lunedì 31 maggio 2010

Video - Noel Gallagher racconta com'è nata Wonderwall, la hit degli Oasis

Terza videointervista a Noel su Time Flies. In questa clip, pubblicata dal canale di YouTube oasisinetofficial, Noel parla di Wonderwall. Sotto il video la traduzione by oasisnotizie



Qualcuno mi aveva comprato un aggeggino che si applica alla chitarra che si chiama capotasto, una cosina che metti sui tasti per poter spostare la voce su tonalità più alte. Io non ne avevo mai sentito parlare per un cazzo! Per quanto oggi possa sembrare strano, visto che tutte le mie canzoni prevedono un capotasto, non ne avevo mai sentito parlare. Qualcuno me l'ha procurato ... Ricordo che mentre strimpellavo pensavo: "È piuttosto originale, no? Forse è la prima cosa originale che abbia mai fatto, no?".

Ricordo che il titolo iniziale era Wishing Stone. Non so perché, ma era una cosa tipo Wonderwall, capisci ... L'album di George Harrison ... Sai, la storia sarebbe stata proprio diversa se l'avessi chiamata Wishing cazzo di Stone! Ricordo che Alan McGee e Dick Green vennero ad ascoltarla, ad ascoltare l'album che praticamente era stato completato. Ricordo che si guardarono. Posso giurare di aver visto i simboli della sterlina £ nei loro occhi.

Ma il commento più bello che abbiano mai fatto su quella canzone è stato ... Venivamo da Glastonbury, dove ci eravamo esibiti come headliner, e avevamo tipo una cassetta. Ricordi quelle cassetta? La cassetta dell'album. Non era neanche un tour bus, era un camioncino con cui tornavamo a Bristol, dove soggiornavamo. E nel camioncino c'erano 10 persone in 12 posti. E Digsy, quello di Digsy's Dinner, era seduto nella parte posteriore del camioncino. Mettemmo su la cassetta e alla fine di Wonderwall disse semplicemente: "Ouch! Quella cosa fa male, cazzo!". Poi si girò verso qualcuno e disse: "Quando esce l'album, se questa non va al numero uno mi caco nei pantaloni!". E poi aggiunse: "In verità se non va al numero uno caco nei vostri pantaloni!". oasisnotizie

VEDI ANCHE: Wonderwall, il pezzo simbolo degli Oasis tra aneddoti e curiosità

 

Tévez farà un disco con Liam e Noel?

Carlos Tévez, centravanti dell'Argentina di Maradona, sarebbe pronto a registrare un album con Liam e Noel Gallagher dopo il Mondiale. La notizia, da prendere sempre con le molle, è stata riferita dal Daily Star. L'attaccante del Manchester City non è nuovo a collaborazioni musicali, visto che in patria aveva già suonato con la band Piola Vago.

La stella del Barcellona Lionel Messi, amico di Tévez, ha dichiarato: «Dopo il calcio, Carlito può avere successo anche nella musica. Ha incontrato alcuni tizi famosi che tifano Manchester Cuty e so che vuole lavorare con loro». La solita fonte vicina ai Gallagher dice: «I ragazzi non si parlano da quando gli Oasis si sono divisi, ma entrambi adorano Tévez perché ha lasciato il Man United per il City. Erano felici come una Pasqua quando hanno saputo che anche lui fa musica e hanno sempre detto che vogliono suonare con la sua band. Carlos è in contatto con entrambi e spera che possano fare musica insieme».

sabato 29 maggio 2010

Liam, occhio agli Oasis

Pubblichiamo un articolo sui Beady Eye apparso ieri sulla versione del quotidiano Leggo in vendita a Bari.



Auguri Noel

Tanti auguri a The Chief che oggi compie 43 anni. Aspettando news sul suo prossimo disco solista ...


Weller collabora con la Pretty Green

oasisnotizie - ripr. ris. Collaborazione in vista tra Paul Weller e Liam. Il primo, infatti, sarebbe in procinto di formare una partnership con la Pretty Green. L'ex frontman dei Jam, che ieri sera ha completato la sua cinque notti di concerti alla Royal Albert Hall di Londra, ha detto al sito della PG di aver già completato alcuni disegni di vestiti, giacche e scarpe di cui ha già parlato con Liam. «Si tratta dello stesso principio che segue Liam: sono tutti abiti che indosserei io». Weller ha poi rivelato che ha indossato un abito concepito dalla PG appositamente per i concerti di questa settimana. Del resto la Pretty Green si chiama così proprio in onore di una canzone dei Jam.

venerdì 28 maggio 2010

Video - Noel: "L'Italia è la mia terza squadra"

Noel ha parlato di nuovo con FA TV, la televisione della Football Association, la federcalcio inglese. In questa intervista, in cui ha dichiarato che «l'Italia è la mia terza squadra», The Chief ha svelato come è diventato amico di Del Piero e come ha fatto a diventare il portafortuna dell'Italia ai Mondiali 2006. Poi ha raccontato un episodio divertente che riguarda Del Piero e Totti. Sottotitoli by frjdoasis2's channel


giovedì 27 maggio 2010

Yoko Ono: "Negli Oasis risplende la bontà"

Alla domanda: "Hai visto Lennon Gallagher ultimamente? Che ne pensi del fatto che Liam ha chiamato suo figlio come John?", Yoko Ono ha risposto:

«Amo gli Oasis. Abbiamo bisogno del loro potere benefico. Nella loro musica risplende la bontà. Spero facciano altri album».

(da imaginepeace.com)

Noel suonerà con i Faces?

oasisnotizie - ripr. ris. I Faces, leggendaria band inglese, sono pronti a tornare sulle scene anche senza Rod Stewart. Con un annuncio sul proprio sito web, tre componenti del gruppo attivo dal 1969 al 1975 - il chitarrista Ron Wood, che suonava nei Faces prima di entrare nei Rolling Stones, il batterista Kenney Jones e il tastierista Ian McLagan - hanno reso noto che collaboreranno con Mick Hucknall, cantante dei Simply Red, e Glen Matlock, bassista dei Sex Pistols.

I cinque dovrebbero esibirsi al Vintage at Goodwood festival il 13 agosto, facendo seguito alla performance alla Royal Albert Hall di Londra dell'ottobre scorso, quando Wood, Jones, McLagan avevano suonato con Hucknall e Bill Wyman, ex bassista dei Rolling Stones, che ha preso il posto del defunto Ronnie Lane, scomparso nel 1997.

In un'intervista alla BBC Wood ha dichiarato che sono in corso colloqui per avere sul palco ospiti speciali come Noel Gallagher, Kelly Jones dei Stereophonics, Slash e Chris Robinson dei Black Crowes.

mercoledì 26 maggio 2010

Video - Noel parla di Cigarettes & Alcohol

oasisnotizie - ripr. ris. Ecco il secondo video di Noel pubblicato dal canale di YouTube oasisinetofficial. Dopo il video in cui parla di Time Flies, l'ex leader degli Oasis spiega il significato di Cigarettes & Alcohol, collegandolo alle prime esibizioni live del gruppo. traduzione by oasisnotizie

«E' diventata un vero inno giovanile. Era l'epoca prima di Internet, non c'erano bootleg né telefonini con fotocamera e merdate così. Tutto veniva trasmesso a voce. Era straordinario vedere che appena si cominciava a suonare la canzone la gente iniziava a battere le mani. Ti veniva da chiedere: "Perché cazzo applaudite? Non l'abbiamo mai fatto prima". Tutto era trasmesso a voce e cominciavamo ad avere un piccolo seguito. Fino agli ultimi concerti, quando suonavamo questa canzone la gente dava fottutamente in escandescenze. Il brano parla di droga e di chiavate, del sociale, di sbronze e di bevute e dell'ascoltare musica. Capisci? Cosa vuoi di più?»


martedì 25 maggio 2010

Ufficiale il nome della band di Liam!

Finalmente è ufficiale. Il nuovo nome della band di Liam è

Beady Eye

In italiano beady-eyed vuol dire "uno a cui non sfugge niente".




A rivelarlo è stato il sito ufficiale degli Oasis, oasisinet.com (logo qui sopra by oasisnotizie)
Beady Eye (Liam Gallagher, Gem Archer, Andy Bell and Chris Sharrock) are in the studio with Steve Lillywhite, working on their way of looking at the world.
(oasisinet.com)


Esclusivo - Scansioni dell'intervista a Liam a FourFourTwo

Comprato stamattina il primo numero del magazine FourFourTwo e trovata per puro caso una divertente intervista a Liam sul Manchester City. Ecco la scansione in esclusiva per oasisnotizie

Video - Noel sui Mondiali: "L'Italia ha una grande difesa"

Noel ha parlato dei Mondiali 2010 con Tim Lovejoy, con cui aveva già chiacchierato tre settimane fa, prima delle elezioni inglesi. Sotto il video una traduzione dell'intervista by oasisnotizie



«L'Italia che ha vinto i Mondiali la volta scorsa, sai ... non aveva individualità eccezionali.

Non si riesce a nominare un giocatore che l'altra volta decise il Mondiale da solo.
Ma avevano un gruppo di giocatori che sapevano cosa facevano, sai.

Sai, il terzino di riserva dell'Italia di solito è meglio del terzino di riserva dell'Inghilterra».

Questa volta no, però ... Ashley Cole sarà il miglior terzino del mondo ...

«Sì, lui sì, ma il nuovo, Johnson, dovrà "tornare" spesso, specie quando incontreremo le grandi squadre. Finché battiamo l'Algeria e pareggiamo con gli Stati Uniti va bene. Poi è ai quarti di finale che si vede ...»

Dici che pareggiamo con l'America? In effetti è diventata una rivale credibile.

«Sì, sono in ottima forma. L'Inghilterra deve giocare bene per batterli. Comunque penso che l'Inghilterra supererà sicuramente la fase a gironi». oasisnotizie

sabato 22 maggio 2010

Video - Noel parla di Time Flies

oasisnotizie - ripr. ris. Su YouTube è stata pubblicata la prima di una serie di 23 interviste che Noel ha rilasciato per la Big Brother Recordings e che saranno visibili solo su Internet nelle prossime due settimane. In occasione dell'uscita della raccolta Time Flies 1994-2009 il cantante ha spiegato come è stato scelto l'ordine delle canzoni: «Ventisette singoli sono tanti, ma mi viene da pensare a tutte le b-side e alle prime canzoni che ho sprecato ... Ho provato a strutturare il disco come un concerto degli Oasis, con un po' di "su e giù", un concerto fottutamente lungo ... Supersonic mi è sembrata una grande apertura e Falling Down una grande chiusura. È tipo un CD che si ascolta prima di uscire e ho cercato di non mettere tutti i grandi pezzi all'inizio, anche se è difficile riservare segreti negli album fatti con i singoli». Nelle prossime interviste Noel rivivrà alcuni dei momenti più significativi della sua carriera. Stay tuned


venerdì 21 maggio 2010

I Bombay Bicycle Club: "Liam ci insulta? Cosa buona"

A marzo Liam li aveva stroncati a partire dal nome, ma i Bombay Bicycle Club, rock band di Londra, sembrano indifferenti ai suoi commenti. «Il nome lo abbiamo scelto velocemente - ha detto il cantante Jack Steadman a Xfm Radio - Ci serviva perché dovevamo fare un concerto. Non abbiamo mai pensato di dover difendere quella scelta. Essere insultati da Liam è una cosa buona, vuol dire che abbiamo catturato la sua attenzione. Non dice mai niente di carino sulle altre band, è bello essere citati da lui».

Bombay Bicycle Club - Evening/Morning


giovedì 20 maggio 2010

Video - Noel sostiene Inghilterra 2018

L'altro giorno ci aveva pensato Fabio Capello a sponsorizzare la candidatura dell'Inghilterra a ospitare i Mondiali 2010. «L'Inghilterra è il luogo migliore per giocare a calcio: i trasporti, i fan, gli stadi, gli hotel. È tutto bello. Ecco perché penso che l'Inghilterra sia il luogo giusto per ospitare la Coppa del Mondo». Poi è toccato ad alcune star della musica come Fat Boy Slim, Clint Boon degli Inspiral Carpets e anche Noel ha sostenuto l'iniziativa I'm in della Umbro con questo video di 18 secondi in cui dice: «Credo che l'Inghilterra debba ospitare i Mondiali nel 2018 perché è una farsa che in tutta la storia della competizione l'abbiamo ospitato solo una volta. Penso che le infrastrutture siano fantastiche e i tifosi eccezionali e la cosa unirà il paese. E la finale sarà dietro l'angolo di casa mia».

Ieri Noel ha consegnato il premio Lifetime Achievement a Paul Weller alla 55esima edizione degli Ivor Novello Awards.


mercoledì 19 maggio 2010

Esclusivo - Videointerviste a Liam con sottotitoli (Cannes 2010)

Liam ha confermato che sarà la sua band a realizzare la colonna sonora del film sui Beatles di cui è produttore. Il cantante, che venerdì era a Cannes con la moglie Nicole, ha aggiunto che si occuperà anche dei costumi e che farà da supervisore. «Non sarà un film sui Beatles, ma un dietro le quinte sui personaggi vicini alla band. Vogliamo tornare alla Apple Records che voleva Lennon».

Nel video che segue, sottotitolato in italiano, Liam parla con Andrew Eaton ai microfoni di Empiremagazine e del Guardian. Eaton ha risposto ad una domanda sulla scena musicale della fine degli anni Sessanta, contesto in cui nacque la leggendaria Apple Corps, azienda che i Beatles, con vero spirito da mecenati, concepirono come società capace di aiutare gli artisti bisognosi e finanziare i loro progetti artistici. Eaton ha ricordato la definizione che McCartney e Lennon diedero della loro creatura, «una prova di comunismo occidentale». «I sogni di gloria naufragarono dopo tre anni - dice ancora Eaton nel video - ma fu un viaggio bellissimo, una fonte di ispirazione. In quel periodo si fece la musica migliore». Eaton ha aggiunto che il film sarà girato all'inizio dell'anno prossimo.
Intervista completa a Liam e Andrew Eaton nel video seguente by frjdoasis2's channel.



Foto di Noel a Londra e Liam a Cannes

Sabato scorso Noel era invitato a Londra ad un matrimonio. Nella foto è con la moglie Sara, incinta. Liam era a Cannes con la moglie Nicole.

sabato 15 maggio 2010

Esclusivo - (Video) Liam intervistato a Cannes

Liam è stato intervistato a Cannes. Ecco il video di TotalFilm con sottotitoli in italiano by frjdoasis2's channel



Liam a Cannes: "Quello sui Beatles sarà il mio unico film"

Liam Gallagher ha precisato che il film sui Beatles a cui sta lavorando non segnerà l'inizio di una sua carriera cinematografica.
Il film si ispira al libro The Longest Cocktail Party di Richard Di Lello, che nel 1968, a 23 anni, aveva iniziato a lavorare come Client Liaison Officer per la Apple Corps, casa discografica di cui sono narrate l'ascesa e la caduta.
La pellicola viene presentata in questi giorni al Festival di Cannes, dove Liam è arrivato con la moglie Nicole. Parlando con Andrew Eaton della Revolution Films, che produrrà il film insieme a lui, Liam ha detto: «Non farò più film, questo è l'ultimo che faccio. Voglio dire che non mi verrà la fissa. Farò questo qui perché mi piace e ho l'opportunità di farlo e Andrew farà sì che succeda, tutto qui».


martedì 11 maggio 2010

Noel Gallagher: "Del Piero è un grande amico"

Noel ha partecipato anche domenica scorsa alla trasmissione radiofonica Talksport, condotta da Andy Goldstein e dall'ex calciatore Ray Parlour. Ecco una sintesi della chiacchierata - traduzione by oasisnotizie
Alla domanda «Come stai?» Noel ha risposto: «Sto da dio, anche perché il titolo l'ha vinto il Chelsea» (e non gli odiati rivali del Manchester United, ndr). Poi gli è stato chiesto se abbia mai pensato di scrivere un'autobiografia. «Mi è stato proposto un paio di volte, ma penso di essere troppo giovane», ha risposto The Chief, che ha aggiunto: «Non credo di potermi sedere lì alla macchina da scrivere e scrivere. Lo potrei fare se al posto mio lo facesse un ghost writer, ma non fa per me».

Il conduttore si è detto sicuro che l'Adidas abbia rifornito Noel di scarpe per la pubblicità cui presta la sua immagine e il diretto interessato ha ammesso che uno dei capi dell'azienda tedesca è un suo caro amico, però ha precisato: «Se chiedi roba te la portano dopo quattro settimane, perciò preferisco andare al negozio e comprarmela. E poi finisci per avere tonnellate di scatole per la casa e la mia casa di Londra non è così grande, sai cosa intendo?». Goldstein gli ha chiesto, allora, di passargli un po' di scarpe, ma Noel lo ha frenato: «Non ti starebbero bene. Non hai la mia misura: io ho piedi piccoli, non proprio da bambina, ma da bimba cresciuta sì! Faccio 39 e mezzo».

D'obbligo, poi, un'opinione sulla stagione del Manchester City, finita amaramente, con la qualificazione in Champions sfumata nelle ultime due giornate. Noel, però, si dice tutto sommato soddisfatto dell'annata della sua squadra: «Credo che ci siamo distanziati un bel po' dal decimo posto e, considerando che abbiamo esonerato l'allenatore a metà stagione, penso che siamo andati bene. Sulla partita di mercoledì non ho da lamentarmi. Ritenevo il Tottenham la squadra migliore e nelle ultime sei giornate hanno sconfitto Chelsea, Arsenal e City, quindi onore a loro». Felice che Mancini sia stato confermato? «Sì, a me va bene. Credo che debbano dargli la possibilità di costruire una squadra. Non è che abbia un compito così difficile, cioè deve solo mettere a punto un po' le cose, ma sono felice che resti».


Qualche giorno fa Noel aveva parlato della sua amicizia con Alex Del Piero e aveva rivelato che il capitano della Juventus gli aveva chiesto di andare allo stadio di Berlino con gli stessi vestiti che indossava allo stadio di Dortmund per la vittoriosa semifinale contro la Germania. Anche il calciatore aveva parlato degli Oasis a Chiambretti Night. Domenica il chitarrista ha risposto a un'altra domanda sull'argomento Del Piero, della cui amicizia con Noel i due conduttori di Talksport non sapevano niente. «Sì, è mio amico - ha ribadito Noel - è mio amico da ... cinque o sei anni. E' un fan degli Oasis e veniva ai concerti in Italia e ... anni fa ero a una trasmissione televisiva in Italia e all'epoca era a fine contratto. Io gli dissi per scherzo che gli avrei dato 150.000 sterline a settimana se fosse venuto al City e il suo agente la prese sul serio! Venne al concerto e mi disse: 'Allora, per il trasferimento?'. Io gli risposi: 'Di cosa parli?'. E lui: 'Puoi farmi parlare con il City?'. E io: 'No, no, non sono mica il proprietario del club!'. Ma da allora siamo amici, qualche volta ci ha presentato lui sul palco e ci ha portato la Coppa del Mondo e cose così ... è un tipo eccezionale».



Niente soggezione o riverenza quando incontri stelle del calcio? «No, no. Non credo di essere stato mai 'colpito da una stella' ... Una volta ho incontrato Neil Young e la cosa quasi mi sconvolse, pure McCartney ... ma con i calciatori no, con tutto il rispetto. Sono tipo eroi della classe operaia, no? Ma sono proprio come me». Qual è il nome più importante sul cellulare di Noel? Demi Moore? «Ho il numero di Bono, è un tipo eccezionale». Infine i programmi per la prossima settimana: «Devo fare qualcosa per la campagna Back The Bid per i Mondiali. Non so cosa sia, forse un'intervista. Poi sabato ho un matrimonio». oasisnotizie 

(grazie a Dougie di SCYHO per la trascrizione in inglese)

lunedì 10 maggio 2010

All'asta la prima cassetta degli Oasis

Ha un titolo pomposo, Popular culture: rock and pop memorabilia sale, l'asta che si terrà a Londra il prossimo 24 giugno. Ma Christie's ha tutte le ragioni per un po' di baldanza, visto che gli articoli che saranno battuti sono d'ottimo livello. Tra i pezzi: la più estesa collezione di souvenir degli Who che sia appartenuta ad una sola persona, la chitarra Gibson Les Paul suonata da Steve Jones dei Sex Pistols, un dipinto eseguito da Ian Dury e, specialmente, la chitarra Yamaha FG-340 utilizzata da George Harrison e la prima registrazione che si conosca degli Oasis in concerto. Quest'ultima, della quale finora si è saputo molto poco, è un inedito ottenuto dal bancone del mixer del Boardwalk di Manchester dove il gruppo dei fratelli Gallagher si esibì verso l'inizio del 1992. La cassetta era finora appartenuta a Dean Hanley, del "giro" musicale di Manchester, il quale la aveva avuta direttamente da Noel Gallagher. La cassetta, siglata 14 gennaio 1992, contiene i brani "A bit of Columbia", "Take me", "Must be the music", "Accoustic", "Arkayla", "Better let you know" e "Take me". Prezzo stimato: 2000-3000 sterline.

(rockol.it)


sabato 8 maggio 2010

Occhiali autografati da Noel all'asta per beneficenza

Per festeggiare il lancio dell'iniziativa benefica Rock Your Shades, in programma il 14 maggio, quando gente proveniente da tutto il Regno Unito si riunirà per indossare occhiali da sole e sostenere con donazioni l'associazione Teenage Cancer Trust, sono stati messi all'asta alcuni paia di occhiali autografati dalle star che hanno partecipato ai concerti di fine marzo alla Royal Albert Hall. Tra questi anche un paio di Aviator Ray Ban autografati da Noel Gallagher. Per maggiori informazioni visita il sito www.teenagecancertrust.org/rockyourshades. Per fare la tua offerta clicca qui.

Ordina Oasis Time Flies su oasisinet

Oasis Time Flies... 1994-2009, la raccolta definitiva dei 27 singoli degli Oasis, esce il 14 giugno. Il sito ufficiale degli Oasis, oasisinet.com, dà la possibilità di preordinarne una copia e di partecipare in tal modo ad un concorso che mette in palio un artwork dell'album autografato da Liam e Noel. Il CD box set in edizione limitata comprende tutti i 38 videoclip della band e la registrazione dell'ultimo concerto degli Oasis, all'iTunes Festival di Londra n del luglio 2009. Per effettuare un pre-order clicca qui.

L'album è disponibile anche sottoforma di LP 5 in edizione limitata in vinile pesante, con copertine interne e un booklet di 20 pagine in un box da 12 pollici. Per preordinarlo clicca qui.

Sono disponibili anche i formati doppio CD e DVD.

venerdì 7 maggio 2010

Liam fa un film sui Beatles

oasisnotizie - ripr. ris. Liam Gallagher farà tornare insieme i suoi idoli, i Beatles, per un film che analizzerà gli stoned years (gli anni all'insegna della droga) che portarono al declino della band. Come riportato dal Daily Mail e confermato dal sito della Pretty Green, il frontman degli Oasis sta progettando un film ambientato tra il 1967 e il 1970 in cui si narrano le atmosfere circensi che accompagnavano il quartetto di Liverpool al Savile Rowdal, il quartier generale della casa discografica Apple. Il film racconterà le vicende dal punto di vista di chi era molto vicino alla band. Liam ha acquisito i diritti di trasposizione cinematografica del libro di memorie scritto da Richard DiLello, che all'epoca lavorava nell'ufficio stampa dei Beatles e scrisse un libro che è stato elogiato da entrambi i fratelli Gallagher. Si intitola The Longest Cocktail Party: An Insider’s Diary Of The Beatles, Their Million Dollar Apple Empire And Its Wild Rise And Fall. Pubblicata nel 1972, l'opera è un resoconto dettagliato degli spostamenti di Paul McCartney, John Lennon, George Harrison, Ringo Starr e di mogli, fidanzate e seguaci, con un occhio di riguardo ai problemi personali e ai disaccordi che condussero alla rottura del sodalizio musicale, su cui DiLello esprime la sua opinione pungente.
Liam lancerà ufficialmente il progetto la prossima settimana al Festival di Cannes insieme alla Revolution Films. Pare che manchino ancora lo sceneggiatore, il regista e agli attori che dovranno impersonare i Fab Four, i loro familiari e gli altri personaggi. Poche certezze sulle date: la sceneggiatura dovrebbe essere pronta per l'inizio dell'anno prossimo.

Adam Ant si scaglia contro Liam e Noel

Adam Ant, uno degli eroi della scena new romantic britannica degli anni Ottanta, ha improvvisamente deciso di prendersela con i fratelli Liam e Noel Gallagher. L'abitualmente schivo artista, che nel 2002 ha avuto problemi con la giustizia ed è stato ricoverato presso un ospedale psichiatrico, prima ha sfidato Liam a fare a botte e poi ha affermato che il testo del suo nuovo singolo attacca sia Noel sia Liam.

Il cantante, che sta completando l'assemblaggio dell'album che segnerà il suo ritorno dopo 15 anni, "Adam Ant is the blueblack Hussar in marrying the gunner’s daughter", ha detto: "Mi piacerebbe fare a botte con Liam, nel modo che preferisce; fisicamente, mentre mentalmente lo batterei in qualsiasi modo, lo so". L'artista, il quale peraltro ha un fisico piuttosto fragile, ha aggiunto di sapere che Liam "probabilmente ha un bodyguard molto grosso" e che secondo lui gli Oasis hanno una sola buona canzone, cioè "Wonderwall". Adam non ha spiegato perché ce l'abbia a morte con i fratelli ma ha specificato che il testo del nuovo singolo "Gun in your pocket" se la prende proprio con loro. Il lato B, "Who's a goofy bunny then?", è invece dedicato al manager punk Malcolm McLaren, recentemente scomparso.

(rockol.it)

mercoledì 5 maggio 2010

(Video) Noel: "Voterò per Tevez"

oasisnotizie - ripr. ris. Noel è stato intervistato dal sito ufficiale della Football Association, la federcalcio inglese.
Inevitabile la domanda sulle elezioni inglesi di domani: «Voterò per Carlos Tevez», ha scherzato il chitarrista, che, com'è noto, non andrà a votare, anche se appoggerebbe il candidato liberaldemocratico Nick Clegg se proprio dovesse farlo. Fan del Manchester City, Noel ha rivelato che sua moglie gli ha chiesto per chi intendesse votare, al che ha risposto: «Per nessuno. Prendo la scheda e scrivo a caratteri cubitali 'Tevez è Dio', poi la infilo nell'urna. Voto Tevez».
Noel si è detto dubbioso sulla sua presenza ai Mondiali sudafricani di quest'estate, visto che la moglie è incinta. A questo proposito Noel dice di voler chiamare il figlio Carlos o solo Tevez. «O anche Carlitos Gallagher ...». Quanto ai Mondiali, Sara ha risposto con una risata alle previsioni del marito, che dà l'Inghilterra in semifinale. «Lei è scozzese, quindi odia l'Inghilterra», ha spiegato Noel, che ha aggiunto, a proposito del suo tifo accanito per il Manchester City: «Anais non riesce a concepire l'idea che il padre guardi la televisione in piedi e gridi. Mi dice: 'Papà, siediti, mi fai paura!'».


Mick Jagger critica gli Oasis

oasisnotizie - ripr. ris. Mick Jagger ha criticato gli Oasis perché, a suo dire, non riescono ad entrare in sintonia con il pubblico dei loro concerti. Parlando con Christian O'Connell al Breakfast Show, su Absolute Radio, il frontman dei Rolling Stones, noto per i propri scatti sul palco, ha dichiarato: «Be', non si muovono. Questo non vuol dire che non entrano in sintonia con il pubblico. A volte ci riescono, ma altre volte quello non è un bel modo di fare». Poi Jagger ha rievocato un episodio degli anni '90: «Qual era quella famosa storia? Quando erano a New York e, ritenendo che il pubblico di New York non facesse abbastanza rumore, dissero qualcosa tipo: 'Fate schifo' o 'New York, siete una massa di stron*i' o qualcosa del genere. Non sono cose che si fanno, specialmente a New York». Al contrario il 66enne rocker ha lodato i Kings Of Leon perché hanno imparato ad entrare in sintonia con il pubblico, sconfiggendo una certa timidezza.

martedì 4 maggio 2010

Liam: "Certa gente nasce elegante"

Come riporta il Sun, in occasione della presentazione della Pretty Green negli USA, Liam ha dichiarato: «Certe persone nascono eleganti. Non spetta a me dire se io lo fossi o meno. Ma lo ero». La modestia non è mai stata il suo forte ...

Degli Oasis le 3 canzoni britanniche più belle di sempre

Xfm Radio ha decretato le 100 canzoni britanniche più belle di sempre. E ai primi tre posti ci sono tre canzoni degli Oasis. Per vedere la classifica completa clicca qui.

lunedì 3 maggio 2010

Tony McCarroll sputa il rospo

Tony McCarroll racconterà, finalmente, la sua verità. Il primo batterista degli Oasis, allontanato in modo controverso dalla band alla fine di aprile del 1995, ha scritto un libro dal titolo Oasis: The Truth, the Noel Truth, is Nothing Like the Truth (La verità, la verità di Noel, non è niente di simile alla verità) che uscirà il 4 ottobre 2010 per la Blake Publishing. Per maggiori dettagli clicca qui.

domenica 2 maggio 2010

"Gli Oasis hanno snobbato Glastonbury "

Michael Eavis, fondatore del Festival di Glastonbury, ha rivelato che nel 2009 gli Oasis avevano rifiutato la sua proposta di fare da headliner all'evento, preferendo esibirsi in due serate al V Festival (una delle due fu poi annullata all'ultimo minuto). 

"Adesso hanno litigato - ha detto al sito contactmusic.com - L'anno scorso avevo offerto agli Oasis un'occasione, ma non l'hanno colta. Così hanno fatto i loro concerti ed è esploso tutto. Avevo dato loro l'opportunità di tornare su quel palco, ma si sono tirati la zappa sui piedi l'anno scorso, o no? Avrebbero dovuto accettare la mia offerta. Nessuno ha mai rifiutato i concerti che propongo!".

sabato 1 maggio 2010

Di chi è il logo più bello?



Di chi è il logo più bello di sempre?
Il sito gigwise.com ha lanciato il sondaggio. In corsa Radiohead, Led Zeppelin, Rolling Stones, Oasis, Beatles, Muse, Nirvana, Green Day, Slipknot, Daft Punk, Aerosmith e molti altri. Clicca qui per dare il tuo voto.

Oggi nella storia degli Oasis

Otto anni fa, il 1° maggio 2002, gli Oasis salivano sul palco di Piazza San Giovanni a Roma. Quattro le canzoni suonate: The Hindu Times e Force Of Nature, pubblicate due mesi dopo nell'album in Heathen Chemistry e i cavalli di battaglia Don't Look Back In Anger e Rock N' Roll Star.




LinkWithin

Related Posts with Thumbnails