo? Niente di eccitante? No? Eccellente!!!!

Non mi sono preso la briga di inviare aggiornamenti regolari dal Giappone, dato che laggiù i giorni tendono ad essere piuttosto simili ... LAMENTELE, LAGNANZE, LAMENTELE, PROMOZIONE, LAGNANZE, SOUNDCHECK, LAMENTELE, ALTRA PROMOZIONE, LAMENTELE E LAGNANZE, CONCERTO, LAGNANZE E LAMENTELE, HOTEL, LAGNANZE, TRENO AD ALTA VELOCITÀ, LAMENTELE, LAMENTELE, LAMENTELE ... ripetizione. Mi è sembrato del tutto inutile tediarvi con queste cose.

Ecco un breve riassunto:

Ogni giorno è lo stesso ... infastidito negli atri degli hotel ... inseguito per le stazioni ... arrivo al concerto ... rimango incantato dalla sessione di ottoni più recente ... C'è stata una folla particolarmente merdosa. Non ricordo adesso, ma sono stati terribili ... quasi buffi.

Un tizio ad uno dei concerti aveva un cartello che diceva: "DI CHE COLORE SONO LE MUTANDE CHE INDOSSI?". Mi piacerebbe dire che il pubblico è rimasto attonito in silenzio quando ho detto loro che non indosso mutande sul palco, ma siccome c'era più calma di un club in cui Madonna fa stand-up comedy (avete visto quella cosa? Porca di una troia!!) non penso che qualcuno lo abbia notato, men che meno io!

Quella folla mi ha fatto dei regali veramente meravigliosi. Non passa giorno senza che qualcuno mi porga questa o quella cosa gridando: "REGALO PER TE!!" o "REGALO PER SARA!!" o "REGALO PER I TUOI BAMBINI!!".

Dio vi benedica e grazie, a proposito, se tra quelle persone c'era qualcuno di voi.

Mi sono preoccupato un po' quando qualcuno mi ha dato la sua borsa piena di ... roba. Tra le altre cose vi era una scatola con su una scritta che descriverei come piuttosto urlata. Mi ha incuriosito e ho deciso di aprirla per vedere cosa ci fosse dentro. Salta fuori che c'erano delle mini-barrette di cioccolato incartate singolarmente. BINGO!! Ho acceso il bollitore e mi sono accomodato per tastare le delizie del vostro snack orientale dalle curiose dimensioni. Sono lì alle prese con la mia terza cosetta urlata di cioccolato quando inizio ad esaminare la scatola e noto che sotto la scritta urlata in giapponese c'è scritto, in inglese urlato, "La leggenda: BLACK THUNDER!!" Tuono nero? Penso ... Oh cazzo, sarebbe meglio se questi non fossero lassativi!!

Il tizio con il cartello ha seguito l'intero tour con varianti del suo cartello originario, almeno penso fosse lui ... L'ho preferito quando ha esposto un cartello con su disegnato solo un paio di mutande con le parole: "DI CHE COLORE SONO?". Ne era ossessionato!

Le interviste sono andate come immaginate ... Uniche penso sia il modo migliore di definirle. 

Qualcuno mi ha fatto domande sulle nostre "imminenti erezioni" (scherza sulle elezioni britanniche del prossimo 7 maggio, ndr) ... Prego? In ogni caso, a chi cazzo frega? 79% del fiscale lì ... 2,4% di crescita dell'annuale lì, spendi, tagli, prendi in prestito, presti, costruisci ... bla bla CAZZO DI BLA. Dite qualcosa di radicale, bastardi del tutto spregevoli (i politici, ndr)

Scusate per questa cosa. Dove eravamo? Sì ... a Tokyo,  al Budokan, un ottimo modo di concludere il tour ... 2 serate. 

Concerti eccellenti. La prima sera è stata la mia preferita. È uscito anche il sole. Adorabile!

Fan giapponesi, siete senza dubbio le persone più stranamente strane eppure stranamente normali di tutto il mondo.

Grazie per tutto ... fino al Fuji Rock ... SAYO-FOTTUTA-NARA!

Ora mi trovo a casa, da solo, nella nostra cucina. Nancy e i 2 principi sono usciti per trascorrere la giornata in uno zoo safari. È uscito perfino il gatto!!

Il silenzio è assordante ... un po' come ad Osaka!!

Tenete alto l'entusiasmo, eh?

GD.

20 aprile 2015

PS: durante quel tour ho ascoltato per lo più:



Andate ad ascoltare questa roba, cazzo!!

TUTTI I POST DEL DIARIO DI NOEL GALLAGHER - LEGGI QUI

TUTTE LE DATE DEL TOUR DI NOEL GALLAGHER CON LE PHOTOGALLERY - CLICCA QUI 

giovedì 23 aprile 2015

Video sottotitolato: Gli Oasis parlano di Don't Believe The Truth (DVD ufficiale 2005)

Inauguriamo un ciclo di video volti ad omaggiare Don't Believe The Truth, il quinto album degli Oasis, in occasione del decennale della sua uscita. L'album arrivò nei negozi il 30 maggio 2005.

Il primo video che abbiamo caricato ieri su YouTube è la versione sottotitolata in italiano di parte del documentario inserito nel DVD di accompagnamento al disco. 

Liam, Noel, Gem, Andy e il produttore Dave Sardy parlano di come hanno lavorato insieme in studio, del perché le iniziali sessioni di registrazione con i Death In Vegas non hanno funzionato, di quali sono gli elementi che cementano l'intesa nel gruppo e di com'è il singolo Lyla. Noel definisce in modo curioso Andy e Gem ... 

Sottotitoli by oasisnotizie. 

Tieni d'occhio i video del ciclo seguendo il tag don't believe the truth decennale. Se hai qualche video da proporre faccelo sapere su Facebook. Condividi su Twitter con l'hashtag #dontbelievethetruth10years.

Primo video.




mercoledì 22 aprile 2015

Video sottotitolato: Noel Gallagher parla del vinile da Jools Holland sulla BBC

Nella puntata di ieri sera del suo show in onda sulla BBC Jools Holland ha brevemente intervistato Noel Gallagher riguardo al revival dei vinili e gli ha chiesto come mai preferisca i vinili al "suono nel web", affermatosi nella nostra epoca. Venerdì sarà trasmessa l'intervista completa di Holland a Noel. Sottotitoli in italiano by oasisnotizie.

Clicca qui per vedere invece la prima parte della performance, il cui seguito sarà mandato in onda venerdì.

Per una migliore qualità scegli "vedi in HD 720p".




Video: Noel Gallagher con You Know We Can't Go Back dal vivo a Later with Jools Holland

In questo video la performance dei Noel Gallagher's High Flying Birds a Later with Jools Holland registrata il 7 aprile e andata in onda ieri sera nel Regno Unito. La band ha suonato You Know We Can't Go Back, nuovo brano tratto dall'album Chasing Yesterday.






martedì 21 aprile 2015

Foto: Liam Gallagher, coccole con la fidanzata in un pub di Londra

Liam Gallagher sembra sempre più felice con la fidanzata Debbie Gwyther. La coppia è stata avvistata a cena sabato 18 aprile vicino alla casa del rocker a North London. Mentre pranzavano con degli amici i due erano molto complici. Liam, che indossava un paio di occhiali da sole colorati rotondi, e l'ex manager divenuta sua partner si sono scambiati molte tenerezze.

PHOTOGALLERY CLICCA QUI



Video - Liam Gallagher: "Reunion degli Oasis? Non oggi, non stasera, non prima di aver finito quella cosa ..."

È trascorso poco più di un mese da quando su Twitter era comparsa una foto di Liam Gallagher con al collo il pass per il concerto del fratello Noel e una frase di accompagnamento al post piuttosto eloquente: "Teniamo tutto in famiglia". Tanto era bastato per far circolare nuove voci su una imminente reunion degli Oasis, ma lo stesso Noel, interrogato in merito da Fabio Fazio a Che tempo che fa, aveva risposto: "Preferirei non dire nulla a riguardo". Una replica sibillina, la sua, che molti avevano interpretato come una conferma indiretta di una riappacificazione che potrebbe portare i due ex ragazzi terribili del rock inglese a tornare insieme sul palco, in un futuro non troppo lontano.

Ieri, a partire dal Daily Mirror, i tabloid inglesi si sono di nuovo scatenati. Si parla addirittura di gentlemen agreement sancito dai due fratelli coltelli per ricostituire la celebre band di Manchester. "La carriera solista di Noel è stato un enorme successo - avrebbe riferito la solita e ineffabile "fonte bene informata - ma Liam non è stato in grado di fare lo stesso con i Beady Eye e ora che il gruppo si è sciolto è pronto ad appianare le divergenze per tornare sul palco insieme alla band".

Stamane è comparso su Twitter un breve video (GUARDA QUI SOTTO) in cui Liam viene interrogato sulla reunion da un amico, la cui figlia ha diffuso il filmato. Questo il dialogo tra i due:

"Liam, la band tornerà insieme?"
"Quale band?"
"Non lo so, gli Oasis".
"Non oggi, non stasera, non prima di aver finito quella cosa".

Non è chiaro cosa intenda Liam con "quella cosa". È probabile che intendesse il tour di Noel. E se Liam - suggerisce qualcuno tra il serio e il faceto - si riferisse ai Beady Eye?

video

Sunday Mail, Scozia, 20 aprile 2015

Express, Germania, 20 aprile 2015

domenica 19 aprile 2015

Intervista a Noel Gallagher: "Non accetto l'esistenza di Dio né guerre o morti in suo nome. I cuscini italiani sono i migliori del mondo"


L'esistenza di Dio? Non è qualcosa che  Noel Gallagher può accettare. Lo ha ribadito lo stesso cantautore nel corso di un'intervista fattagli qualche giorno fa da una TV sudcoreana a Seul (video alla fine del post), confermando sostanzialmente quanto affermato un paio d'anni or sono alla TV irlandese (video qui sopra).

Il 47enne ha risposto ad una domanda su uno dei suoi nuovi brani, In the Heat of the Moment. "Sì, è vero, l'ho scritto dopo aver visto un documentario sullo spazio", ha spiegato. "Dici bene, lo spazio è qualcosa che mi ha sempre interessato. Mi ha sempre affascinato perché mi chiedo come facciano a sapere tutta questa roba". 

"Trovo affascinante che qualcuno tanto tempo fa, quattromila anni fa", prosegue Noel, "sia riuscito a capire che la terra impiega un anno a girare attorno al sole. E comunque cos'è un anno? Chi l'ha chiamato 'anno'? Da dove deriva quella parola? Lo trovo affascinante". 

"Penso che il cosmo e le stelle dividano la razza umana in due categorie: quelli che credono in Dio e che credono che abbia creato la terra e l'universo e quelli che credono nella fisica, negli scienziati che credono che deriviamo dalla fusione e da quella grande esplosione. Io credo più nella scienza, il mio cervello non riesce ad accettare che esista una cosa chiamata Dio, qualunque cosa sia. Il mio cervello non riesce ad accettare che quella cosa esista e che in qualche modo su questa terra siano state combattute guerre, siano stati decapitati uomini e assassinate donne e bambini in suo nome, quindi non credo in Dio".

Noel ha anche risposto ad una domanda sulle sue abilità vocali. Il giornalista ha fatto notare all'ex Oasis come molti fan volessero chiedergli come abbia fatto ad aumentare la sua estensione vocale, secondo loro evidente nel suo nuovo album. "Davvero? È interessante, perché non ci ho mai pensato", ha risposto il cantautore, che ha concluso da tre giorni il suo tour asiatico. "Quando lo mixavo mi chiedevo se la voce fosse venuta bene come nell'ultimo disco", ha aggiunto. "È una questione di come la si percepisce, suppongo, ma grazie per averlo detto".

Spazio anche per un riferimento all'episodio della giacca rovinatagli nel 2012 ("A parte il fottuto stronzo che mi ha rovinato la giacca la scorsa volta, a parte te, vandalo del cazzo, vi amo e vi rispetto, fan sudcoreani, specie quelli che hanno comprato il mio disco e le mie magliette ai concerti") e per un elogio al nostro paese. "Ci hanno detto che rubi i cuscini dagli alberghi, così il nostro astronauta ti ha portato un cuscino", ha detto il conduttore. "Chi ti dice queste cose? Non è vero", ha replicato Noel, "ma se è un cuscino è bello lo prendo, sì. Non si può andare in tour senza un buon cuscino, specialmente in America, dove sono i cuscini terribili. Sai quale paese ha i migliori cuscini del mondo? L'Italia. Sono stato in tour dappertutto nel mondo e ho rubato più cuscini dagli alberghi italiani".

"Se partecipassi ad un karaoke canterei ... ? Qualcosa degli U2, forse".
"Se rinascessi vorrei essere ... ? Un astronauta o uno dei miei figli, perché davanti a loro hanno una bella vita. Uno ha sette anni e l'altro ne ha quattro ed è come un bulldozer, è un duro".

"Cosa odio? I ritardatari, li odio fottutamente. E odio anche gli anticipatari. Ho un amico che è famoso per questo motivo. Se usciamo mi dice: 'Ci vediamo a casa tua. Quando? Alle 7? Sarò lì alle 6 e mezza'. Perché non vieni alle 7? Non fare ritardo ma neanche anticipo. Semmai alle 7 meno un quarto ... L'unica persona cui concederei di essere in ritardo è mia moglie".

"Le cinque canzoni che vorrei al mio funerale? Ehm ... Starway to Heaven ... Sento che morirò all'improvviso, quindi non avrò la possibilità di ... sarà forse mia moglie ad organizzare il mio funerale".

"Meglio la vita prima del matrimonio o dopo il matrimonio? Be', sto con Sara da quindici anni, ma siamo sposati solo da tre anni. La vita prima del matrimonio è stata eccezionale, ma quella da sposato è in molti modi migliore".

"La chiave per essere felici? Essere felici. E la chiave per essere felici è, come sappiamo tutti, comprare i miei dischi. Anche il solo pensiero di fare questo ha reso tutti voi felici".

"La cosa grandiosa  di fare il solista è che non so dove stia andando e musicalmente questa è una cosa fantastica".

"Come voglio essere ricordato? Come me. Vorrei essere ricordato e basta. Quello mi basterebbe. Non mi importa nemmeno di come la gente mi ricorderà, perché onestamente le opinioni di ognuno sarebbero tutte in qualche modo valide, quindi ciò che conta è che io sia ricordato".

"I miei figli amano PSY (il rapper noto per Gangnam Style, ndr). I miei figli erano ossessionati da quella canzone, la amano. Quando hanno saputo che sarei andato in Corea del Sud mi hanno detto: 'No! Devi incontrarlo!'. E io: 'Forse no' ...".

oasisnotizie


venerdì 17 aprile 2015

Roberto Mancini: "Liam Gallagher mi ha baciato in bocca quando il Manchester City ha vinto il titolo"

L'allenatore dell'Inter Roberto Mancini ha parlato anche del suo passato come tecnico del Manchester City ai microfoni di E poi c'è Cattelan, trasmissione in onda su Sky Uno. L'ex tecnico dei Citizen ha raccontato un simpatico aneddoto. "Vincere la Premier ha cambiato la storia del City - ha detto - Basti pensare che quando ero nel mio ufficio, dopo la partita decisiva, è entrato Liam Gallagher degli Oasis, grande tifoso del City, e mi ha baciato in bocca. Non ho avuto il tempo di reagire".

Video a breve.

mercoledì 15 aprile 2015

Noel Gallagher: "Dagli anni con gli Oasis ho imparato come non comportarmi durante il tour. Un tizio mi ha scritto che è stato motivato dal nostro spirito degli esordi"

Noel Gallagher ha ammesso di aver appreso dagli anni con gli Oasis come non comportarsi durante i tour e adesso, da solista, sta mettendo in pratica quegli insegnamenti. 

Lo ha dichiarato lo stesso cantautore in una lunga intervista ad Absolute Radio registrata il 30 marzo alla Rivoli Ballroom di Londra, caricata su YouTube in questi giorni dal canale della radio britannica. Ve ne parlammo qui.

"Tutte le cose che avremmo dovuto evitare con gli Oasis adesso posso evitarle e mantenere, invece, tutte le buone cose e in qualche modo trasportarle in quello che faccio ora", ha detto Noel, intervistato prima del concerto di un'ora riservato a pochi fortunati vincitori di un contest indetto dalla radio. 

"Una delle cose di cui soffrivano gli Oasis", spiega, "era che dovevi essere sempre lì pronto, sul pezzo alle 9 ogni sera. Significa che non si può più stare in piedi a cantare a gran voce canzoni dei Beatles alle 5 del mattino. Non si può. Come dici? È stato fantastico? Certo che è stato fantastico, ma puoi farlo quando hai 25 anni. A 47 anni non lo posso fare".

Alla domanda se si rivede o risente in qualcosa o in qualcuno nella musica di oggi, Noel ha risposto: "Dieci anni fa ci fu l'esplosione dei Kasabian, degli Arctic Monkeys, dei Libertines e dei Razorlight. Non è che lo vedessi io il riferimento, erano loro stessi molto schietti nel citare Definitely Maybe e tutto il resto. Da allora ... questa cosa mi fa un po' piangere il cuore: quando ho conosciuto Jake Bugg, che ha sedici anni (in realtà ne ha 21, ndr) e scrive canzoni nella sua stanza da letto, cioè come facevo io allora, pensavo: 'Non è male!'. Poi pubblica il suo album e scopri che metà non l'ha scritto da solo ... però è un grande tipo, sai, sono andato in tour con lui e sono suo fan".

Noel ravvisa delle differenze sostanziali tra la scena musicale degli anni Novanta e quella attuale. "L'altro giorno parlavo degli anni Novanta. La principale differenza tra allora e adesso", rileva, "è che allora c'erano solo band, oggi solo artisti solisti. Oggi lo stato delle cose è terribile. Non sento più molta gente che mi citi come artista che esercita una grande influenza su di loro, non che la cosa mi secchi particolarmente ...". 

"Un pomeriggio", racconta poi Noel, "me ne stavo per i fatti miei e dall'ufficio mi danno un DVD mandato da Kevin Bridges, un comico di Glasgow di cui non avevo mai sentito parlare. In una lettera mi diceva che era stato spinto a diventare qualcuno mentre era seduto a casa e stava vedendo un'intervista in cui uno di noi Oasis diceva: 'Qualunque cosa tu voglia essere, fallo', indicando lo spettatore con il dito rivolto allo schermo. Nel suo DVD mi ha anche inserito nei ringraziamenti e da allora siamo diventati amici, è un comico eccezionale. È stato influenzato dal nostro spirito, lo spirito dell''Alza il culo e fai qualcosa!' ...". 

oasisnotizie

domenica 12 aprile 2015

Video integrale: Noel Gallagher intervistato da Fox Sports Italia. L'ex Oasis definisce sciocchi Mourinho e Cristiano Ronaldo

In questo video l'intervista integrale di Fox Sports Italia, canale disponibile su Sky, a Noel Gallagher, registrata a Milano il 14 marzo in occasione del suo concerto al Fabrique. 

Noel parla di Manchester City, Mourinho, Cristiano Ronaldo, Messi, Pellegrini, Guardiola, Ancelotti, Balotelli e alla domanda su quale squadra italiana preferisca dice: "Temo di dover rispondere Juventus, perché altrimenti ..." e mima il gesto della pistola alla tempia.  LEGGI ANCHE QUI.

Recorded and uploaded by frjdoasis Dailymotion channel. 
Thanks to Vera Spadini via Twitter for the heads up.



Diario di Noel Gallagher Vol. 3 post 9: "Ai concerti questi giapponesi sono silenziosi!"


Tales From The Middle Of Nowhere Vol 3: The Good, The Bad And The Bubbly
Racconti dal Bel Mezzo del Nulla Vol. 3: Il Buono, Il Brutto e Il Frizzante


Allora ... le danze si sono aperte. Mi attendono due settimane di pura pena ... Sarò inseguito in stazioni e sale d'albergo per lo più da ragazze al grido di: "Per favore autografa, per favore autografa!"

Aggiungiamoci l'inevitabile stranezza complessiva e bingo, eccovi un tour giapponese!

Prima fermata, Osaka. Ho fatto un "domande e risposte" con alcuni membri di un mio fan club ... adeguatamente complicato. Tra le altre cose mi hanno fatto domande sul matrimonio, sul ruolo di genitore, su Sir David Gilmour, su Sir Jeffrey Beck, sugli animali domestici, sugli Oasis (ovviamente), sullo stato della musica in generale e può darsi ci siano state anche alcune domande sul mio nuovo album!!

Le prime due serate sono state molto strane. Vengo qui in Giappone da oltre 20 anni buoni ormai e posso tranquillamente dire che è stato il concerto più bizzarro che abbia MAI fatto. Il pubblico è rimasto in silenzio tra le canzoni. Di solito sono calmi, ma questa folla era SILENZIOSA!! Nessun suono ... forse si sarebbe potuto sentire il mio cuore battere, so che avrei potuto! Sono stati pieni di elogi e tutto il resto, ma ...

La fermata successiva è stata a Hiroshima ... i concerti sono stati i più piacevoli.

Sto per partire, prendo il treno per Fukuoka.

Non ho nient'altro da dire ... oh, sta piovendo che Dio la manda!

GD.

10 aprile 2015

TUTTI I POST DEL DIARIO DI NOEL GALLAGHER - LEGGI QUI

TUTTE LE DATE DEL TOUR DI NOEL GALLAGHER CON LE PHOTOGALLERY - CLICCA QUI 

mercoledì 8 aprile 2015

Video: Dietro le quinte dei video degli Oasis - documentario doppiato in italiano da Sky Arte

Anche gli Oasis nella serie Video Killed the Radio Star di VH1. Nel video seguente potete vedere la puntata dedicata alla band di Manchester doppiata in italiano da Sky Arte.

Andato in onda in prima TV italiana nel dicembre 2014, il documentario, che abbiamo caricato su YouTube, svela i retroscena di quattro dei videoclip più famosi degli Oasis: Wonderwall, Don't Look Back In Anger, Champagne Supernova e The Importance of Being Idle. Trasmesso nel Regno Unito il 7 febbraio 2014, è stato registrato da Sky Arte HD oasisnotizie.

Video: Dietro le quinte dei video degli Oasis - documentario doppiato in italiano da Sky Arte. Interviste a Nigel Dick, Dawn Shadforth, Rhys Ifans, Noel Gallagher, Liam Gallagher, Andy Bell con aneddoti interessanti.

Diventa fan di oasisnotizie su Facebook.

Nota: La trasmissione durava in origine 22 minuti. Abbiamo rimosso parte dei videoclip perché in caso contrario, per motivi di copyright, il video non sarebbe stato visibile online.

GUARDA QUI IN ITALIANO Oasis - Definitely Maybe 1994-2004, il documentario realizzato per il decennale del disco d'esordio della band



La figlia di Kurt Cobain: "Preferisco gli Oasis ai Nirvana. Definitely Maybe mi ha cambiato la vita"

Source: Frances Bean Cobain: ‘I don’t really like Nirvana that much… I’m more into Oasis’

Frances Bean Cobain, figlia di Kurt Cobain e Courtney Love, è stata intervistata in occasione dell'uscita del documentario su suo padre diretto da Brett Morgen e intitolato Montage of Heck, che sarà nei cinema italiani solo il 28 e 29 aprile prossimi.

"Non è che i Nirvana mi piacciano tanto", ha detto in un'intervista a Rolling Stone. "Chiedo scusa ai promoter e alla Universal. Sono più appassionata di Mercury Rev, Oasis, Brian Jonestown Massacre. Quello per cui provo interesse non è la scena grunge, ma Territorial Pissings è una gran fottuta canzone. E Dumb ... piango ogni volta che la sento. È una versione nuda e cruda della percezione che Kurt aveva di sé, di sé sotto effetto di droghe, da sobrio, del suo sentirsi inadeguato ad essere definito la voce di una generazione".

Già qualche tempo fa, su Twitter, la 23enne aveva espresso il suo amore per gli Oasis. L'anno scorso (leggi qui) la ragazza twittò: "Definitely Maybe mi ha cambiato la vita". Un disco che, per stessa ammissione di Noel Gallagher, era nato in contrapposizione al nichilismo di alcuni testi dell'ex frontman dei Nirvana ("Odio me stesso e voglio morire").

"Rimpiango di non aver mai incontrato Kurt. Lui era mancino e gemelli come me. Lo presi come un segno premonitore. Sicuramente sarei andato d'accordo con lui se l'avessi incontrato, ma non l'ho mai fatto", ebbe a dire Noel nel 2011.


lunedì 6 aprile 2015

Diario di Noel Gallagher Vol. 3 post 8: "Corea del Sud, ti amo. Ogni giorno qui è il mio compleanno"


Tales From The Middle Of Nowhere Vol 3: The Good, The Bad And The Bubbly
Racconti dal Bel Mezzo del Nulla Vol. 3: Il Buono, Il Brutto e Il Frizzante


VIDEO: NOEL GALLAGHER INCAZZATO IN COREA DEL SUD, 2012 (sottotitoli ITA)



Allora ... Cosa sta succedendo? Niente di niente? Forse un bel niente, eh? Dunque, giungo in Corea ... Corea del Sud per essere precisi ... in realtà Seul per l'esattezza. AMO fottutamente quel posto e ci sono un po' di ragioni.

All'aeroporto, dopo un viaggio assolutamente non distensivo, mi ricevono un po' di fan ... a proposito, qualcuno ha visto il film BIRDMAN? Se no allora non ... non vi perdete molto.
Mi danno un regalo in una grande busta su cui c'era scritto: FUCKing AMAZing PRESent ... era un dipinto del nostro Liam ... proprio AMAZing!! 

Sono riuscito ad arrivare all'hotel appena prima di una tempesta elettrica di tuoni piuttosto spettacolare. C'era una vista eccezionale dal 32esimo piano ... bella roba!

L'ultima volta che ero stato quaggiù era il mio compleanno e i ragazzi spinsero davvero al massimo. Stavolta si sono superati ... Sembra che ogni giorno sia il mio compleanno a Seul!!

I concerti sono stati incredibili, non per qualcosa che abbia fatto io, potrei aggiungere, ma semplicemente perché quei fan sono veramente straordinari ... molto speciali ... apparentemente per lo più ragazze adolescenti (il che è bello). Non ho ben capito cosa abbia fatto per meritarlo ad un punto così avanzato della carriera, ma ... bella!

Le urla facevano un gran fottuto rumore. Avreste dovuto sentirle per crederci. Il moto sincronizzato delle mani che ondeggiano è psichedelico, il canto di accompagnamento mozza il fiato e, ciliegina sulla torta, accompagnavano con "la la la" tutti gli assoli di chitarra e le parti di ottoni. Per non parlare dell'intera folla che cantava Live Forever parola per parola, con intonazione perfetta, nel vuoto prima dell'encore!!!!! Avrei voluto che lo provaste voi, è veramente qualcosa di diverso. 

Allora, purtroppo partiamo la domenica di Pasqua. Ci dirigiamo verso il Giappone. Il volo della Korean Airlines impiega circa un'ora e mezza. In volo non è successo niente di niente. Il volo perfetto.

Arriviamo all'ufficio immigrazione e veniamo salutati da enormi cartelli che dicono: ISPEZIONI SPECIALI PER CONTRASTARE IL TERRORISMO ... Siamo lì in piedi per due ore nella stessa coda avanzando lentamente verso uno sportello che si trova letteralmente a 6 metri di distanza ... Il volo è durato un'ora e mezza! È stato violento. C'era una vecchia donna dall'aspetto hitleriano che gridava a caso: "Signore lei no saltare la coda!!!". Rivolta a nessuno in particolare, aggiungerei ... Mentre mi avvicino ad una persona che stava effettivamente raggiungendo l'altro lato, una hostess della Korean Air spunta fuori dal nulla con in mano qualcosa che ha l'aspetto di una tavoletta nera, cammina verso di me e me la mostra senza dire una parola. Non capisco bene cosa cazzo stia succedendo a questo punto. Sulla 'tavoletta' c'è un post it con su scritti alcuni numeri a caso ... K175-2c??? Mi guarda ... io la guardo ... C'è un lungo silenzio........??..........??...........??..........??
"Signore, è questo il numero del suo volo e il numero del suo posto a sedere?"
"Ehm..non lo so...KEV!!!???"(Kev è la mia guardia del corpo e sì, era il numero del mio volo e il numero del mio posto a sedere).
"L'ha lasciato sul sedile accanto al suo".
Era il mio cazzo di iPad che non mi ero neanche reso conto di aver perso e questa signora si era data la pena di riuscire, in qualche modo, dopo 2 ore aggiungerei, a trovarmi in mezzo ad una folla di turisti arrabbiati. Pensiamo che sarebbe andata così a Heathrow o in qualunque altro luogo del mondo occidentale? Oh, io penso di no, cazzo!!

Sudcoreani.
Siete incredibili.
I vostri regali sono fottutamente incredibili, sebbene un po' strani.
Il vostro entusiasmo per una canzone è straordinario. 
Il vostro moto sincronizzato delle mani che ondeggiano dovrebbe essere reso sport olimpico.
Le vostre hostess di volo sono angeliche fino all'estremo e la cura che ci mettete per la carne alla griglia è eccezionale ... (NON ditelo a Morrissey, io ve l'ho detto!).
Vi amo molto.

Al momento mi trovo nella grande città di Osaka ... piove a dirotto.

Tenete alto l'entusiasmo, eh?

A DOPO.

GD.

PS: oggi ascolterò per lo più OUTCAST degli ANIMALS ... andate a cercarla

TUTTI I POST DEL DIARIO DI NOEL GALLAGHER - LEGGI QUI

TUTTE LE DATE DEL TOUR DI NOEL GALLAGHER CON LE PHOTOGALLERY - CLICCA QUI 

venerdì 3 aprile 2015

Diario di Noel Gallagher Vol. 3 post 7: "Al mio concerto pieno di tizi vestiti Pretty Green. Fa i saldi, eh?"


Tales From The Middle Of Nowhere Vol 3: The Good, The Bad And The Bubbly
Racconti dal Bel Mezzo del Nulla Vol. 3: Il Buono, Il Brutto e Il Frizzante
  

Allora, non parliamo da quando stavo per tornare a Parigi per fare quella cosa in TV, giusto? Merda, sembra si tratti di un'altra epoca!! Quando è stato? Due settimane fa? Vediamo cosa ricordo ... 

La trasmissione TV è andata bene ... un po' strana ... uno show di cucina a quanto io ricordi, con un po' di celebrità francesi (suppongo fossero celebrità!) sedute lì a parlare non so di cosa mentre una celebrità francese (uno chef, di nuovo suppongo si trattasse di questo) cuoceva un po' di cibo. Penso di avervi già partecipato. Comunque vengo chiamato a sedermi con queste persone che mi parlano in francese di non so cosa cazzo e poi suono una canzone e poi andiamo tutti a casa. Ad un certo punto lo chef mi ha messo di fronte quello che potrei descrivere come un uovo bollito con in cima una fragolina! Non l'ho mangiato ... avrei dovuto mangiarlo? 

Proprio fuori dalla stazione di Parigi un fan mi ha dato un'opera d'arte che aveva fatto lui ... cosa adorabile ... C'era stampato sulla tela il testo sbagliato di The Dying of the Light!! 

Sono saltato sull'Eurostar per tornare a Bruxelles per un altro concerto in un posto chiamato Club 69 ... Il concerto era trasmesso in diretta radiofonica e alla fine spunta fuori che il Club 69 era solo uno studio situato al piano inferiore dello studio radiofonico. Perché si chiamava Club 69? Probabilmente perché era grande abbastanza per contenere 69 cazzo di persone! Era minuscolo ... Negli anni '90 avevo un bagno che poteva contenere almeno 75 persone!!! Bel concerto però. 

Ho preso il treno per Londra l'indomani mattina. È stato bello tornare a casa ... letto tuo, moglie tua, bimbi tuoi, gatto tuo etc. Sono stato a casa per una settimana esatta e in quella settimana sono riuscito a fare 2 concerti e un video!! Tutti eccellenti, che io ricordi (tranne il video ovviamente ... non il video in sé ... solo il fatto che ho dovuto comparirvi io!). 

Il primo concerto era in un posto di nome Rivoli Ballroom. Non ho idea di quale sia la zona di Londra in cui sorge. Non ero stato mai così a sud del fiume ... il paese dei fuorilegge era o è ... Sarà trasmesso un giorno su Absolute Radio. Dateci un ascolto. È stato piuttosto fottutamente bello, penso. Il pubblico era un po' strano. Ragazzi che sapevano di birra eleganti in quegli abiti Pretty Green ... molti di quella marca!! Ci devono essere dei saldi in corso, eh? 

L'altro concerto è stato alla Royal Albert Hall (miglior luogo di sempre!). Che serata!! Quel posto e quel pubblico non hanno MAI mancato di tirar fuori il meglio di me. Una serata davvero speciale. Sabato sera a Londra? Sì, per favore. Persino il soundcheck è stato fantastico. I miei due figli se la sono spassata con la batteria di Daddy Pigs e strillavano: "1,2,1,2!!" al mio microfono. Ha aperto il nostro concerto quella band di nome Future Islands ... Bene, QUEL tizio ha dei bei numeri!! Comportamento eccezionale! Mi è parso un pubblico più adulto, ma per me non meno entusiasta. Indubbiamente nella top 5 dei concerti del tour sinora ... ma per quanto quel concerto sia stato fantastico ... il fottuto after show?!?! Porca di una troia che serata!! Ci siamo distrutti sino alle 5 del mattino e a quel punto ci hanno chiesto di andare via. Un grandissimo impegno però. Non c'è bisogno di dire che i 2 giorni seguenti sono stati orribili. Ne è proprio valsa la pena però. 

Ora mi trovo nella grandiosa città di Seul in Corea del Sud, dove questa settimana lo farò per lo più in Gangnam style. Tenete alto l'entusiasmo, ok?

A PRESTO.

GD

PS: Se non l'avete ancora fatto, andate a sentire PINBALL di BRIAN PROTHEROE.

TUTTI I POST DEL DIARIO DI NOEL GALLAGHER - LEGGI QUI

TUTTE LE DATE DEL TOUR DI NOEL GALLAGHER CON LE PHOTOGALLERY - CLICCA QUI 


mercoledì 1 aprile 2015

Fine della battaglia legale tra Liam Gallagher e la madre della sua "figlia segreta"

Dopo due anni di battaglia legale è finalmente giunta a conclusione la disputa tra il noto cantante inglese Liam Gallagher, ex frontman di Oasis e Beady Eye, e la giornalista statunitense Liza Ghorbani, che da Liam ha avuto una "figlia segreta". L'intesa ufficiale è stata raggiunta il giorno prima dell'ennesima udienza fissata dal tribunale di Manhattan e per ora non sono stati diffusi i termini dell'accordo. A quanto trapela, Liam dovrà corrispondere alla giornalista circa 55mila euro all’anno e il contratto siglato tra le due parti include l’obbligo per la giornalista di non rivelare ai media alcun dettaglio circa la vita privata di Liam o la loro passata relazione extraconiugale.

"Sono sollevata che finalmente queste traversie siano finite, e lo sono per mia figlia", ha detto Liza Ghorbani, che ha apposto la propria firma sull'accordo giovedì mattina. Raoul Felder, avvocato di Liam a New York, aveva attribuito le lungaggini del processo a "quell'oceano tra le parti: Liza vive negli Stati Uniti, Liam a North London". Anche il giudice Laura Drager ha definito il patto "molto giusto e appropriato". 

Sembra dunque che sia stata messa la parola fine su un caso che aveva investito Liam nel luglio 2013, quando, proprio nel giorno dell'esibizione dei Beady Eye all'Ibiza Rocks, i media rilanciarono la notizia della causa intentata ai suoi danni da Liza Ghorbani, che aveva conosciuto Liam nel maggio 2010 in occasione di un'intervista a New York. A quanto pare i due avevano continuato a frequentarsi all'insaputa della moglie di Liam, Nicole Appleton, da cui Liam si è separato nell'aprile 2014 proprio in seguito all'esplosione dello scandalo legato alla relazione extraconiugale. Nel dicembre 2012 era nata Gemma, figlia dell'ex bad boy del Brit rock e di Liza, che avrebbero continuato a vedersi sino a marzo 2013. 

Stando a quanto riportano i tabloid, Liam aveva troncato la relazione dopo che Liza gli avrebbe detto che l'avrebbe denunciato perché non intendeva sostenere economicamente sua figlia. Tramite i suoi avvocati la donna aveva fatto causa al rocker, cui aveva chiesto 1,9 milioni di sterline per il mantenimento della piccola. L'ex Oasis, però, non sembrava per nulla disposto ad assecondare il volere della giornalista ed era stato più volte multato per non aver presenziato alle udienze convocate dal tribunale di New York, adducendo certificati medici che gli diagnosticavano uno stato di "depressione e ansia". 

A gennaio Danny Ghorbani, nonno di Liza, aveva detto a Page Six: "Da mia nipote è stata data più volte al signor Liam Gallagher l'opportunità di fare la cosa giusta. Ha avuto abbastanza tempo per farlo, ma deliberatamente non lo ha fatto. I suoi avvocati continuano a spargere disinformazione, accusando noi di non aver voluto l'accordo, quando sanno benissimo che sono loro a rimandare di continuo. Se, come afferma mendacemente il suo avvocato, Liam Gallagher avesse 'sempre accettato la responsabilità che deriva dall'essere padre' di Gemma, non si sarebbe giunti ad una causa. Il sistema giudiziario americano, che Gallagher elude e cui manca di rispetto, farà ora di tutto per garantire che Gallagher sia un padre responsabile per Gemma". 

Sempre a gennaio Felder, il legale di Liam, aveva detto: "Venerdì ero pronto a dire al giudice che l'accordo era stato raggiunto, ma una volta arrivato in tribunale ho constatato che non c'era alcun accordo con la controparte, che anzi, ci ha consegnato una lettera con nuove richieste. Il mio assistito ha corrisposto ogni somma dovuta e ha continuato a pagare anche più di quanto stabilito dal tribunale". 

La replica di Danny Ghorbani non si era fatta attendere: "La memoria inizia ad abbandonare il dottor Felder, dato che non fa menzione della lettera - di risposta alle loro ultime offerte - che Liza e il suo avvocato gli avevano consegnato il giovedì precedente al venerdì di cui parla. Non ci interessano i pagamenti minimi ordinati dal tribunale, ma ci interessa un sostegno economico commisurato alle possibilità di Gallagher". 

oasisnotizie - via pagesix.com


LinkWithin

Related Posts with Thumbnails