lunedì 29 aprile 2013

Ascolta ora il nuovo singolo dei Beady Eye, A Second Bite Of The Apple, e un pezzo del suo lato b

È stato diffuso stanotte il nuovo, atteso brano dei Beady Eye. Si tratta di A Second Bite Of The Apple, primo singolo estratto dal nuovo album, BE, in uscita il 10 giugno. Era scaricabile da stanotte su Amazon France e ha fatto rapidamente il giro del web.

Sarà possibile ascoltarlo anche stasera dalle 19 ora UK, le 20 in Italia, nella trasmissione Hottest Record In The World condotta da Zane Lowe su BBC Radio 1 dalle ore 19 (le 20 in Italia).

Sempre dalle 19 ora UK (le 20 in Italia) i Beady Eye saranno ospiti di Danielle Perry  su Xfm Radio.

Nel secondo video incorporato qui sotto possiamo ascoltare una versione quasi definitiva della b-side del singolo, Dreaming Of Some Space, versione ottenuta riproducendo al contrario una traccia trapelata nei giorni scorsi. In realtà è più probabile che il pezzo così ottenuto sia Start Anew, tratto sempre dal secondo album in uscita tra poco più di un mese.

VEDI ANCHE: Il ritorno dei Beady Eye futuristi e psichedelici. Liam Gallagher: "In una canzone lancio frecciatine a Noel"




TESTO

Shake my tree where's the apple for me
Tickle my feet with the NME
No point laughing if you don't know why
I'll fool my love just to hear her smile

The world is up if you're tough enough
The world is up if you're tough enough
The world is up if you're tough enough

Girl in the queue got her eye on you
Think you're in and she's looking for sin.
Yes you're not wrong
She wants to know what's in your pocket
Singin that song dig it all night long

The world is up if you're tough enough
The world is up if you're tough enough
The world is up if you're tough enough

Come on! Show what you love now
Come on! Show what you love now
Come on! Show what you love now

Shake my tree where's the apple for me
Tickle my feet with the NME
No point laughing if you don't know why
I'll fool my love just to hear her smile

The world is up if you're tough enough
The world is up if you're tough enough
The world is up if you're tough enough

Come on! Show what you love now

giovedì 25 aprile 2013

Liam Gallagher: "Reunion degli Oasis? Per 30 milioni di sterline. Morirò per la troppa passione per la musica"


Nell'intervista rilasciata alla rivista inglese Q, che in copertina mette i Beady Eye nelle vesti di astronauti, Liam Gallagher è tornato sull'argomento reunion degli Oasis.

"Ascolta, succederà quando succederà, ma non è un cazzo di gioco, è roba seria. Leggo molta gente che fa: 'Oh, è solo una presa in giro in modo tale da incassare più soldini quando faranno la loro reunion del cazzo!' ... Be', io sono sempre io, però, e lui è sempre lui. Non cambierò mica idea per un milione di sterline fottute. Forse la reunion la farei per 30 milioni di sterline!".

Per ora non se ne parla: il fratello Noel è reduce da un intenso anno e mezzo come solista seguito alla pubblicazione del suo primo lavoro con gli High Flying Birds e i Beady Eye stanno per pubblicare il loro secondo album, dal titolo BE. Il disco, dal sound diverso rispetto a quello d'esordio, esce il 10 giugno. Per la copertina di Q Liam ha perfino rinunciato al parka, divenuto in questi ultimi anni il segno distintivo del frontman, per indossare una tuta spaziale.

"Alla gente il primo disco non è piaciuto, quindi non potevamo rifarlo", rileva il 40enne leader della band, che ha ingaggiato un nuovo produttore, Dave Sitek. "Jumpin’ Jack Flash e roba alla Lennon: è roba che fa per me, potrei farla tutto il giorno, ma la gente non la vuole, quindi abbiamo dovuto fare qualcosa".

In studio il clima stavolta era diverso. Sitek e i Beady Eye hanno visto 2001: Odissea nello spazio in studio e si sono lasciati influenzare da sonorità per molti versi lontane dai modelli classici di Gallagher e compagni. Sitek aggiunge: "In studio la band ha anche bruciato delle foglie di salvia per scacciare gli spiriti maligni".

Liam fa anche un discorso sulla sua morte: "Non morirò di overdose né di fottuto alcolismo. Morirò per il fatto di vivere e respirare e per il fatto di far parte di una band. Non sarà perché ho pippato una striscia dalla testa di qualcuno o perché ho bevuto una stupida bevanda. Sarà perché ci sono dentro tanto. Morirò perché mi ci dedico troppo".

Prossima tappa di avvicinamento al 10 giugno dovrebbe essere il 29 aprile, indicato come possibile data di diffusione del prossimo singolo dopo il falso allarme del 15 aprile. Intanto sono trapelati due estratti di 30 secondi ciascuno.

1° estratto
2° estratto (è il primo riprodotto al contrario)

oasisnotizie



martedì 23 aprile 2013

Liam Gallagher ubriaco al pub cavalca un cane e non paga il conto

Giornata da eccessi alcolici degna dei ruggenti anni Novanta con gli Oasis per Liam Gallagher.

La fonte è il tabloid The Sun, quindi la notizia è da prendere con le molle, se non da considerare infondata. Ciononostante, vale la pena riferirla. Ieri pomeriggio al Ye Old White Bear, noto pub nella zona di Hampstead, a Londra, il 40enne frontman dei Beady Eye sarebbe stato protagonista di una vicenda dai contorni grotteschi.

Completamente ubriaco, avrebbe provato a cavalcare un cane nella zona esterna del locale infastidendo i clienti e si sarebbe poi allontanato dal pub senza saldare il conto da 300 sterline, lasciando la cameriera in lacrime. Il cantante si sarebbe seduto con alcuni amici a bere per tutto il pomeriggio whiskey, cola e svariate bottiglie di champagne da 47 sterline a bottiglia. A quel punto, dopo aver tracannato quasi quattro litri di alcolici, il cantante avrebbe cominciato a mostrare evidenti segni di squilibrio, fino all'epilogo buffo. Quando poi si è allontanato senza pagare il conto, il cantante è stato rincorso direttamente dal gestore del pub che ha in un secondo tempo minimizzato: "Dopo 300 sterline di alcolici è facile dimenticare di pagare. È stato molto felice di farlo non appena l'ho acchiappato".

Meno di due mesi fa Liam era stato protagonista di una vicenda simile e alcuni giorni dopo il Sun aveva parlato di un secondo episodio, scrivendo che Liam era stato nuovamente cacciato da un pub perché troppo ubriaco. Qualche ora dopo il pub aveva smentito seccamente le dicerie del tabloid.

Noel Gallagher: "Mi hanno detto che David Bowie ha pronto un nuovo album"

David Bowie pubblicherà un altro album. Lo dice Noel Gallagher. Il leggendario musicista, classe '47, ha pubblicato a marzo il suo ultimo disco in studio, The Next Day, e, stando a quanto afferma Gallagher, ha sufficiente materiale inedito dalle sessioni di registrazione per l'album da poter pubblicare un seguito, e probabilmente lo farà.

Gallagher ne è sicuro, tanto da averne parlato in un'intervista alla britannica Absolute Radio, in occasione di una trasmissione monografica sul Duca Bianco, Bowie Part 3 - Let's Dance to The Next Day (1980-2013). "Secondo le persone con cui ho parlato c'è un altro album in cantiere. Ci sono qualcosa come 29 canzoni", ha rivelato Noel. Tuttavia l'ex Oasis, che dal 2011 è attivo come solista con un collettivo di nome High Flying Birds, ammette di non sapere quando il disco potrebbe potrebbe essere pubblicato. "Non so quali siano i prossimi progetti di Bowie. Potrebbe scomparire per altri dieci anni, o potrebbe esserci un altro album. Potrebbe fare il più grande tour di tutti i tempi o potrebbe non suonare mai più dal vivo. Chi lo sa?".

L'ex Oasis ha anche elogiato The Next Day, la cui qualità lo ha fatto "barcollare". "Devo dire che sono rimasto letteralmente sbalordito da quanto è buono. Non credo nemmeno per un secondo che abbia buttato giù quelle canzoni in due anni. Suona come un disco che è stato in lavorazione per dieci anni. E se lo è, lo ammiro ancora di più. Sinceramente, metto Bowie alla pari con alcuni dei più grandi che ci siano mai stati, con Elvis, John Lennon ... lui è di quella classe".

The Next Day è il primo album in studio di Bowie dal 2003 e ha raggiunto il numero uno della classifica degli album più venduti nel Regno Unito. In Italia è nella classifica della Fimi (Federazione industria musicale italiana) da cinque settimane, dove a metà marzo ha esordito al secondo posto.

(lapresse.it)


Noel Gallagher: "Tanti rimpianti per il mio Manchester City: lo United ha meritato il titolo, ma noi glielo abbiamo regalato"

Non dev'essere stata una giornata facile quella di ieri per Noel Gallagher. L'odiato Man United ha conquistato, infatti, il 20° titolo inglese della sua storia vincendo nel posticipo di Premier League contro l'Aston Villa. In realtà era una vittoria già scritta da tempo, con il Man City mai in corsa per un trofeo che lo scorso anno aveva vinto dopo 44 anni di attesa in un finale al cardiopalma.

Nell'intervista rilasciata alla radio Talksport il 9 aprile, che trovate qui sotto, Noel si dice però contento che la sua squadra sia riuscita a vincere ad Old Trafford lunedì 8. La squadra di Mancini, ormai fuori dai giochi per lo scudetto inglese, si era tolta la soddisfazione di battere per 2-1 i concittadini nella loro tana. Una vittoria platonica, ma che aumenta i rimpianti per un'annata che poteva andare diversamente, sia in Europa che in ambito nazionale.

Qualche giorno prima Noel aveva detto: "Firmerei per la vittoria in FA Cup e per il secondo posto a nove lunghezze dallo United".

"Il campionato ormai è cosa fatta", commenta Noel, "ma ieri sera (l'8 aprile, ndr) abbiamo giocato alla grande. Abbiamo vinto una piccola battaglia, ma ovviamente la guerra è finita da tempo". 

"Se manderanno via Mancini? No, di sicuro avrà un'altra chance la prossima stagione. Oggi abbiamo giocato in modo eccezionale e fatto gol di classe, ma c'è una vena di tristezza: se avessimo giocato con quella intensità ogni settimana ora saremmo lì a giocarcela". 

"In questa stagione Sergio (Aguero, ndr) c'è stato e non c'è stato, lo abbiamo perso per molte partite. Abbiamo dominato il primo tempo e anche quando lo United ha segnato ho pensato che stavamo giocando bene. Il gol, poi, è stata una roba dell'altro mondo. Aguero è da elogiare perché rimane sempre in piedi. Anche l'anno scorso contro il QPR all'ultima giornata si sarebbe potuto buttare a terra per ottenere il rigore, invece restò in piedi e segnò. Il gol di Milner era in fuorigioco? Meglio ancora!". 

"La cosa significativa della vittoria di ieri è che siamo saliti a otto punti sopra il Chelsea, per cui il secondo posto ormai lo abbiamo blindato. Ora rilassiamoci e godiamoci la lotta salvezza e la FA Cup (il Man City è in finale e l'11 maggio a Wembley affronterà il Wigan, ndr)".

"Lo United ha 4 punti più di quanti ne aveva l'anno scorso di questi tempi, ma ha una ventina di punti in meno in generale. Balotelli l'anno scorso fece 15 gol, Aguero 30 e quest'anno solo 10 ... E poi quest'anno siamo stati scostanti. Loro hanno meritato questo titolo, ma noi glielo abbiamo regalato, abbiamo reso le cose facili per loro".

 "Tutti i miei amici tifosi del Man United mi dicono che questa è la peggiore squadra dello United degli ultimi vent'anni, quindi arrivare secondi dietro questa squadra è un po' una seccatura. La chiave, però, sono stati i nuovi acquisti, che per lo United hanno funzionato tutti: Van Persie, Kagawa, ... Il mercato ha sabotato la nostra squadra. Ci aspettavamo grandi cose anche dal Chelsea, perché abbiamo iniziato la stagione dicendoci 'Wow, sono meglio di quanto ci aspettassimo' e invece ... Penso comunque che la prossima stagione sarà interessante".

Elogi per l'ex fiorentino Nastasic: "In tre anni diventerà uno dei migliori difensori del mondo, è un incredibile talento".

oasisnotizie



venerdì 19 aprile 2013

Noel Gallagher: "Firmerei per vincere la FA Cup. Se vinciamo la Champions a Touré regalano un'isola, magari la Grecia"

L'ex Oasis parla di Manchester City, Di Canio, Touré, Tévez, Beckham

Intervenuto telefonicamente a Talksport lo scorso 5 aprile, Noel Gallagher, reduce da un "orribile raffreddore che ho odiato", ha detto la sua sulla vicenda Paolo Di Canio, il cui ingaggio come tecnico del Sunderland aveva causato le dimissioni di Milliband, in polemica con le idee politiche dell'italiano.   
AUDIO ALLA FINE DEL POST

"Di questa cosa delle idee politiche di Di Canio si parla da almeno cinque anni, è una notizia vecchia in realtà. Piuttosto fatico a capire cosa possa fare Paolo Di Canio per risollevare il Sunderland più di quanto non abbia fatto il suo predecessore Martin O'Neill, anche perché mancano solo 7 giornate alla fine del campionato e non ha nuovi giocatori a disposizione, non ha nulla di nuovo con cui lavorare rispetto allo scorso weekend".

"Fra l'altro O'Neill è uno che lo spogliatoio non l'ha mai 'perso', la gente lo ama sinceramente", ha detto il musicista, "ma dobbiamo ringraziare il Sunderland per averci messo, con questo ingaggio, un po' di pepe nel finale di stagione. Sembrava stessero sprofondando nel nulla. Dio esiste: saranno sette giornate fantastiche. I tizi della stampa avranno pensato: 'Wow, ora abbiamo storie da scrivere sui giornali per un mese intero'. La tempistica della decisione, però, è strana".

Poi Noel ha risposto ad un'altra domanda sull'acufene di cui è vittima da alcuni mesi (leggi qui). "Come va con l'acufene? Ti si è tolto il rumore dalle orecchie?", gli ha chiesto il conduttore Andy Goldstein, affiancato da Jason Cundy. "Sì, va un pochino meglio. Sono ancora lì tutte e due, una a destra e una a sinistra ...", ha detto Noel suscitando le risa dei due in studio.

A proposito dell'imminente derby con il Manchester United ad Old Trafford, poi vinto dal City per 2-1 (vittoria inutile ai fini del titolo, dato che lo United è da tempo in vantaggio di molti punti), Noel alla vigilia s'era detto fiducioso: "Credo che nella singola partita ciascuna delle due squadre sia in grado di asfaltare l'altra. Se riuscissimo a colmare un po' il distacco e a vincere la FA Cup saremmo tutti felici a questo punto".

"Se ad agosto a tutti noi tifosi del City avessi chiesto se questo scenario potesse soddisfarci, avremmo risposto di no, che volevamo la Champions eccetera. Per dove siamo adesso, però, se mi dici che finiremo secondi a nove punti di distanza dalla vetta e vinceremo la coppa metto la firma. La stagione non è stata fantastica, ma se mettiamo in bacheca un altro trofeo giocando come sappiamo credo sia soddisfacente".

Su David Beckham, che con il PSG ha giocato i quarti di finale di Champions League contro il Barcellona, Noel ha detto: "Credo abbia giocato bene, anche se i francesi gli danno un po' troppo addosso. Che pensavano? Di acquistare il Beckham del 1992? È un Beckham vecchio, ma per giocare i quarti di Champions ha giocato bene, non giocava così bene da un bel po'. Se penso che ci possa essere spazio per un suo ritorno in nazionale? Non credo. È meglio pensare al futuro e inserire qualche giovane nel suo ruolo. Ad essere onesto non penso che la risposta ai problemi della nazionale inglese sia Beckham".

Sul nuovo contratto firmato dalla colonna del City Yaya Touré, Noel ha scherzato: "Non ha avuto l'aumento di stipendio, però. Gli sceicchi sono un po' stretti di questi tempi. Se il City vincerà la Champions League forse a Touré regaleranno un'isoletta in qualche posto, probabilmente la Grecia, no? Come? Anche a Tévez? Povero Carlos. "

Battuta finale riservata a Carlos Tévez, condannato a 250 ore di servizi sociali, sei mesi di sospensione della patente e mille sterline di multa per essere stato sorpreso alla guida della sua vettura senza assicurazione e con la patente sospesa. Ecco il commento del musicista sulla vicenda: "Mille sterline quant'è? Una giornata di lavoro? Il fatto è che e mai questa cosa dovesse accelerare la sua partenza dall'Inghilterra lui penserebbe: '250 ore di queste cose o il Boca Juniors? Preferisco il Boca Juniors con la mia Ferrari. Mica mi fermo qui a pulire i bagni con questa gente ...' ".

oasisnotizie


martedì 16 aprile 2013

Copertina e lista tracce del nuovo album dei Beady Eye. Per la band tre date a giugno nel Regno Unito

I Beady Eye hanno reso note tramite il loro sito ufficiale la copertina (qui a lato) e la tracklist completa del loro nuovo album BE, comprese ben quattro tracce bonus, e hanno annunciato una serie di date in luoghi di piccola dimensione per giugno.

AGGIORNAMENTO: i CD sono andati soldout

La band comunica che sono stati prodotti 1500 esemplari di un CD autografato (limite di acquisto: uno per cliente) e che terrà tre concerti speciali a giugno per celebrare il lancio del secondo album. 

Ecco le date:

mercoledì 19 giugno 2013 - Manchester, Ritz
giovedì 20
giugno 2013 - Camden Centre, London
sabato 22
giugno 2013 - Glasgow, ABC

I fan che faranno preordine dell'album dal sito ufficiale prima della mezzanotte di lunedì 22 aprile 2013 riceveranno un unico codice pin Ticketmaster che consentirà loro di comprare i biglietti per questi concerti dalla loro messa in vendita, alle 9 ora UK di martedì 23 aprile 2013. I biglietti sono soggetti a limiti di disponibilità per ogni concerto e ai termini di servizio di Ticketmaster. Beadyeyemusic.com informa altresì che la disponibilità di un codice non garantisce la disponibilità di un biglietto né l'ingresso all'evento. Ogni transazione può riguardare al massimo due biglietti e i biglietti saranno consegnati a chi ne farà prima richiesta.

I biglietti saranno messi in vendita, per i possessori di codice pin Ticketmaster, martedì 23 aprile 2013 alle 9 ora UK. Il codice sarà comunicato via email, insieme ad un link Ticketmaster per l'accesso e l'acquisto.

La tracklist di BE è la seguente:

1. Flick of The Finger
2. Soul Love
3. Face The Crowd
4. Second Bite of The Apple
5. Soon Come Tomorrow
6. Iz Rite
7. I'm Just Saying
8. Don't Brother Me
9. Shine A Light
10. Ballroom Figured
11. Start Anew
12. Dreaming of Some Space
13. The World’s Not Set in Stone
14. Back After The Break
15. Off at The Next Exit
 

Intanto amara sorpresa ieri per i fan. Era attesa per ieri la prima trasmissione radiofonica del nuovo singolo dei Beady Eye, ma gli appassionati della band sono rimasti a bocca asciutta. 

Come scritto dalla rivista NME, che citava come fonti il management della band, ci si aspettava che BBC Radio 1 mandasse in onda ieri una canzone diversa dalla già nota Flick Of The Finger, sempre tratta dal nuovo album, BE, in uscita il 10 giugno. Zane Lowe, il conduttore della trasmissione nel corso della quale sarebbe dovuta saltare fuori la nuova canzone, ha smentito le voci tramite due post su Twitter. Nel primo diceva "Non so cosa abbiate sentito dire, ma non ci è stata data nessuna nuova canzone dei Beady Eye da far sentire questa sera", mentre nel secondo affermava: "OK, visto l'articolo di NME. Per una qualche ragione ora la data è il 29 aprile. Stasera intanto in trasmissione metterò Flick".

Come suggerito da qualche fan su alcuni forum, probabilmente la stazione radiofonica californiana KCRW che nella notte del 6 aprile aveva diffuso inaspettatamente Flick Of The Finger ha scombussolato i piani della casa discografica dei Beady Eye, che con tutta probabilità intendeva diffondere il singolo il 15 aprile, dopo averne diffuso le singole multitracks, ovvero le tracce singole che vanno a comporre poi la traccia finale (voce, batteria, chitarre, ecc.). Le multitracks sono state invece diffuse sul sito ufficiale nei giorni scorsi, dopo la diffusione della canzone completa.

Com'è noto, il 10 aprile i Beady Eye avevano raggiunto Accrington, villaggio del Lancashire, per registrare il video del loro nuovo singolo, si dice fosse A Second Bite Of The Apple. Tra le tante foto scattate con i fan sia in treno sia sul posto, spicca quella (qui a sinistra) mandataci da una ballerina e attrice, Alice Schofield, a questa pagina. A quanto afferma Alice, il nuovo video della band di Liam includerebbe musica Northern Soul. Staremo a vedere.



 

sabato 13 aprile 2013

Video sottotitolato: i Beady Eye parlano del loro secondo album in uscita a giugno

In questo video sottotitolato in italiano i Beady Eye sono intervistati da ShortList. La band parla del nuovo disco, in uscita il 10 giugno 2013, e Liam ribadisce la sua stima per Justin Bieber. Curioso lo sbadiglio di Liam mentre sta parlando Andy, al minuto 2:20.

 Clicca qui per leggere l'intervista completa.




giovedì 11 aprile 2013

Il ritorno dei Beady Eye futuristi e psichedelici. Liam Gallagher: "In una canzone lancio frecciatine a Noel"

BEADY EYE'S SECOND COMING

A due anni dal primo disco, la band di Liam Gallagher ci riprova con un nuovo album, BE, in uscita il 10 giugno. Stavolta con un nuovo produttore, un nuovo stile e una determinazione più forte che mai. Hamish MacBain di ShortList scopre come "il più folle bastardo con occhiali con montatura spessa dai tempi di mio nonno", il produttore Dave Sitek, ha trasformato Liam Gallagher e i Beady Eye da feticisti degli anni Sessanta a futuristi psichedelici. 


Come sempre, sono molte le cose per le quali Liam Gallagher è elettrizzato. L'abilità sempre maggiore del figlio Gene alla batteria (adesso fa parte di una band) e il fatto che il mese scorso Reni degli Stone Roses gli ha regalato un nuovo set di bacchette. C'è il grandioso servizio fotografico di oggi. Il nuovo bassista dei Beady Eye, l'ex Kasabian Jay Mehler, ha dato buca a causa di una varicella. "Il suo arrivo nei Beady Eye è come quello di Van Persie allo United", spiega Liam.
C'è l'ultimo singolo dei Suede ("Cazzo di pezzo! Alla scuola dove va mio figlio mi sono imbattuto in Brett. Non ho problemi con lui: mi lanciava attacchi e io lanciavo attacchi a lui, ma poi ti fai grande: almeno non abbraccio Damon Albarn né faccio fottuti concerti con lui"). Ci sono - sempre, comunque - gli Stone Roses, che ha visto a Dubai qualche settimana fa. E se i Palma Violets non lo elettrizzano - "Ho visto una foto in cui indossavano una strana camicia" - è ancora preso da Justin Bieber.

A marzo la 19enne popstar canadese si era presentata sul palco della O2 Arena di Londra con due ore di ritardo, suscitando le ire dei genitori degli adolescenti, che avevano accompagnato i figli al concerto, oltre a fischi e insulti. Ufficialmente si era parlato di "problemi tecnici", ma pare che Bieber si fosse svegliato in ritardo per poi chiudersi in camera a giocare con i videogame. Sull'episodio Noel Gallagher aveva detto: "È rock'n'roll fare due ore di ritardo prima di salire sul palco? Dipende da cosa ha fatto in quelle due ore. Ha sniffato cocaina con delle prostitute? Ha giocato a bridge? Non è molto rock 'n' roll, no? Il mio gatto sembra più rock 'n' roll di lui".

Liam non è dello stesso avviso: "Chiunque si presenti sul palco con due ore di ritardo secondo me ha ragione, cazzo", afferma convinto mentre il servizio fotografico volge al termine. "Tutte queste cosiddette rock band che si siedono nel backstage dicendo: 'Ehi, aspettiamo 15 minuti' ... vadano a fanculo. Aspetta 2 ore e 15 minuti! Ha spaccato i culi, cazzo, nessuno mai lo batterà! Quindi fuori dalle palle, lasciatelo in pace. Amico, sono un Belieber!".

Non divaghiamo. Liam e il resto della band - gli ugualmente entusiasti Gem Archer e Andy Bell e il più taciturno Chris Sharrock - sono eccitati dal loro nuovo brano, Flick Of The Finger, che quando leggerete questo articolo sarà già stato diffuso da qualche giorno. Il pezzo deriva da una vecchia demo di una canzone di Liam di nome Velvet Building. "Era su cassetta, quindi immagina quanto era vecchio il demo", dice Gem. Si tratta di un brano reso irrilevante dall'interruzione sul nascere della collaborazione con i Death In Vegas, che, com'è noto, avevano iniziato il lavoro di produzione del sesto album degli Oasis nel 2004, ma senza portarlo a compimento perché i risultati non erano soddisfacenti, fatto che aveva indotto la band a rinunciare al rapporto di collabroazione. La canzone, però, è stata completamente reinventata nella musica, con un'altisonante sessione di ottoni, e nel testo, con nuove parole di Andy e Gem. Lasciamo che siano loro a spiegare.

Andy: "Dovremo cominciare i concerti con questo pezzo. Dobbiamo! È un biglietto da visita".
Liam: "È incalzante, ti va dritto in faccia. È semplicemente folle. Per me è come uno tsunami che aspetta semplicemente di venire fottutamente da te e poi ti prende".
Gem: "È come Bruce Lee su una tavola da surf nel mezzo di uno tsunami".
Chris: "... con gli ottoni. Salvia da ardere".

Del pezzo colpisce pure il finale, in cui un brano parlato si intreccia con la musica. È una citazione di Jean-Paul Marat, rivoluzionario francese del Settecento, contenuta nel libro Street Fighting Years: An Autobiography Of The Sixties del saggista e romanziere pakistano Tariq Ali. Contiene questa frase: "le cui armi si sono rapidamente evolute per mano di scienziati servili e diventeranno più mortifere fino a che, con un semplice schiocco delle dita (flick of the finger, ndr), ridurranno un milione di voi in pezzi". La voce è quella del protagonista del programma TV britannico Fonejacker, l'iraniano Kayvan Novak.

Gem: "Dovevamo comunque registrarlo di nuovo. E per farlo è venuto a bordo Kayvan. Amo questo pezzo pesantemente verboso e che sia Fonejacker a farlo".
Liam: "Fonejacker è l'unico guest dell'album. E la prima cosa del nostro nuovo materiale che la gente sentirà sarà la sua voce che dice: 'Di' quello che credi'. Quindi è fortunato, lo stronzetto!".

Ora i Beady Eye sono felici ed entusiasti, ma un anno e mezzo fa non era così. Il loro album d'esordio, Different Gear, Still Speeding, pur essendo disco d'oro e avendo riscontrato numerosi pareri positivi, non aveva - a giudizio di Liam e compagni - fatto il botto in termini di vendite e apprezzamenti. "Alla fine della fiera", aveva spiegato a gennaio il 40enne frontman, "la gente non l'ha fottutamente comprato, non l'ha capito non ci si è connessa".
Liam racconta che, dopo che la band ha interrotto il contratto con il proprio management (lo stesso che si occupa di Noel), ha vissuto una fase difficile. "Gli ultimi concerti (quelli finali del tour del 2011, ndr) sono stati fottutamente dolorosi. In molti di questi passavo davvero dei momentacci. Voglio dire: noi eravamo fantastici, ma era semplicemente ...". Gem: "La situazione e la circostanza, amico. La gente diceva che non ce l'avremmo mai fatta ad arrivare alla fine del tour. Noi facevamo: 'Ce la faremo, cazzo!'.

Nel dicembre 2011 i Beady Eye ce l'avevano fatta a concludere il tour, ma sapevano che era tempo di rifare gruppo. Non avrebbero suonato di nuovo prima del giugno 2012 e comunque si sarebbe trattato non di un tour vero e proprio, ma di fare da supporter agli Stone Roses. Eppure nel giugno scorso la band è apparsa rivitalizzata, in parte per merito del nuovo management, in parte perché avevano leggermente sconfessato la decisione di non suonare canzoni degli Oasis. A Heaton Park, alla fine di giugno, la band ha proposto dal vivo Rock'N'Roll Star e Morning Glory, brani scritti da Noel Gallagher, ma, come si dice nello showbiz, resi famosi da Liam Gallagher. 
"Io la vedo così: bisogna dare alla gente qualcosa che valga il prezzo dei soldi spesi. Quaggiù i tempi sono difficili e se la gente vuole sentire un paio di canzoni fottute fa forse male a qualcuno? Non lo stiamo facendo per andare a suonare nelle arene e non lo stiamo facendo per abbandonare dei buchi di merda. E, sai, se la gente non vuole sentirle allora ... le faremo comunque!"

Andy: "A quel punto eravamo sicuramente pronti e avevamo già circa 12 canzoni nuove. Saremmo potuti andare in studio allora, ma abbiamo pensato: 'Scriviamo un altro po' di canzoni' ". 
Liam: "Sapevamo che per l'album successivo avremmo dovuto rivoltare le cose come un calzino. Non sapevamo come farlo, non sapevamo da cosa cominciare a farlo, quindi a quel punto abbiamo tutti avuto la sensazione che quello che dovevamo fare era scrivere delle buone canzoni. Avevamo, però, bisogno di un po' di fottuto aiuto. Il produttore dell'ultimo disco non aveva fatto le cose per bene e se l'era svignata. Il disco ha finito per mixarlo Gem e per quello che era è uscito fuori grandioso, ma avevamo bisogno di un grande produttore".

Liam lo definisce "il più folle bastardo con occhiali con montatura spessa dai tempi di mio nonno". È Dave Sitek, architetto del sound avventuroso dei TV On The Radio, la sua band, e produttore innovativo e progressista, come riconosciuto da riviste e critici. Tra i suoi lavori ricordiamo la produzione degli album di Brooklyn, band dell'avanguardia d'élite newyorchese quali gli Yeah Yeah Yeahs e i Liars e i suoi remix influenzati dal free jazz. Una volta fece un album di rock spaziale con Scarlett Johansson che cantava cover di Tom Waits. Quindi tutto meno che un produttore che ti saresti immaginato che collaborasse con una band che nell'ultimo disco aveva inserito una canzone di nome Beatles & Stones, che aveva il sound degli Who e dei Kinks.
Andy: "La gente dirà che lui viene da un mondo e noi da un altro, ma in realtà siamo piuttosto simili. Musicalmente ci siamo trovati d'accordo su molte cose: la roba che ci piace, la roba che suonavamo nella stanza per divertimento". 
Gem: "All'inizio è stato tipo: 'Perché vogliono me?', ma gli abbiamo mandato delle canzoni e lui ha fatto: 'Oh, lo capisco: vogliono andare in quella direzione'. E voleva fare del rock'n'roll alla sua maniera. Quindi è stato un atto di fede che ha funzionato".

Liam: "Lo amo: è un fuorilegge. Di sicuro non è venuto a Londra per vedere la regina, sai cosa intendo? È venuto per fare un buon disco. Quando la gente usa la parola 'sperimentazione' pensa che ci si debba sforzare fottutamente tanto, ma noi non ci siamo sforzati così tanto, amico. Abbiamo messo le cose in chiaro. Lui ci ha fatto: 'Non sono qui per far sì che i demo suonino meglio, sono qui per buttarli in aria e vedere cosa succede'. E l'ha fatto, ma la sperimentazione non è andata oltre quel punto. Non ce ne stavamo mica seduti lì a fare: 'Bene, dobbiamo fare più cose di questo tipo' o chissà cos'altro, perché tutte quelle merdate le trovo fottutamente faticose".

Quale che sia la procedura e il risultato, il sound è molto diverso rispetto ai primi Beady Eye. Le canzoni sono ancora spaccone e dirette, ma adesso ci sono molti strati di colore che imprimono ai pezzi delle svolte impreviste. E la voce di Liam è una rivelazione: è mixata secca, quasi senza alcun effetto, in modo da fartela sentire in fronte. "È così che suono a casa mia o sulla schiena di un cammello o dovunque", dice. "Sono stufo degli idioti che dicono che non so cantare. Si spera che ora me li toglierò dai piedi".  Gli occhi di Liam e Dave Sitek si sono incrociati per la prima volta agli State Of The Ark Studios di Richmond, nella zona di Londra, ed è stata subito intesa, aiutata dal fatto che nessuno dei due conosceva il pregresso musicale dell'altro. Da parte di Sitek non c'è stata neanche un po' della reverenza che ci si poteva attendere nei confronti di quattro quinti degli Oasis. Liam: "Non è stato tutto fottute rose e fiori, questo sicuramente. Abbiamo avuto dei battibecchi, di sicuro. Nessuna scazzottata, ma ci sono stati molti ...". 
Andy: "... strattonamenti. Noi abbiamo strattonato lui e lui ha strattonato noi".
C'è stato del materiale che voi avete portato e di fronte al quale lui ha detto: "No, grazie?".
Liam: "Sì, senza dubbio. E sai come vanno quelle cose. Fa: 'Non mi piace', e io, aggressivo: 'Bene, a me sì, cazzo'. E poi lui continua e fa 'un esperimento musicale' e tu fai: 'Hmm, non suona affatto male, in realtà. Per me può andare'. E c'erano altri pezzi dove facevamo: 'Stai perdendo la testa, dobbiamo tornare nella terra degli Hare Krishna' ".
Andy: "A volte abbiamo vinto, a volte abbiamo vinto, ma ogni volta per la singola canzone ha vinto la persona migliore".
Liam [con la voce da comico snob]: "Ragazzi, è il disco che ha vinto. Ha vinto la musica!".

Il disco, a proposito, si chiama BE. Liam voleva chiamarlo Universal Gleam, bagliore universale, ma "certe persone" (Chris) hanno messo il veto. Liam dice che con un titolo come quello che voleva lui "avresti potuto ritirare fuori la stronzata della coca, ma con questo (BE, ndr) non puoi dire molto. È così e basta".
"La mia teoria", aggiunge, "è che in copertina ci sarà BE e poi sul retro I-E-B-E-R". A questo punto si alza e intona a mo' di coro da stadio: " Biiiiieee-ber! Cazzo, il retro è così, amico!".
Come mai oggi insisti tanto con Justin Bieber?
"Non lo so, cazzo, no? È meglio che insistere sugli Strypes o uno di quegli stronzi là, no?".


Parliamo di una canzone tra tutte. Una ballata liamiana sparata nello spazio e supportata da sitar elettrico. Il titolo potresti leggerlo 'Don't Bother Me', ma in realtà è 'Don't Brother Me'. Perché chiamare una canzone Don't Brother Me?
Liam: "Be', Don't Sister Me, suona di merda, o no? Specialmente quando non hai una sorella".
Dovrebbe sapere, Liam, che la gente penserà subito al brother Noel come destinatario della canzone.
Liam: "Sì, sì, la gente ci ricamerà su, ma sono pronto. Quindi sì: parla di Our Kid (Noel, ndr)".

Sei pronto a continuare a rispondere a domande su Noel per il prossimo anno e per buona parte della tua vita futura?
Liam: "Ma la canzone è la canzone, amo la canzone più di quanto ami andare a parlare della canzone stessa. Avrei potuto provare a chiamarla in un altro modo, ma è quello. [Canta, ndr] 'Don't brooo-ther meee'. Ed è quello. È una canzone fottutamente adorabile. Amo la canzone. Non le cambierò il titolo per facilitarmi l'esistenza".
Alcuni dei versi - "Come on now, give peace a chance" ("Forza, adesso dai una possibilità alla pace"); "In the morning, I'll be calling, hoping that you’ll understand" ("Al mattino ti chiamerò, sperando che tu capisca") sembrano suggerire un ramoscello d'ulivo, come già avvenuto in Kill For A Dream, brano pubblicato nel precedente disco ("La vita è troppo corta per non perdonare / puoi serbare rancore, ma non ti lascerà vivere"). 
Liam: "Be', come mi ha detto Andy, è un po' contraddittorio. C'è molto amore e molto fottuto ...".
Un verso fa: "Sono stufo di tutte le tue menzogne/trame e dei tuoi pianti". 
Liam: "Sì, ma le menzogne, le trame e i pianti potrebbero non riferirsi a lui. Potrebbero riguardare qualcuno vicino a lui. O potrebbero riguardare me. Potrebbe essere lui quello stufo delle mie trame, delle mie menzogne e dei miei pianti. Comunque c'è molto amore nella canzone, ma ci sono anche un paio di frecciate, scherzose credo. Non c'è nulla di malvagio perché non è nella mia natura. Vorrei essere capace di scrivere una canzone malvagia. Se sapessi farlo, cazzo, lo sapresti bene, ma non ne sarei capace".
In che senso?
Liam: "Ahh, sto scherzandi, amico, ma non ci riuscirei. E un titolo come 'Tu, Tu sei uno Stronzo' suona merdoso come titolo, no? Inoltre lui l'ha già sentito prima. Tutti l'hanno sentito prima". 

Si inserisce Gem: "La vita non è in bianco e nero, no? Ci sono molte sfumature di grigio".
Liam: "Il miglior verso per me è 'Did you shoot your gun?' (Hai sparato con la tua pistola?) ".
Perché?
"Semplicemente penso che sia figo. Parla sempre di pistole, o no? If I Had A Gun ... Bene, poi hai fottutamente sparato?"
Gem: "Guarda, non l'ho capito neanche io".
Quindi il senso è quello, no?
Liam: "E c'è il verso 'You're always in the sun/With your Number One' (Sei sempre sotto il sole / con il tuo Numero Uno). Mi riferisco al tabloid The Sun, che scrive sempre delle cosette su di lui".
L'hai incontrato (Noel, ndr) per puro caso durante un party la sera della chiusura delle Olimpiadi (dove i Beady Eye si sono esibiti con Wonderwall, ndr), no?
Liam: "Sì, be' è stato lui ad imbattersi in me". 
Com'è andata?
Liam: "Tutto bene. Non ero proprio ubriaco fradicio, mi ero fatto soltanto ... quattro bottiglie di champagne".
Gem: "Sapevo che saremmo arrivati a questo".
Liam: "Penso di essere stato piuttosto piacevole, sai cosa intendo? Gli ho detto: 'Allora che cosa te ne pare della nostra performance, stronzo?'. E lui ha fatto: 'Uh, sì, andava bene'. Poi gli ho detto: 'Ho visto i tuoi amici lì, sono venuti a salutarci'. E lui ha fatto: 'Chi?'. E io: 'I Take That'. E lui: 'Urggh'. E basta, poi gli ho voltato le spalle e mi sono fatto un drink. Poi tutti mi hanno fatto: 'Hey, compare: parla con lui'. E io ho detto: 'No, mi voglio fare un cazzo di drink', e basta".
Hai detto che è stata una cosa relativamente figa?
Liam: "Be', non era Jerry Springer o Jeremy Kyle. Era più Montell".
Intendi dire che Montell è meno 'violenza tale da cavarsi gli occhi reciprocamente'?
Liam: "Montell è un figo della Madonna. Almeno sa di cosa parla. Sai cosa intendo? Non può essere che uno zotico dica ad un altro zotico di chiudere il becco, no? Montell è un cazzo di gran tipo: è passato da certe cose, le ha viste. E indossa polo con il colletto di fronte al pubblico di una performance dal vivo in studio".

Sembra un momento buono per abbandonare il discorso su Noel. I Beady Eye si siedono attorno ad un tavolo e discutono del videoclip. Gem mi mostra sul suo telefonino la copertina del disco, uno scatto tratto da una rivista degli anni Settanta di nome Nova, che, come dice Gem stesso, "non venderebbero mai da Tesco".
Andy parla di come nuove band quali Strypes e Temples suonerebbero curiosamente vecchio stile se paragonate al nuovo album dei Beady Eye. Il secondo album della band nata dalle ceneri degli Oasis è un'avventura in un territorio un po' più inesplorato, ma comunque "dispiacerebbe se non arrivasse al primo posto delle classifiche". Liam non vede l'ora di esibirsi di nuovo: "Abbiamo dei concerti interessanti in programma". Ci sono idee ovunque e la netta sensazione di una band rivitalizzata e rinvigorita, che guarda avanti.

I Beady Eye avevano bisogno di lanciare il dado e imprimere una svolta. Potrebbero essere davvero ripagati.

oasisnotizie - via Beady Eye interview on ShortList

LA TRACKLIST DI "BE"

Data di uscita: 10 giugno 2013

    01. Flick of The Finger
    02. Soul Love
    03. Face The Crowd
    04. Second Bite of The Apple
    05. Soon Come Tomorrow
    06. Iz Rite
    07. I'm Just Saying
    08. Don't Brother Me
    09. Shine A Light
    10. Ballroom Figured
    11. Start Anew

LE CANZONI NELLE PAROLE DI LIAM, ANDY E GEM

01. Flick of the Finger
Liam: "Quella da cui abbiamo dovuto cominciare. In questa sento un po' l'atmosfera di I Wanna Be Adored".
Andy: "Per me è un momento alla Gimme Shelter".

02. Soul Love

Liam: "È iniziata come una cosa alla Songbird, ma l'ho cambiata la sera prima che la registrassimo".

03. Face The Crowd
Liam: "Face The Crowd è una cazzo di ...".
Gem: "Una bomba".

04. A Second Bite of the Apple

Liam: "Questa è quella che Sitek ha modificato di più ... C'è molta più magia in questo album".

05. Soon Come Tomorrow

Andy: "Uno dei miei brani, una cosa più calma, più lenta"
Liam: "Bellissima canzone hendrixiana".

06. Iz Rite

Liam: "I Beatles in MI"

07. I'm Just Saying
Andy: "Se qualcuno ha desiderio di un po' di Oasis dell'epoca Morning Glory, questa è per loro".

08. Don't Brother Me
Liam: "È una cazzo di canzone bellissima e mi piace il titolo che ha. Non volevo cambiarlo".

09. Shine a Light
Andy: "L'intro l'abbiamo definita 'il pezzo alla Scarface': come un vecchio film in bianco e nero. Molto teatrale".

10. Ballroom Figured
Liam: "È un po' alla Marley per me: Redemption Song. Bellissima".

11. Start Anew
Andy: "Per me la canzone del disco che ha la migliore parte vocale. È epica: comincia come canzone acustica, poi finisce come Neil Young nello stadio del Boca Juniors a 35°C con i fuochi d'artificio in corso".

mercoledì 10 aprile 2013

Liam Gallagher svela i titoli delle nuove canzoni dei Beady Eye su Twitter, la band gira il video e incontra alcuni fan

Come trapelato ieri sera, stamane i Beady Eye si sono ritrovati nel Lancashire per girare il videoclip dei loro singolo Second Bite Of The Apple, che dovrebbe essere il secondo dopo quello che sarà diffuso il 15 aprile su BBC Radio durante lo show di Zane Lowe. Lo stesso Zane Lowe ha svelato ieri che Flick Of The Finger, la canzone diffusa online il 6 aprile da una radio statunitense, non è il singolo che sentiremo il 15 aprile.

Secondo alcune indiscrezioni, rilanciate dal tabloid The Sun e dalla rivista NME, il secondo album della band si intitola BE e uscirà il 10 giugno.

Il disco è, come detto da Liam a gennaio, sperimentale.  La band ha utilizzato nastri di musicassette, applicazioni per iPhone e campionatori per creare un sound che sembra discostarsi molto da quello del loro primo disco, anche perché stavolta c'è un nuovo produttore, Dave Sitek.

"Lavorare con Sitek ci ha aperto qualcosa", spiega Liam. "Senza dubbio è il miglior produttore con cui io abbia lavorato, un 'fuorilegge' diciamo: non se ne frega nulla delle regole. Ci siamo messi sotto, abbiamo scritto questo disco tenendo la testa chiara, non c'è stata nessuna di quelle merdate degli anni '90. Per noi è un disco speciale". 

Dave Sitek definisce il secondo album della band "un disco da trip". E aggiunge: "La forza dei brani è talmente grande che ci abbiamo giocato un po' su. È strumentazione da rock band, ma usata in modo diverso. La voce di Liam è incredibile. Ti basta accendere il microfono e fare: 'Suona come su disco!'. Non devi fare nient'altro con loro".

Per i Beady Eye si preannuncia un'estate ricca di impegni, tra la promozione del disco e la partecipazione ad alcuni festival già in programma: il V Festival e il T In The Park Festival nel Regno Unito, il Solidays Festival in Francia, il Summer Sonic in Giappone e il Pistoia Blues Festival in Italia.

Liam e compagni sono stati avvistati in treno. Il frontman ha posato con alcuni fan per delle foto di rito ed è apparso in ottima forma, con un nuovo taglio di capelli. In una foto è stato immortalato insieme all'ex calciatore Gaizka Mendieta (foto più in basso). Intanto nelle prime foto promozionali della band al completo inizia a comparire il nuovo membro Jay Mehler, ex chitarrista dei kasabian, che farà il bassista della band.

Su Twitter Liam ha svelato alcuni titoli di canzoni presenti sull'album (foto più in basso).

La band compare sulla copertina del nuovo numero della rivista Shortlist.




martedì 9 aprile 2013

Nuova offerta per Noel Gallagher: "Due milioni di sterline per fare da giudice ad X Factor"

Simon Cowell torna alla carica e propone nuovamente a Noel Gallagher di partecipare ad X Factor come giudice. Nonostante i ripetuti rifiuti del cantante, il talent show in onda su ITV non si arrende e per la sostituzione di Tulisa, che nei due anni trascorsi come giudice non avrebbe ben impressionato, starebbe pensando nuovamente all'ex chitarrista e compositore degli Oasis. 

Nell'ottobre 2011, intervistato da Jonathan Ross, Noel diceva che con il suo rifiuto a partecipare ad X Factor aveva deluso la figlia Anais, fan del programma. "Le dissi che non l'avrei fatto e lei mi gridò in faccia: 'Ma papà ... è X Factooooor!'. Credo che non me lo perdonerà mai".

Nel marzo successivo affermava: "Dire di sì ad X Factor?  Se mi danno un milione di sterline ci sto", salvo poi correggere il tiro.

Qualche mese dopo aveva detto di aver detto di no alle ripetute offerte di fare da giudice nella trasmissione perché "non voglio essere un personaggio televisivo. E poi ho abbastanza fan, grazie mille".

Secondo il tabloid The Sun l'offerta sarebbe di quelle da capogiro. La Ignition, che cura il management del musicista, avrebbe ricevuto un'offerta di ben 2 milioni di sterline per avere Noel in trasmissione. Cowell sarebbe determinato ad ingaggiare Noel Gallagher, che definisce "l'unico maschio di categoria A in grado di rimpiazzarmi da quando ho lasciato lo show nel 2010". Conoscenza musicale, schiettezza d'eloquio e umorismo tagliente: sono queste le tre doti che Cowell apprezza di Noel. E chissà che stavolta Noel non ceda.

oasisnotizie


domenica 7 aprile 2013

Noel Gallagher: "Non amo le canzoni che dicono che il mondo fa schifo. E vi racconto com'è nata Soldier Boys"

Il 31 marzo Noel Gallagher ha partecipato alla trasmissione radiofonica Rhyme & Reason, condotta su BBC Radio 4 dal poeta e DJ Mister Gee. L'ex Oasis ha spiegato qual è la sua visione del ruolo del cantautore e ha rivelato com'è nato il suo pezzo Soldier Boys & Jesus Freaks. AUDIO ALLA FINE DEL POST

"Non mi piacciono le canzoncine intimistiche con qualcuno che sussurra al microfono dicendo: 'La vita fa schifo'. Sai? 'E anche tu'. Preferisco che qualcuno urli al microfono: 'Wow! Il mondo è fantastico. E guarda che dimensioni che ha il sole!". 

"Quando ho cominciato a comporre testi musicali? Quasi subito. Ho un vago ricordo di quando scrissi una poesia a scuola", ha continuato Noel. "Le parole mi affascinano, ma non sono un avido lettore, non sono un avido collezionista di libri, ma li apprezzo davvero".

Poi Noel ha letto la poesia Beasley Street di John Cooper Clarke.

"Ho un vago ricordo di quando andaia a vedere i Lemn Sissay a Manchester, credo fossimo a metà degli anni '80, e di essere andato a sentire il poeta punk John Cooper Clarke da ragazzo. Credo che alla fine degli anni Settanta, prima dell'esplosione del punk, avresti fatto fatica a trovare qualcuno che aveva letto una poesia relativa a cose che avevano visto. Anche adesso, però, tutti si possono identificare con la poesia". 

"Tutti sanno cos'è Beasley Street, anche se Beasley Street non esiste. Ce n'è una vicino casa mia ... Come? Ho schivato questo proiettile, sì. C'è una Beasley Street dappertutto. Tutti ne conoscono l'immaginario. Per la prima volta fu una cosa che si connesse con i più giovani e non succedeva da molto. Beasley Street non è un'esclusiva delle persone che abitano nel settentrione, anche se l'ha scritta Clarke. Beasley Street è nella tua mente, capisci? E credo che questo valga per tutte le grandi poesie che sono state scritte: il fulcro è sempre chi le ascolta e basta. I grandi artisti sono questo".


Beasley Street
di John Cooper Clarke

Far from crazy pavements
The taste of silver spoons
A clinical arrangement
On a dirty afternoon

Where the fecal germs of Mr Freud
Are rendered obsolete
The legal term is null and void
In the case of Beasley Street

In the cheap seats where murder breeds
Somebody is out of breath
Sleep is a luxury they don't need
A sneak preview of death

Belladonna is your flower
Manslaughter your meat
Spend a year in a couple of hours
On the edge of Beasley Street

[...]

A proposito della canzone Soldier Boys & Jesus Freaks, inclusa nel suo primo album solista, Noel ha raccontato: "L'ho scritta in America mentre vedevo la TV che passava incessantemente immagini di guerre in corso. C'era la storia di un soldato che era stato ucciso e sua madre non riusciva ad accettarlo. Lui le aveva scritto una lettera che era arrivata, ma che lei non aveva mai aperto. Non l'aveva tolta dalla cassetta della posta. E c'è il verso che fa: 'Vanno in vacanza in paradiso'. È ispirato da questa donna, che disse: 'È andato in vacanza in paradiso. Andrò a vederlo presto'. Pensai: 'Oh, grazie mille. Questo me lo prendo!' ... si fa così, no?".

oasisnotizie



sabato 6 aprile 2013

Ascolta Flick Of The Finger, la nuova canzone dei Beady Eye

È stato diffusa stanotte una nuova canzone dei Beady Eye. Si intitola Flick Of The Finger ed è stata mandata in onda dalla radio statunitense KCRW e subito dopo caricata su SoundCloud e YouTube. Non si sa se si tratti del nuovo singolo, la cui diffusione è in programma per il 15 aprile su BBC Radio 1, di una album track o di una b-side. Eccola.



Flick Of The Finger

Woke up this morning, I was late, off out on the dark side,
With the moon and the room on the wrong side.
I took a needle, sewed myself right back at the seams,
I saw my universal gleam.

I see the wonder of life and look for the wall,
Taking a walk in the sun.
In time, in just a second like the ghost of a bad idea,
I feel myself getting the fear.

Come on, have we decided if we like being part of the plan.
It sends us shifting and there’s nowhere to land
It's on; it doesn't matter if all of these tickets are sold
And all the old stories are told
I know you’re gonna tell me that you hear every word I say
But the future gets written today; Yeah the future gets written today.

"Don’t be deceived when our revolution has been finally stamped out and pat you eternally on the shoulder and say that there’s no inequality worth speaking of and no more reason for fighting because if you believe them they will be completely in charge in their marble homes and granite banks from which they rob the people of the world under the pretense of bringing them culture. Watch out, for as soon as it pleases them they’ll send you out to protect their gold in wars whose weapons, rapidly developed by servile scientists, will become more and more deadly until they can with a flick of the finger tear a million of you to pieces." (J.P. Marat).


venerdì 5 aprile 2013

Beady Eye, il secondo album esce a giugno. Aggiornato il sito ufficiale della band


Alcune novità dal fronte Beady Eye. A pochi giorni dal lancio su BBC Radio 1 del primo, atteso singolo del nuovo album (15 aprile), il sito ufficiale della band è stato aggiornato. Compare la scritta "BE 06.2013", riferimento a giugno, mese di uscita del nuovo disco. Questo conferma quanto dichiarato da Andy Bell in modo ufficioso ad alcuni fan in un pub di Dublino durante una serata in cui faceva il DJ qualche settimana fa. Inoltre il logo della band ora utilizza un font diverso (forse l'Impact) e la GIF animata è una scritta "Recording" che si spegne, segno che si sono concluse le registrazioni. 

Il profilo Soundcloud della band ha subito qualche piccola modifica, in attesa di altri aggiornamenti.

La band ha completato il mastering del nuovo album in uno studio di Camden Town insieme a Karen Thompson, che ha dato notizia della messa a punto degli ultimi dettagli su Twitter.

Intanto Tom Meighan dei Kasabian è tornato sulla decisione dell'amico Jay Mehler, chitarrista statunitense, di lasciare la band di Leicester per diventare il nuovo bassista dei Beady Eye. 

In un'intervista per MTV News Tom ha detto: "Jay non aveva in programma molti concerti per quest'anno e ha bisogno di stare on the road. È come un fratello per me, lo ingaggiai per questa band nel 2006 e da allora me ne sono preso cura e mi mancherà. Gli voglio bene. Non c'è rancore. È entrato a far parte di una grandiosa rock band, i Beady Eye sono straordinari e a loro auguro il meglio".

oasisnotizie




mercoledì 3 aprile 2013

Video professionale: Noel Gallagher e Damon Albarn dal vivo + intervista a Noel e Graham Coxon

È stato diffuso oggi un video professionale della performance di Noel Gallagher, Damon Albarn, Graham Coxon e Paul Weller alla Royal Albert Hall di Londra. I quattro hanno suonato Tender, classico dei Blur, per l'associazione benefica Teenage Cancer Trust. Ecco il video e un dietro le quinte con interviste sottotitolate a Noel e Graham.







lunedì 1 aprile 2013

Foto: Liam Gallagher a Londra con tre bottiglie di champagne

Ecco alcune foto scattate ieri a Londra. Ritraggono Liam Gallagher all'uscita di un locale con in mano tre bottiglie di Ruinart Brut, in compagnia della moglie Nicole Appleton e della cognata Natalie.

Fonti: The Sun, The Daily Star





LinkWithin

Related Posts with Thumbnails