martedì 31 maggio 2011

Video dei Beady Eye live ad Amburgo

Ieri sera i Beady Eye sono tornati in Germania per un concerto ad Amburgo, al Große Freiheit. Ecco i primi due video della serata caricati su YouTube.





lunedì 30 maggio 2011

Liam Gallagher: "Addio agli Oasis. Con i Beady Eye oggi sono libero"

"In questo posto si sono dimenticati di costruire tetto e finestre". Liam Gallagher si aggira nei cunicoli che fanno da camerini all’Arena di Verona, dove è ospite dei Wind Music Awards con la sua nuova band, i Beady Eye: l’8 di giugno saranno dal vivo al Saschall. Nonostante l’afoso e appiccicoso pomeriggio veronese, veste un giubbottone da marinaio di panno pesante; il ciuffo che gli cade sulla fronte nasconde occhi blu profondo ed uno sguardo che smentisce la fama dell’ex Oasis: bizzoso, cattivo, così insolente da mandare su tutte le furie il fratello Noel e determinare lo scioglimento di una delle rock band inglesi più amate degli ultimi venti anni. Macché. Seduto su un divano, in mezzo a posticce statue egizie rimanenza di qualche vecchia Aida, Liam appare gentile, sorridente e curioso come un bambino eccitato dalla prestigiosa location. Un bambino che cerca l’immortalità attraverso la canzone.

L'album Different Gear, Still Speeding è l’opera prima di una band famosa ancora prima di essere nata. Questo ha condizionato il modo di lavorare suo e del gruppo?
"No. Per me è stato come ricominciare, scrivere un nuovo inizio. Certo, la cosa buona è che ci conosciamo tutti, lavoriamo da tempo insieme, praticamente siamo gli ultimo Oasis senza Noel e questo ha senza dubbio facilitato la lavorazione dell’album. D’altronde, saremmo stati troppo vecchi per scegliere nuovi musicisti".


La sua voce è diversa rispetto al passato. Sembra cresciuta, maturata, è più ariosa, non è più prigioniera di codici che sapevano di dèja vu.

"Non è stato un cambiamento volontario o studiato. Mi è venuta così, e credo che questo scarto dipenda dal fatto che stavolta non sono entrato in studio all’ultimo momento per cantare pezzi scritti da un’altra persona, ma ho seguito la lavorazione del disco fin dalla sua gestazione, c’è molta farina del mio sacco, e questo mi ha dato una maggiore consapevolezza. E poi la nostra musica non è solo fottuto rock chitarristico, non dobbiamo rispettare quella la percentuale di rock e di ballate che era alla base degli album degli Oasis, sennò il pubblico s’arrabbiava. Qui andiamo liberi. E ognuno dà il suo contributo".

Come scrive?
"In solitudine. Aspettando che siano la musica e le parole a cercarmi. Dannandomi sui testi soprattutto: sono la cosa più difficile. Per scrivere un pezzo ci metto anche dei mesi. Non è mai buona la prima".

Nelle canzoni di Different Gear, Still Speeding sembra tornare più volte un certo sentimento del tempo.
"C’è la voglia di eternità e la consapevolezza che non si può essere eterni, che prima o poi tutto questo finirà. Però ci saranno le tue canzoni a farti sopravvivere nel cuore della gente. Almeno spero. I pezzi dell’album arrivano tutti dal cuore: c’è una ricerca spirituale, un viaggio all’interno dell’anima".

Che rapporto ha con il passato?
"Se per passato intende gli Oasis, non rinnego niente. Ho voluto bene a quella band, e continuo a volergliene. E non sono cambiato. Lavorare con i Beady Eye è come avere avuto un figlio da un’altra moglie. Se invece intende la vita trascorsa, ne sono il prodotto, ma guardo avanti".
Molti hanno definito il vostro album "vintage".

"Mica mi offendo, anzi, ne sono felice. Gli anni Sessanta e Settanta sono stati il periodo migliore per il rock. Diciamo cose rivolte alla gente d’oggi con un suono che sa di passato".

Negli anni Novanta la sua città, Manchester, fu terreno di felice incontro tra rock e suoni elettronici, dance, con gruppi come Stone Roses e Happy Mondays. Lei però è sempre rimasto indenne da quel tipo di commistione.
"A me piacciono il rock fatto dalle chitarre. La mia voce su una base elettronica fa letteralmente schifo. Produce lo stesso effetto di un gelato farcito di patatine fritte".

Un pezzo dell’album s’intitola Beatles and Stones.

"Sono i due punti fermi della mia vita, due gruppi che ascolto ancora oggi, legandoli a miei modi d’essere: ci sono giorni in cui mi sento Beatle, altri in cui preferisco essere Stone. Il bello di queste due band che hanno avuto successo senza mai perdere di vista la qualità. Avrei voluto essere uno di loro. E mi piacerebbe che un giovane rocker, fra trent’anni, dicesse: avrei voluto essere un Beady Eye. Sto lavorando per questo. Per entrare nella storia. Oggi se ascolti le radio non senti più canzoni come quelle di quarant’anni fa, gli Who, i Kinks, quelle cose lì. Ma solo robaccia".


E a proposito di questo, lei non ha mai risparmiato critiche feroci sui gruppi di oggi. I Radiohead, ad esempio.
"L’ho detto e lo ripeto: King of Limbs fa schifo. Ma tanto è inutile: qualunque cosa faccia Thom Yorke, la critica lo premia con le cinque stelle".

Lei teme la critica?
"A me basta che la nostra musica piaccia alla gente, e che sia il risultato di ciò che vogliamo fare. Se poi la stampa ha qualcosa da ridire, faccia pure. S'ingegnino pure a trovare citazioni, rifarimenti, scopiazzature. La vita è troppo breve per fare roba che soddisfi i Soloni della musica".

Non ha mai nascosto la sua venerazione per John Lennon, fino a chiamare Lennon uno dei suoi figli. Cosa le piace di lui?
"Il naso. Scherzi a parte, adoro la sua voce: quando canta, quando parla, quando sussurra, quando grida. Mi piace il suo modo d’intendere la vita, la scrittura".

Ha mai avuto paura di finire vittima del fanatismo?
"L’unico mio terrore è morire dal ridere per il solletico. Una tortura bella e buona. Non credo che sulla faccia della terra ci sia una persona, una sola, disposta a spararmi. E poi John non è mica morto. Vivrà sempre finché ci sarà chi lo ricorderà, chi canterà le sue canzoni, chi gli renderà omaggio".

In effetti il primo singolo del vostro album, The Roller, sembra un plagio di Instant Karma.
"Macché. È un omaggio. Appunto".

A che punto è il film che sta producendo sulla Apple Corps, l’azienda dei Beatles che fu etichetta, casa di produzione di film, casa editrice?
"Non mi piace la parola produttore, non mi si confà. Ho semplicemente avuto un’idea: fare un film su questo aspetto dei Fab Four. E voglio che sia l’opera cinematografica più bella su di loro. Un monumento. Ovviamente".

30 maggio 2011

(firenze.repubblica.it)

Oggi nella storia degli Oasis

Il 30 maggio 2000 gli Oasis suonavano al Filaforum di Milano. La band era priva di Noel, come si può vedere in questo divertente video in cui Liam incita il pubblico a prendere il posto del fratello durante il ritornello di Acquiesce. Prove tecniche di Beady Eye con 10 anni di anticipo ...



Oggi nella storia degli Oasis

Il 30 maggio 2005 veniva pubblicato Don't Believe The Truth, il sesto album studio degli Oasis. L'album entrò direttamente al numero 1 dell UK Album Chart vendendo 238.000 copie nella prima settimana. Negli Stati Uniti raggiunse la posizione numero 12 della US Chart, il miglior piazzamento di un album della band di Manchester dai tempi di Be Here Now.

Beady Eye live al Jelling Musikfestival

È ripreso ieri sera il tour dei Beady Eye. La band si è esibita al Jelling Musikfestival, in Danimarca. Ecco un paio di scatti.

Liam ha presentato Kill For a Dream dicendo: "Questa si chiama Kill For A Dream e la dedico a me stesso".

Pare che Liam non abbia fatto una piega di fronte ad un cartello esposto da alcune fan con su scritto: "Noel ti amiamo".




Primo video dei Beady Eye sul palco di Verona

Come avevamo detto, i Beady Eye sono saliti venerdì sul palco dei Wind Music Awards all'Arena di Verona. La band ha eseguito due pezzi, The Roller e Millionaire, in playback. Ecco un video di The Roller (la qualità e scarsa perché girato con il cellulare). Il 7 giugno la performance dei Beady Eye saranno visibili su Italia1.



sabato 28 maggio 2011

Foto dei Beady Eye all'Arena di Verona

Come avevamo riferito nei giorni scorsi, ieri sera i Beady Eye si sono esibiti sul palco dei Wind Music Awards, all'Arena di Verona, come ospiti internazionali. La performance sarà mandata in onda a giugno da Italia1, non è ancora chiaro se il 7, il 14 o il 21 del mese. Per giugno è attesa anche la messa in onda di un'intervista radiofonica a RDS, registrata ieri.

Intanto sono state caricate su Internet le prime foto della serata. Clicca qui per vederle.




venerdì 27 maggio 2011

Liam Gallagher: "Sarò sempre gli Oasis, è nelle mie vene"

Intervista di Hannah Nathanson

Come hai celebrato la vittoria del Man City in FA Cup?
Oh, amico, è stato bello. Non prendevo un drink da cinque mesi e mi sono preso un piccolo drink quel giorno, poi sono tornato a celebrare a casa mia. Non abbiamo dato did matto o cos'altro, ma sono ancora in fermento. Avevamo aspettato tanto.

Noel ha ascoltato la musica della tua nuova band?
Sono sicuro che ha ascoltato. Non penso che abbia i Beady Eye nel suo iPod e forse non li sente ogni giorno, ma è un amante della musica e Different Gear, Still Speeding è un album eccezionale.

Ascolterai il suo nuovo album solista?
Assolutamente. Voglio vedere se è bello come quelli in cui ho cantato io.

Senti pressione perché vorresti rifuggire dall'eredità degli Oasis?
No, sarò sempre gli Oasis, è nelle mie vene. Non fuggirò mai da questo e non voglio fuggire, ma ormai non lo faccio più. Impazziresti se dovessi spiegare da te ogni volta che uno dice: "Sei degli Oasis?" È più facile dire soltanto: "Sì, sono io". Ora mi piace la stessa musica che mi piaceva allora. Non ho motivo per rifuggire da quello perché ne vado molto fiero.

Perché hai fondato una linea di abbigliamento?

Mi piacciono i vestiti, mi sono sempre piaciuti. Non mi definirei un fashion designer, però. Quando ho visto per la prima volta il nostro negozio a Carnaby Street ho pensato: "Questo è fottutamente cool, questo avrà successo". C'è molta storia lì, è il luogo dove gli Stones e gli Who compravano i loro vestiti.

OK, ma quanta parte delle cose è fatta da te?

Ogni tanto dico un po' la mia, ma c'è una grande squadra attorno a me. Trasmetto le mie idee e vengono ... estese.

Chi ha l'ultima parola su un capo di abbigliamento?

Lo provo io e se mi fa sentire bene e mi dà la carica allora è approvato, se no va nel cestino. Passo in rassegna tutto con molta attenzione.

Chi sceglieresti come ambasciatore del marchio?

Non c'è nessuno migliore di me. Non avrei problemi a mandare un po' di roba Pretty Green alla regina, però. Ha ancora un passo energico.

Perché il nome Pretty Green?
È una vecchia canzone dei Jam. Non l'avrei chiamata Liam Gallagher. L'abbiamo provato negli anni '90 con una collezione di scarpe ma è solo fottutamente stupido.

Gli altri membri dei Beady Eye la vestono?
Non c'è nessuna pistola puntata alla loro testa perché vestano Pretty Green, ma sembrano apprezzarla, il che è bello.

oasisnotizie - via London Evening Standard

giovedì 26 maggio 2011

I Vaccines: "Il nostro album è migliore di quello dei Beady Eye"


"Il nostro album è migliore di quello dei Beady Eye". Lo ha detto Justin Young dei Vaccines al mensile Rolling Stone. La dichiarazione segue alcuni commenti poco gradevoli di Liam all'indirizzo della band, risalenti ai mesi scorsi. Young ha aggiunto: "Be', campa su quello, no? Le parole sono le armi sue, non le mie. Penso che abbiamo fatto un disco migliore del suo".

mercoledì 25 maggio 2011

Liam Gallagher: "Il Manchester United sarà asfaltato dal Barcellona"

Liam Gallagher ha parlato con il sito della Football Association della finale di Champions League tra Manchester United e Barcellona e dei suoi momenti preferiti a Wembley.

youtube.com/frjdoasis3



Un anno fa i Beady Eye annunciavano il loro nome

Esattamente un anno fa la band nata dallo scioglimento degli Oasis annunciava il suo nome.

Il 25 maggio 2010 i Beady Eye lasciavano sul proprio sito ufficiale un messaggio in cui dicevano di essere al lavoro in studio sul loro modo di guardare il mondo. Insieme al messaggio c'era anche la prima fotografia della band.

Clicca qui per rileggere la notizia.

lunedì 23 maggio 2011

Liam Gallagher vuole Johnny Depp nel suo film sui Beatles

Liam Gallagher spera di coinvolgere Johnny Depp nel film sui Beatles di cui sta curando la produzione.

L'ex Oasis è, com'è noto, al lavoro per un film sulla Apple Corps basato sul libro di Richard DiLello The Longest Cocktail Party. In un'intervista alla rivista Q Liam ha detto che per il ruolo di Derek Taylor, per molto tempo l'addetto stampa dei Beatles, vedrebbe bene Johnny Depp.

Depp divenne amico dei fratelli Gallagher negli anni Novanta. L'attore, che all'epoca aveva una relazione con la modella Kate Moss, suonò anche la slide guitar per la canzone Fade In-Out, inserita nell'album degli Oasis Be Here Now, pubblicato nel 1997.

"La sceneggiatura è fatta. Sconvolgerà la testa alla gente, amico. Sto solo aspettando di capire quando sceglieremo gli attori. Voglio che Johnny Depp interpreti Derek Taylor, un gran tipo, lì alla pari con Lennon. C'è il nome di Johnny Depp scritto ovunque".

oasisnotizie

domenica 22 maggio 2011

Noel e Liam 37esimi nella classifica dei più ricchi del rock

Quando il Sunday Times ne sforna una delle sue, la curiosità ha sempre la meglio: la "lista d'oro" stavolta riguarda gli “Inarrivabili” del rock, che stravivono di musica, ricchissimi anche se non sappiamo quanto felici e contenti.

Noel and Liam Gallagher degli Oasis sono 37esimi con 63.000.000, una cifra che a detta dell'ex batterista Tony McCarroll i due dovrebbero utilizzare per risarcire le numerose autovetture distrutte nel loro passato di parcheggiatori.

(da L'Occidentale)

Liam Gallagher pizzica Noel: "È un gatto impaurito"

Liam Gallagher è stato intervistato venerdì da Xfm Radio. Il cantante ha parlato un po' della Pretty Green dicendo anche: "Non voglio forzare la gente. Non sto dicendo che è la migliore linea di abbigliamento nel fottuto mondo, è solo un'altra scelta. Lo faccio perché mi piacciono i vestiti, non per altre ragioni".

Liam non ha risparmiato frecciatine al fratello Noel, attaccandolo ancora per l'assenza alla finale di FA Cup di sabato scorso a Wembley, vinta dal Manchester City. Dopo ver detto scherzosamente di non aver bevuto per 5-6 mesi e di essersi ubriacato per i festeggiamenti, ha risposto ad una domanda sull'assenza di Noel dicendo: "È un gatto impaurito (equivale più o meno a "cagasotto", Scaredy Cat è anche il titolo di un noto cartone animato, ndr). Non ce la fa a stare con i veri fan. Era a Los Angeles, no? Con tutte quelle persone tipiche di Los Angeles. Specialmente quando è alla cazzo di radio ogni cazzo di weekend a parlare di calcio e non c'è. Poverino, l'amico. Sono sicuro che aveva cose più grandi da fare".

Poi Liam ha confermato quanto detto alle telecamere di MTV, cioè che il tour durerò sino al periodo di Natale e poi a febbraio la band tornerà in studio per registrare il nuovo album, "che speriamo esca la prossima estate". Liam ha aggiunto: "Non faremo le cose in fretta, ma neanche cazzeggeremo. Abbiamo le canzoni, siamo pronti per partire". oasisnotizie

Video by youtube.com/frjdoasis3

ASCOLTA LIAM GALLAGHER A XFM RADIO 20.05.2011




Noel a Talksport dice "Sono in riabilitazione" per dire che sta registrando l'album

Sabato Noel ha telefonato sabato 14 maggio a Talksport, trasmissione radiofonica in cui interviene spesso. L'audio è sotto questo post.

Noel ha detto che ha assistito alla partita del Manchester City, che quel giorno ha vinto la FA Cup (allo stadio c'era Liam, che ha accusato Noel di essere un "pappamolle" per non essere venuto allo stadio), dalla "common room" del centro di riabilitazione in cui dice di trovarsi ora, negli Stati Uniti. "Sono ancora in riabilitazione", ha spiegato. pare fosse un modo per dire che sta registrando il suo album d'esordio come solista. Ecco di cos'altro ha parlato - traduzione by oasisnotizie.

Noel ha affermato che "la vittoria del Manchester City non è mai stata in dubbio". Il musicista ha risposto alla domanda se si fosse emozionato o meno dicendo: "Non tanto quanto mi sono emozionato in semifinale. Ho dovuto contenermi perché l'ho vista con amici e loro mi guardavano in modo strano. Erano americani e vedendo un inglese in piedi a due metri dal televisore che grida "Yaya!" (Yaya Touré, ndr) non capirebbero cosa sta succedendo, capisci?".

Noel si è svegliato presto per vedere la partita, a causa del fuso orario. "La partita è iniziata quando qui erano le 7, quindi mi sono alzato alle 6 meno un quarto. Per colazione ho ordinato uno champagne, poi mi sono beato nella gloria di essere un mancuniano, è stato un grande giorno per Manchester, qualcosa che voi non capirete mai ... (si rivolgeva ai conduttori, ndr) I due trofei nazionali sono tornati nel luogo cui appartengono".

Noel non invidia il Manchester United. "No, perché la stagione finirà in modo distruttivo a Wembley". Noel vede favorito il Barcellona, anzi dice che per il Manchester United non ci sono speranze di conquistare la Champions League. "Anche se il Barcellona dovesse giocare al 70% delle proprie possibilità penso che per lo United non ci sia speranza di vincere. Detto questo, non si può mai dire, ma se il Barcellona gioca bene vince, fine della storia".

Il City doveva affrontare ancora lo Stoke e poi un'altra partita (poi vinta 3-0 il 17 maggio), ma - dice Noel - "la stagione è simbolicamente finita. Non che non possiamo vincere le restanti due partite, ma i giocatori sono mentalmente in vacanza". Noel non era fiducioso sul sorpasso del City sull'Arsenal, ma si sta sbagliando, visto che lunedì il sorpasso è avvenuto (anche se l'Arsenal deve ancora giocare).

Il chitarrista ha scherzato rispondendo alla domanda "È vero che eri molto vicino a chiamare il tuo figlioletto Carlos?". Noel ha replicato così: "Nella mia testa, prima di dire queste parole a mia moglie, si doveva chiamare Carlos Yaya ...". Il figlio Sonny è nato a ottobre.

Parole di elogio per Tévez. "Ha sollevato il trofeo", ha detto Noel, "ci ha portato in Champions League. Grazie mille, anche se dovessimo poi incassare 50 milioni di sterline per lui, sarà sempre un Dio assoluto per me. E David Silva forse è diventato il giocatore più importante. Ricordo che dicevano che non era adatto per la Premier League dopo la prima partita della stagione contro il Tottenham". Poi Noel ha scherzato sulla stazza di Emil Heskey dicendo "l'hanno assunto in cucina" rispondendo ad una domanda sul futuro dell'attaccante dell'Aston Villa.

Noel è tornato sullo scambio di accuse con Gary Neville. Il giocatore del Manchester United, acerrimo rivale del Manchester City, aveva citato un verso di una canzone degli Oasis, "Mentre viviamo i sogni che avevamo da bambini svaniscono", aggiungendo ironicamente "ma non se tifi United". Noel gli aveva risposto dicendo di volerlo "legare alla sedia", "tagliargli i baffi" e di volergli "cagare nel marsupio".
A Talksport è stato riletta la risposta di Noel, che lo stesso cantante ha definito "uno dei classici di tutti i tempi, ne vado orgoglioso". Noel conferma che è stato Rio Ferdinand a messaggiarlo chiedendogli cosa ne pensava dell'uscita di Neville.

Noel non ha intenzione di farsi un account Twitter. "Non c'è necessità che la gente sappia cosa stia facendo ogni quarto d'ora".

ASK NOEL

Quanto sei ubriaco? Ovviamente dopo la vittoria del City ... Hai fatto follie?
"No, non ho fatto follie, oggi ho lavorato. Andremo fuori a festeggiare quando torno".
A cosa stai lavorando?
"Sto lavorando sul mio atteggiamento".

Sarai più simpatico?
"Non so se sarò più simpatico, ma sarò più versatile".

Penso che ti finiranno i soldi prima di completare la cosa.
"Ti sorprenderebbe vedere quello che posso ottenere con la mia piccola mente, la mia piccola sporca mente".

Mike McBernie chiede: combatteresti con 4 papere o con 12 cavalli delle dimensioni di una papera?

"Mike McBernie sembra il nome di un sandwich di un fast food! Preferirei combattere con una grossa papera, così dopo la puoi mangiare, no?".

Se fosse una questione di vita o di morte e dovessi ammazzare un animale a mani nude, quale animale sceglieresti?
"Dipende da quale animale passerebbe per strada. Dovrebbe essere un pesce, così dopo lo puoi mangiare. Sbattendolo a terra. Lo farei con una scimmia. Come farei? Ascolta, so di cose riguardanti l'uccisione di scimmie a mani nude ... Mi hai sentito dire a bassa voce "uccidere una scimmia", no? Non c'è nessun altro più tenero di me nell'uccidere le scimmie ... ".

Chi vincerebbe una lotta tra Chuck Norris, Mr T e Joe Jordan?
"Joe Jordan".

Quando è stata l'ultima volta che hai indossato una tuta da ginnastica?
"Nei primi anni Novanta. Prima di essere famoso".

Certa gente a casa indossa i pantaloncini da calcio ...
"Quelli spesso sono degli idioti. Certa gente viene a casa mia e si toglie le scarpe prima di entrare. E io faccio: Ma perché ti togli le scarpe? Perché? Io ce le ho".

A casa tua indossi le scarpe?
"Sì, certo. Perché togliersi le scarpe?"

Perché mi si sporca il tappeto.
"Cosa? hai un tappeto?"

Sì, in salotto.
"Aspetta un attimo. Questo fa molto 1993".

Penso che si riferiscano a giocatori tedeschi. Preferisci Gibson o Rickenbacker? (In realtà si parla ovviamente di chitarre ...)
"Gibson".

Poi altre domande su cacciaviti Philips e altre questioni vitali ...

ASCOLTA NOEL GALLAGHER A TALKSPORT DEL 14 MAGGIO 2011



Noel Gallagher rimpiange l'epoca della Creation Records

Noel Gallagher rimpiange l'epoca della Creation Records, la storica etichetta fondata da Alan McGee, lo scopritore degli Oasis.

Il chitarrista ha detto: "La gente ora investe nel prodotto e la musica non è quello. Credo che se ora domandassi a qualunque band, a tutti piacerebbe molto tornare alla Creation, non perché non abbiamo controllo artistico, ma perché c'era una grande atmosfera per fare musica e parlare di cosa era possibile".

Molta gente che lavorava per la Creation, dismessa nel 2000, poi non si è divertita ricoprendo altri ruoli.

"Mi imbatto in una delle ragazze che lavoravano lì ogni tanto. Fanno la stessa cosa, ma per case discografiche che non amano, per band che non amano e in cui non credono. Ora hanno tutte un lavoro".

oasisnotizie - via music-news

sabato 21 maggio 2011

Video: Liam rivela: "Il secondo album dei Beady Eye esce nell'estate 2012"

In un'intervista concessa a MTV UK Liam gallagher ha parlato di Manchester City, di Pretty Green e di musica, confermando che il secondo album della band è in preparazione e che si tratta di un disco "da sballo", che "uscirà nell'estate 2012".

Ecco il video sottotitolato.



youtube.com/frjdoasis3

Video: Liam Gallagher parla della sua finale di FA Cup



youtube.com/frjdoasis3

venerdì 20 maggio 2011

Liam Gallagher inaugura il secondo Pretty Green store a Londra

Ieri a Covent Garden è stato inaugurato il secondo store Pretty Greenalla presenza di Liam Gallagher e Nicole Appleton. Ecco alcuni scatti. Liam posa con la FA Cup vinta dal suo Manchester City sabato scorso.




I Beady Eye live a Verona il 27 maggio, in tv e radio a giugno

Wonderwall ha il piacere di annunciare in anteprima che i Beady Eye saranno ospiti ai prossimi Wind Music Awards il 27 maggio 2011 che si terranno all’Arena di Verona. Liam & Co saranno sul palco dell’Arena di Verona come ospiti internazionali il venerdì 27 maggio (la serata di premiazione è divisa in due serate). L’evento sarà trasmesso da Radio RDS e da Italia 1 in differita (nei giorni 7 e 14 giugno 2011). La notizia sarà presto confermata ufficialmente.

Per chi volesse può comprare i biglietti delle serate su TicketOne.it

(thanks to Wonderwall - Oasis official fan club)

giovedì 19 maggio 2011

3 video: Liam Gallagher e i Beady Eye a Rock DeeJay, Liam vs. Tom Yorke

Video tratti dalla trasmissione Rock DeeJay, andati in onda su DeeJay TV verso la fine di aprile e in replica ai primi di maggio. Intervista ai Beady Eye (in due parti) e notizia riguardante Liam Gallagher e Tom Yorke dei Radiohead.

Videos by youtube.com/frjdoasis3







martedì 17 maggio 2011

Liam Gallagher in bici nel luogo che amava John Lennon

Come vi avevamo riferito, qualche giorno fa Liam Gallagher si è preso una minivacanza a Sandbanks, penisola del Dorset presso la città di Poole. Il frontman dei Beady Eye, giunto nell'esclusivo resort con la moglie Nicoel Appleton e i figli, è sceso dal traghetto con la bicicletta e si è goduto una pedalata in giro per Studland.

Il fotografo Mike Lavelle dice: "Ero lì a fare alcuni scatti al panorama e agli yacht quando l'ho visto che portava avanti la sua bicicletta. Qualcuno mi ha detto successivamente che anche John Lennon era stato fotografato mentre scendeva da lì. So che Liam idolatra Lennon e le sue opere, quindi a lui l'associazione potrebbe piacere". La foto del 1967 ritrae Lennon, il figlio Julian, allora 4 anni, e zia Mimi mentre scendono dal traghetto nello stesso punto in cui è sceso Liam. Due anni prima Lennon aveva acquistato un bungalow in Panorama Road per sua zia Mimi.

Liam e Nicole erano in compagnia di Natalie, sorella della Appleton, e del marito Liam Howlett dei Prodigy. Pare che durante la permanenza all'esclusivo Harbour Heights hotel Liam abbia girato per cercare casa nella zona.

oasisnotizie - via bournemouthecho.co.uk






lunedì 16 maggio 2011

Video: Liam si burla di Noel: "Assente a Wembley, è un pappamolle"

In questo video sottotitolato Liam Gallagher è intervistato da ESPN prima e dopo (in compagnia del figlio Gene) la finale di FA Cup di sabato vinta dal Manchester City a Wembley.



youtube.com/frjdoasis3

Video: Liam citato alla Domenica Sportiva

Servizio della Domenica Sportiva di ieri sulla finale di FA Cup di sabato vinta dal Manchester City. Si nomina anche Liam Gallagher.

Ieri Liam e Noel Gallagher sono stati citati ("I fondatori degli Oasis scatenati in tribuna") anche nell'articolo della Gazzetta dello Sport sulla finale, sebbene in realtà ci fosse solo Liam.



Video by youtube.com/frjdoasisfan

Omaggio ad Angelo Palombo con musica degli Oasis

Stefano, fan degli Oasis e tifoso della Sampdoria, ha creato questo video (che ci segnala) per omaggiare Angelo Palombo, capitano della squadra retrocessa in Serie B, ieri in lacrime davanti ai tifosi. Colonna sonora Stop Crying Your Heart Out. Enjoy.



domenica 15 maggio 2011

Oggi nella storia degli Oasis


Il 15 maggio 1996 gli Oasis divennero la band capace di vendere più biglietti nel minor tempo: 330.000 tagliandi per i grandi concerti a Knebworth Park e a Loch Lomond dell'agosto seguente andarono a ruba in sole nove ore. Le richieste di biglietti furono superiori ai 2,6 milioni, record britannico.

Video: Liam festeggia il City baciando Nicole a Wembley

Video by youtube.com/frjdoasisfan. Iscrivetevi al canale YouTube gemellato con frjdoasis3.



sabato 14 maggio 2011

Video di Liam che festeggia la vittoria del Manchester City in FA Cup

Oggi il Manchester City ha vinto la FA Cup battendo a Wembley lo Stoke City per 1-0. In tribuna anche Liam con i figli Gene e Lennon. In questo video registrato da Sky Sport le celebrazioni sulle note di Roll With It e Liam che esulta in tribuna. Poco dopo il frontman ha postato un messaggio su Twitter:

Where were you while we were getting high? LG

Video by youtube.com/frjdoasisfan




Continua la guerra tra Noel Gallagher e Gary Neville

Vi avevamo riferito di un Noel Gallagher arrabbiato con Gary Neville, calciatore del Manchester United, colpevole di aver pubblicato su Twitter un verso degli Oasis.

Oggi il Sun riporta un altro capitolo della guerra di parole tra i due.

La controreplica di Neville alla reazione stizzita di Noel non si è fatta attendere. Il difensore si era rivolto al collega Rio Ferdinand affinché inoltrasse a Noel questa domanda: "Non dovresti essere alle prese con la scrittura di un nuovo album, o la tua penna ha finito l'inchiostro?".

Gallagher avrebbe risposto: "La mia penna scrive oro. L'inchiostro è per i tatuaggi dei tuoi amici scemi". Neville: "Oro? Se aspetti un altro po' sarai su UK Gold" (canale che ripronone i classici della musica).

Noel avrebbe avuto l'ultima parola: "Il pensiero di te che canticchi le mie canzoni mentre ti pettini il baffo allo specchio mi fa venire voglia di prendermi un altro anno di pausa. Ma se prometti di non comprare una copia del mio disco quando uscirà allora mi dò una mossa".

Secondo alcune voci Noel avrebbe girato questa settimana il video del suo singolo d'esordio come solista.

oasisnotizie - via NME

L'accusa: "Liam Gallagher ha rubato in casa nostra"

Richard Madeley e Judy Finnigan, veterani della tv inglese, hanno rivelato che Liam Gallagher rubò nelle loro abitazioni, come riferisce il Daily Star

La coppia, marito e moglie, ha detto che il loro sospetto su Liam aleggia da molto tempo. I due l'hanno anche fatto sapere al cantante, che però ha risposto dicendo di essere "troppo fatto" per ricordarsene. 

L'episodio risale a metà anni Novanta: Madeley e Finnigan furono derubati alle 4 del mattino mentre dormivano. "Liam all'epoca faceva un po' di furti e viveva vicino a noi", ha detto Madeley.

venerdì 13 maggio 2011

Gli Oasis tifano City e le canzoni diventano scommesse

Il tifo sfegatato per il Manchester City non è mai stato un mistero: Liam e Noel Gallagher - ex leader degli Oasis - hanno sempre vantato la loro passione per i Citizens e domani potrebbero esultare se Mancini riuscisse a conquistare la Fa Cup contro lo Stoke. La coincidenza tra calcio e musica ha stuzzicato i bookmaker inglesi, che hanno aperto un ventaglio di scommesse legate alla partita ispirandosi ai titoli delle canzoni della band.

La scommessa "Wonderwall" (letteralmente "muro delle meraviglie") quota la possibilità che il portiere del City, Joe Hart, pari un rigore (offerta a 26,00); "Don’t look back in anger" ("non portare rancore") ipotizza l’espulsione di uno dei giocatori del Manchester (a 9,00). "Stop crying your heart out" ("smetti di piangere a dirotto") banca a 8,00 la possibilità che uno degli undici in campo venga ammonito per proteste e va sulla stessa scia "Roll with it" (che in questo caso può essere tradotto con "rotola con la palla") che offre a 11,00 l’ipotesi di un’ammonizione per simulazione.

Dovesse finire male per il City, si farebbe avanti "Slide away" ("scivola via"): il Manchester che passa in vantaggio ma che poi perde la coppa è in lavagna a 5,50.

Agipronews

Liam e Nicole in vacanza a Sandbanks

Liam Gallagher e le sorelle Appleton si sono presi qualche giorno di vacanza nella penisola di Sandbanks, a Poole, nel Dorset.

Nicole, moglie di Liam, e sua sorella Natalie sono state avvistate mentre facevano shopping in compagnia dei loro cani. L'ex Oasis ha prenotato all'hotel Harbour Heights, ad Haven Road, insieme alla moglie, a Natalie e a suo marito Liam Howlett, dei Prodigy.

Saranno gli Hacienda la band di supporto dei Beady Eye a Firenze

Saranno gli Hacienda, band fiorentina, a fare da gruppo spalla dei Beady Eye al Saschall di Firenze l'8 giugno. La band italiana si esibirà a Londra il 27 maggio.

In questo video si nominano anche gli Hacienda in una chiacchierata con i Beady Eye a Radio DeeJay.

>



giovedì 12 maggio 2011

Oggi nella storia degli Oasis: live all'Alcatraz di Milano per MTV

Il 12 maggio 2005 gli Oasis si esibivano all'Alcatraz di Milano. Il concerto, registrato dalle telecamere di MTV, sarebbe stato trasmesso il 27 maggio seguente insieme ad una piacevole intervista di Enrico Silvestrin a Noel e Gem.




mercoledì 11 maggio 2011

Noel Gallagher, minacce a Gary Neville

Che Noel Gallagher avesse un caratterino niente male l’avevamo capito da un po’. Nulla di strano quindi se ultimamente abbia aggredito verbalmente, a mezzo stampa, un tipino che di indole di certo non è mite, l’ex capitano del Manchester United Gary Neville. Il casus belli fra i due? Neville, reo di essere probabilmente fan degli Oasis, ha twittato il testo di Fade Away. Che i Gallagher nutrano una passione insana per l’altra squadra di Manchester, il City, era risaputo, quindi proprio per questo motivo Noel si è sentito il dovere di reclamare a modo suo il copyright su quel brano sporcato da Neville, una delle bandiere dello United dell’ultimo decennio.

“Mi sento violato”, ha risposto Noel sulle colonne del tabloid The Sun. “Se il signor Neville continua ad usare i sacri testi degli Oasis per comunicare con la massa cockney, sarò costretto a raggiungere Cheshire nel bel mezzo della notte, irrompere in casa sua, legarlo ad una sedia, fargli ascoltare tutto il Best of dei Simply Red mentre strappo i suoi baffi e li metto sui suoi capelli grigi (con i denti), libero quei poveri cd degli Oasis e cago nel suo marsupio. SEI STATO AVVISATO…”. Occhio Gary, Noel non scherza nulla….

(Rolling Stone Italia)

lunedì 9 maggio 2011

Noel Gallagher ha girato il video del primo singolo?

Noel Gallagher avrebbe già girato il video del suo singolo di debutto come solista, ancora senza titolo.

Secondo il cameraman Nito Serna le riprese si sarebbero tenute in California. Questo il messaggio lasciato su Twitter lo scorso finesettimana da Serna:

"Music video for Noel Gallagher out at Club Ed. Epic Camera, Technocrane… should be an interesting day".

Pochi giorni fa un falso account Twitter di Noel aveva rivelato le presunte date di uscita del singolo e dell'album dell'ex Oasis, affrettatosi a smentire tutto tramite il suo management.

domenica 8 maggio 2011

Liam Gallagher: "Mai più a Glastonbury"

Liam Gallagher dice no a Glastonbury. Il frontman dei Beady Eye ha detto al News of the World: "Non ci andrò mai più. Il suono è merda e molto tranquillo. E ora è come Bond Street con il fango, con un sacco di celebrità che se ne vanno in giro con i loro stivali e i loro ombrelli. Non mi piace".

Liam non è il primo Gallagher a criticare il famoso festival. Nel 2008 era stato il fratello Noel a definire "sbagliata" la presenza del rapper jay-Z come headliner.

Gli Oasis avevano suonato l'ultima volta a Glastonbury nel 2004.

oasisnotizie - via nme.com

sabato 7 maggio 2011

Video dei Beady Eye con Millionaire a Top of the Pops

Puntata trasmessa oggi su Rai Due, anche se l'esibizione dei Beady Eye con Millionaire è stata registrata il 28 marzo, come per The Roller.

Nel secondo video si dà notizia delle critiche di Liam alla statua di Michael Jackson.

Videos by youtube.com/frjdoasis3.





Video: i Beady Eye dal vivo al Japan Disaster Benefit gig

Dallo speciale sul Japan Disaster Benefit gig del 3 aprile 2011 alla Brixton Academy di Londra, trasmesso ieri alle 23 ora UK su Channel 4, ecco una parte dell'esibizione dei Beady Eye. Alla fine anche un estratto della sessione di registrazione di Across the Universe.



by birchy (TV rip), frjdoasis (YouTube upload)

giovedì 5 maggio 2011

Nuovo video: Beady Eye intervistati su DeeJay TV



youtube.com/frjdoasis3

Stasera in TV il Japan Benefit gig di aprile con i Beady Eye

Il 3 aprile i Beady Eye si esibirono alla Brixton Academy di Londra in occasione del Japan Disaster Benefit gig, l'evento benefico per sostenere i terremotati giapponesi. Insieme a loro sul palco sono saliti Coral, Graham Coxon, Paul Weller, Kelly Jones, Primal Scream e Richard Ashcroft.

Stasera (le 23 in UK, in Italia sarà mezzanotte) su Channel 4 saranno mandati in onda gli highlights del concerto in un programma di 50 minuti che contiene spezzoni delle performance di tutti gli artisti.

L'evento ha raccolto 163.262,87 sterline per la Croce Rossa.





Alan McGee: "Avrei dovuto smettere con gli Oasis dopo Knebworth"


Alan McGee, fondatore della Creation Records, scoprì gli Oasis in un locale di Glasgow nel maggio 1993. Oggi afferma che avrebbe dovuto ritirarsi dalla scena dopo i fantastici concerti degli Oasis a Knebworth, perché ormai "deluso" dal successo.

McGee, che ha lasciato il music business nel 2000, rimpiange la scelta di non aver chiuso con il mondo musicale quattro anni prima, dopo le due storiche serate in cui gli Oasis polverizzarono ogni record.

"Avremmo dovuto davvero smettere dopo Knebworth nel '96. L'ego è una cosa orribile, ma io ne ho uno. Ero proprio deluso: fosse dipeso da me, avrei fatto fare agli Oasis un concerto in Antartide".

mercoledì 4 maggio 2011

Voci: Noel Gallagher su Twitter e album a settembre 2011

EDIT: Con un post sulla sua pagina Facebook ufficiale il management degli Oasis ha smentito la voce.

Trapela qualcosa sul fronte Noel Gallagher. È di ieri la notizia della creazione dell'account NoelGDGallagher su Twitter, che alcuni sostengono sia l'account ufficiale di Noel.

Il primo a riportarlo è stato un fan degli Oasis sul forum di live4ever.us, ma la pagina non contiene ancora alcun post. Oggi era stato pubblicato un breve messaggio, che pare sia stato rimosso dopo poco tempo: "Annunciamo finalmente i dettagli dell'album solista di Noel. Data di pubblicazione del singolo: 22.08.2011. Data di pubblicazione dell'album: 12.09.2011".

Alcuni smentiscono seccamente che i tratti dell'account di Gallagher. Il sito brasiliano oasisnews, tramite la sua pagina Twitter, ha reso noto che "l'account NoelGDGallagher è falso. Noel non ha un account Twitter".

Per ora, quindi, solo voci, con tutta probabilità prive di fondamento.

martedì 3 maggio 2011

Oggi nella storia degli Oasis

Il 3 maggio 2009 gli Oasis si esibivano in un grande concerto all'Estadio Monumental di Buenos Aires, lo stadio del River Plate. Per vedere la band, impegnata nel tour di Dig Out Your Soul, accorsero 45.000 persone. Fu forse il concerto più bello tra i cinque fatti dalla band in quattro visite al paese sudamericano.

Uno dei momenti simbolo della serata furono le lacrime di Noel durante Don’t Look Back In Anger. Forse sentiva che sarebbe stato l'ultimo tour della band.







Miles Kane: "Noel Gallagher, che leggenda!"

Miles Kane ha elogiato Noel Gallagher per averlo aiutato nel suo disco d'esordio come solista, The Colour Of The Trap, che esce il 9 maggio.

L'ex Last Shadow Puppets ha parlato con NME il 30 aprile scorso, prima di suonare alla Camden Crawl, e ha spiegato: "Noel è venuto un pomeriggio mentre io facevo il mixing per prendere una tazza di caffè ed ha finito per registrare una parte cantata. È stato un pomeriggio bellissimo, che leggenda!".

L'ex Oasis ha collaborato con Kane per realizzare il brano My Fantasy.

I Beady Eye tornano a Belfast ad agosto

I Beady Eye comunicano che suoneranno nuovamente a Belfast il 20 agosto 2011 al Belsonic Festival. L'esibizine della band, il cui tour ha già fatto tappa in città all'Ulster Hall, sarà preceduta da quella dei Vaccines. Al festival parteciperanno, tra gli altri, anche Primal Scream e Elbow.

"Gli irlandesi sono sempre così pronti, si fanno prendere dalla cosa. È come se conoscessero qualcosa che nessun altro conosce. Ma non abbiamo mai fatto un festival a Belfast", ha detto Liam. "Era ora che facessi un concerto all'aperto in città. Lo si attendeva da tempo".

I biglietti sono acquistabili tramite Ticketmaster dalle 9 ora UK del 6 maggio.

lunedì 2 maggio 2011

Alan McGee era sul punto di non scritturare gli Oasis. Perché?

La leggenda della musica scozzese Alan McGee ha rivelato che era sul punto di non scritturare il supergruppo degli Oasis perché pensava che Liam Gallagher sembrasse troppo inaffidabile.

McGee, nativo di East Kilbride, è diventato famoso per aver scoperto la band dopo averla vista suonare per un set non retribuito al leggendario King Tut's di Glasgow nel 1993.

Ma ammette di aver pensato che l'arroganza e il look di Liam lo rendevano quasi simile ad una persona coinvolta in un delitto.

Alan, che sarà in Scozia la prossima settimana per la premiere del documentario della Creation Records Upside Down, ha ricordato: "Non avrei mai visto gli Oasis se non mi fossi confuso con le leggi di autorizzazione sbagliate e arrivai alle 20:30 perché mi aspettavo che il locale avrebbe chiuso presto".

"Era una domenica, cadeva in un week-end festivo e io ero lì a vedere la mia band, gli 18 Wheeler. Non c'era nessuna band quando sono arrivato. Liam Gallagher era seduto al bar con una tuta blu dell'Adidas. Sembrava un Paul Weller 18enne".

"Sono un po cinico. Ho pensato che fosse uno spacciatore di droga, ovviamente, perché sembrava tremendo e arrogante. Pensai: le stelle del rock'n'roll non stanno molto bene".

"Pensavo che il ragazzo calvo dietro di lui, che si rivelò essere Bonehead, doveva essere il cantante."

Così Alan quasi non si preoccupò di fare attenzione al breve set degli Oasis che lo avrebbe spinto ad offrire loro un contratto sul posto e che lo ha reso milionario.

Il pezzo grosso della musica, oggi in pensione, ricorda: "Avevo sentito che questi chiacchieroni mancuniani volevano salire sul palco. Era tutto quello che sapevo su di loro. Stavo bevendo un Jack Daniels quando mi fu detto che ci sarebbe stata una scazzottata con i mancuniani".

"Andai con mia sorella al piano di sopra per controllare che gli 18 Wheeler stessero bene. Poi venne Liam Gallagher sul palco. Mentre la performance di Liam andava avanti era abbastanza sommessa. Non stava andando alla grande.

"Se non altro, era Noel e il suo modo di suonare la chitarra che dominavano. Non sono nemmeno sicuro che sapessero che fossi in mezzo al pubblico".

Alan intravide il potenziale della band, anche se lui stesso ammette di non aver mai potuto prevedere i 50 milioni di vendite che ne seguirono.

Egli ha detto:"Il music business aveva già superato gli Oasis a quel punto. Avevano già fatto un concerto all'In The City di Manchester quell'anno. Noel e Liam avevano avuto un bisticcio sul palco, così nessuno si era preoccupato di verificare se avessero qualcosa di buono".

"Sei mesi più tardi avevo gli orari di apertura del King Tut's sbagliati e mi capitò di vederli suonare quattro canzoni a Glasgow. È come se dovesse andare così. È stato casuale.

"È stato un po' come andare alla fermata dell'autobus e scoprire Elvis Presley".

Alan ha aggiunto: "Ho pensato che fossero una buona band. Non sapevo che stessero per vendere così tanti dischi".

"Sapevo che fossero influenzati dagli Stone Roses e sono stato intelligente abbastanza da pensare che avrei potuto fare un po' di affari. Pensavamo che sarebbe andata bene se Definitely Maybe fosse diventato disco di platino. Abbiamo venduto sette milioni di copie".

Alan è tornato a Glasgow martedì per l'anteprima del film-documentario di Danny O'Connor al Glasgow Film Theatre (GFT). Il film traccia un profilo dell'etichetta Creation con le firme di Oasis, Primal Scream, Teenage Fanclub, My Bloody Valentine e molti altri.

Interviste fresche sono mescolate con filmati di concerti, tra cui quelli, grandiosi, degli Oasis a Knebworth. La proiezione alle 18:15 sarà seguita da un after-party al 02 ABC a Sauchiehall Street. La serata sarà caratterizzata da un live set di BMX Bandits, un dj set di Alan McGee e altri ospiti speciali.

Alan, oggi 50enne, ammette di aver snobbato la possibilità di avere una premiere del film a Londra. Ha detto: "Stiamo facendo la prima al GFT. Non è niente di personale contro Londra. Non mi dispiace fare il DJ lì, ma mi sento che Glasgow merita questo. È una storia scozzese, è una storia celtica, è una storia irlandese. Si tratta fondamentalmente di persone provenienti da Glasgow, Irlanda e Manchester".

"La mia famiglia è venuta qui dall'Irlanda 100 anni fa. I Gallagher sono irlandesi di prima generazione e i My Bloody Valentine sono irlandesi. È molto celtico".

"La parte più divertente del film è Manchester. I momenti chiave sono ovviamente quelli della crescita degli Oasis. Tutto quello che Noel Gallagher dice è genio comico. Quello che dice Bobby Gillespie è molto astuto".

"La storia principale ruota attorno alla venuta mia e di Bobby Gillespie a Londra perché Andrew Innes, con cui ero in una band, voleva diventare una pop star".

"I due fondarono i Primal Scream e io fondai un'etichetta discografica. Ero andato a Londra solo perché Andrew mi avrebbe sbattuto fuori dalla nostra band!".

Alan ha preso contatti con la BBC e con Channel 4 per ideare una fiction basata sul suo periodo alla Creation e su quelle dell'ex manager dei Sex Pistols Malcolm McLaren e dell'ex manager dei Rolling Stones Andrew Loog Oldham.

A precisa domanda Alan indica immediatamente le band che hanno definito la Creation.

Dice: "Gli Oasis, ovviamente, perché hanno definito gli anni '90, i Primal Scream perché hanno definito la Creation e la mia vita in molti modi e i Teenage Fanclub perché Norman Blake è un genio del pop".

"Poi ci sono i Jesus And Mary Chain perché hanno aiutato la Creation a decollare e i My Bloody Valentine perché sono ancora importanti e potrebbero fare da headliner in molti festival europei".

Nel frattempo McGee conferma quanto già affermatio negli ultimi mesi: a suo parere gli Oasis torneranno insieme.

"Credo che la divisione fosse nelle cose perché la nuova band di Liam, i Beady Eye, hanno fatto un disco molto migliore di quanto non gli riconosca nessuno. È molto orecchiabile. È un disco 'di buon umore' che vuoi sentire un sabato mattina".

"Ma non è il disco migliore che abbia fatto e farà mai. E avendo sentito i demo di Noel penso che il suo sarà il disco più importante da What's The Story. Ma Noel e Liam soffriranno entrambi quando pubblicheranno dischi perché non sono più gli Oasis".

"Stanno seguendo strade separate a questo punto. Da quando li conosco hanno sempre avuto brutti litigi".

"Non credo si possa scartare l'idea che in futuro vadano d'accordo e che qualcuno li paghi perché facciano un tour mondiale con gli Oasis. Sarei sconvolto se questo non accadesse".

"Credo che sia Liam che Noel avessero bisogno, creativamente, di andare a fare la loro cosa. Ci saranno probabilmente i fuochi d'artificio se torneranno insieme, ma condividono ancora lo stesso management e ad un certo punto diranno a loro: 'Ci sono 200 milioni di sterline. Andate a fare 100 concerti?".

oasisnotizie - thanks to Alessio


Oggi nella storia degli Oasis

Il 2 maggio 2000 gli Oasis si esibivano al David Letterman Show con I Can See a Liar, canzone tratta da Standing on the Shoulder of Giants, pubblicato due mesi prima.



domenica 1 maggio 2011

Oggi nella storia degli Oasis

Il 1° maggio 2000 gli Oasis si esibirono alla Radio City Music Hall di New York. Nel terzo video, quello di Wonderwall, Noel dedica la canzone agli "irlandesi ubriachi" presenti in sala. A supporto degli Oasis c'erano i Travis.

La band dei fratelli Gallagher si era esibita nello stesso luogo anche il 4 settembre 1996, quando aveva suonato Champagne Supernova agli MTV Video Music Awards.






Setlist

Go Let It Out
Who Feels Love?
Supersonic
Shakermaker
Acquiesce
Where Did It All Go Wrong?
Gas Panic!
Roll With It
Stand By Me
Wonderwall
Cigarettes & Alcohol
Don't Look Back In Anger
Hey Hey My My
Helter Skelter
Rock N Roll Star


Oggi nella storia degli Oasis

Nove anni fa, il 1° maggio 2002, gli Oasis salivano sul palco di Piazza San Giovanni a Roma. Quattro le canzoni suonate: The Hindu Times e Force Of Nature, pubblicate due mesi dopo nell'album in Heathen Chemistry, e i classici Don't Look Back In Anger e Rock N' Roll Star.




Oasis - Rock'n'Roll Star live @ Roma San Giovanni di oggys



LinkWithin

Related Posts with Thumbnails